Clicca qui per scaricare

Ragione ed etica in Ernesto De Martino
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori:  Anna Donise 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 79-91 Dimensione file:  108 KB
DOI:  10.3280/PARA2013-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il percorso di Ernesto De Martino appare segnato da una duplicità: da un lato l’interesse per il mondo del mito, del rito, per quello che hegelianamente si può definire il "negativo" della vita; e dall’altro la piena consapevolezza, maