Paul-Claude Racamier e la bottega della psichiatria

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Antonio Maria Ferro, Valentino Ferro
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 69-89 Dimensione file: 151 KB
DOI: 10.3280/GRU2012-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Paul-Claude Racamier era un artista, un artigiano raffinato che ci ha in-segnato lo spazio mentale per una "bottega della psichiatria" dove teoria e pratica potessero crescere in modo sinergico, grazie all’esperienza, la sensibilità, la curiosità mai sazia propria del talento individuale dell’artigiano e della sua scuola, per noi il gruppo di lavoro/équipe. Riprendiamo tre temi tra i molteplici aspetti di analisi psicopatologica e clinica che il Maestro ha approfondito durante la sua vita e professione: 1) la terapia istituzionale ed il concetto di istituzione curata: verranno illustrate le distruttive funzioni tanatofore e le "azioni parlanti", geniali scoperte terapeutiche di Racamier, in grado di contrastarle; 2) lavoro sulla "maternalità" e sulla "maternalità psicotica". Egli sviluppa questa ricerca, tra i primi in Europa, più di cinquanta anni fa ed è stato il pioniere del concetto di ricovero congiunto madre e bambino che sperimentò nelle Unità di crisi inaugurate a Parigi negli anni ’60; 3) la comprensione dei meccanismi psicopatologici della perversione narcisistica: egli propone, proprio alla fine della sua vita, la Patologia del Quarto Tipo, la Patologia dell’agire che nega il pensiero ed il suo spazio mentale, patologia che si sviluppa negli anni ’90 e si diffonde nel primo decennio del 2000.

Antonio Maria Ferro, Valentino Ferro, Paul-Claude Racamier e la bottega della psichiatria in "GRUPPI" 2/2012, pp 69-89, DOI: 10.3280/GRU2012-002006