Clicca qui per scaricare

Mercato senza pluralismo. Relazioni industriali e assetti liberal-democratici
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Gian Primo Cella 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 131 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 19-36 Dimensione file:  304 KB
DOI:  10.3280/SL2013-131002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio, a partire da una riflessione più generale sulla natura della crisi economico- finanziaria del capitalismo moderno, focalizza l’attenzione sul funzionamento e sul futuro delle democrazie pluraliste, ovvero gli assetti fondati sull’operare di quelle organizzazioni e associazioni autonome che contribuiscono al governo, o meglio, alla governance delle società entro i quali hanno vissuto (sia pure con fratture drammatiche) le convivenze politiche lungo tutto il XX secolo. L’avvento dei mercati globali, delle strategie di risanamento finanziario orientate dalle istituzioni economiche sovranazionali, delle procedure globali di riorganizzazione produttiva ispirate al World Class Manufacturing hanno gradualmente compromesso il rapporto fra mercato e pluralismo. Mancano, o si rivelano inadeguate, le istituzioni in grado di regolare i mercati globali e quando esse esistono, come nella governance economica transnazionale, non favoriscono il metodo dell’accordo, strumento principe delle relazioni pluraliste. Nel contempo scompare un altro dei protagonisti della scena del pluralismo, il partito di massa, progressivamente sostituito da partiti orientati soprattutto a partecipare in modo esclusivo alla spartizione delle cariche pubbliche. Inoltre, i processi di ridefinizione interna dei confini attraverso i movimenti localisti favoriscono la trasformazione dei conflitti di interesse in veri e propri conflitti di identità. Tempi duri quindi per il pluralismo e per le organizzazioni collettive di rappresentanza degli interessi, alla costante ricerca di un nuovo e più sostenibile equilibrio in uno scenario sempre più influenzato dalle logiche del mercato.


Keywords: Pluralismo, democrazia, relazioni industriali, istituzioni, rappresentanza

  1. Bryson A., Ebbinghaus B., Visser J (2011), “Introduction: Causes, consequences and cures of union decline”, in European Journal of Industrial Relations, 17 (2), pp. 97-105.
  2. Bryson A., Forth J., Laroche P. (2011), “Evolution or revolution? The impact of unions on workplace performance in Britain and France”, in European Journal of Industrial Relations, 17 (2), pp. 171-187,, DOI: 10.1177/0959680111400907
  3. Calise M. (2010), I partiti e lo Stato democratico, in Annali della Fondazione G. Feltrinelli, cit., pp. 299-321.
  4. Cella G.P. (2012), “L’arte della comparazione nelle relazioni industriali”, in Quaderni di rassegna sindacale, XIII, n. 1, pp. 75-80.
  5. Crouch C. (2012), Il potere dei giganti, Bari-Roma: Laterza.
  6. Dahl R.A. (1996), I dilemmi della democrazia pluralista, Premessa di S. Veca, Milano: Est (I ediz. orig. 1982).
  7. Dahl R.A. (2002), Intervista sul pluralismo, a cura di G. Bosetti, Bari-Roma: Laterza.
  8. Dahl R.A. e Lindblom C.E. (1963), Politics. Economics, and Welfare, New York: Harper Torchbooks (I ediz. 1953)
  9. Dale G. (2012), “Double movements and pendular forces: Polanyian perspectives on the neoliberal age”, in Current Sociology, 60, n. 3, pp. 3-27,, DOI: 10.1177/0011392111426645
  10. Eisfeld R. (1976), Il pluralismo fra liberalismo e socialismo, Bologna: il Mulino.
  11. Elster J. (1993), Argomentare e negoziare, Milano: Anabasi.
  12. Ferrarese M.R. (2010), La governance e la democrazia postmoderna, in Annali della Fondazione G. Feltrinelli, cit., pp. 61-109.
  13. Fortunato V. (2008), Ripensare la Fiat di Melfi. Condizioni di lavoro e relazioni industriali nell’era del World Class Manufacturing, Roma: Carocci.
  14. Hall P. e Soskice D. (a cura di) (2001), Varieties of Capitalism, Oxford: Oxford University Press.
  15. Hirsch B.T. (2008), “Sluggish Institutions in a Dynamic World: Can Unions and Industrial Competition Coexist?”, in The Journal of Economic Perspectives, 22 (1), pp. 153-176.
  16. Le Goff J. (2012), Georges Gurvitch. Le pluralisme créateur, Paris: Michalon.
  17. Lindblom C.E. (1979), Politica e mercato, Milano: Etas (I ediz. orig. 1977).
  18. Manin B. (2010), Principi del governo rappresentativo, Bologna: il Mulino.
  19. Morlino L. (a cura di) (1991), Costruire la democrazia. Gruppi e partiti in Italia,
  20. Bologna: il Mulino. North D.C. (1990), Institutions, Institutional Change and Economic Performance, Cambridge: Cambridge University Press.
  21. Perulli P. (2012), Il dio Contratto. Origine e istituzione della società contemporanea, Torino: Einaudi.
  22. Piore M.J. (2011), “Whither Industrial Relations: Does It have a Future in Post-Industrial Society?”, in British Journal of Industrial Relations, 49, n. 4, pp. 792-801,, DOI: 10.1111/j.1467-8543.2011.00880.x
  23. Pizzorno A. (1983), Il sistema pluralistico di rappresentanza, in S. Berger, a cura di, L’organizzazione degli interessi nell’Europa occidentale, Bologna: il Mulino, pp. 351-413.
  24. Pizzorno A. (2010), Se i partiti sono davvero un ponte; se il voto ha sempre il significato di una volta: da che cosa dipende il potere personale dei partiti?, in La democrazia di fronte allo Stato, Annali Fondazione G. Feltrinelli, 44, Milano: Feltrinelli.
  25. Polanyi K. (1974), La grande trasformazione, Torino: Einaudi (I ediz. orig. 1944).
  26. Polanyi K. (1993), Cronache della grande trasformazione, a cura di M. Cangiani, Torino: Einaudi.
  27. Regini M. (2000), Modelli di capitalismo. Le risposte europee alle sfide della globalizzazione, Roma-Bari: Laterza.
  28. Streeck W. (2009), Re-Forming Capitalism. Institutional Change in the German Political Economy, Oxford: Oxford University Press.
  29. Traxler F. e Brandl B. (2012), “Collective Bargaining, Inter-Sectoral Heterogeneity and Competitivenss: A Cross-National Comparison of Macroeconomic Performance”, in British Journal of Industrial Relations, 50, n. 1, pp. 73-98.
  30. Treu T. (2011), Come evolvono le relazioni industriali, in L’annuario del lavoro 2011, cit., pp. 209-227.
  31. Vimercati A. (a cura di) (2009), Il conflitto sbilanciato, Bari: Cacucci.
  32. Baccaro L. e Howell C. (2010), “Il cambiamento delle relazioni industriali nel capitalismo avanzato: una traiettoria comune”, in Quaderni di rassegna sindacale, XIII, n. 1, pp. 13-73.
  33. Blanchard O. e Giavazzi F. (2003), “Macroeconomic Effects of Regulation and Deregulation in Goods and Labor Markets”, in Quarterly Journal of Economics, 118 (3), pp. 879-907,, DOI: 10.1162/00335530360698450
  34. Bobbio N. (1981), La regola di maggioranza: limiti e aporie, in N. Bobbio, C. Offe, S.Lombardini, Democrazia, maggioranza e minoranze, Bologna: il Mulino, pp. 33-72.
  35. Bordogna L., “La regolazione del lavoro nel capitalismo che cambia: fosche prospettive?”, in Stato e Mercato, n. 1, pp. 15-28.
  36. Bordogna L. e Cella G.P. (2000), “Stato e relazioni industriali: ammissione, esclusione, correzione”, in Stato e Mercato, n. 1, pp. 25-51.



  1. Stefano Gasparri, Studying work in theory and practice: insights for a globalising academia from the IR trajectory in Italy in Industrial Relations Journal /2017 pp. 310, DOI: 10.1111/irj.12182
  2. Romolo Calcagno, Le imprese recuperate dai lavoratori in Italia. Una sperimentazione territoriale di reciprocità in SOCIOLOGIA URBANA E RURALE 116/2018 pp. 59, DOI: 10.3280/SUR2018-116005

Gian Primo Cella, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 131/2013, pp. 19-36, DOI:10.3280/SL2013-131002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche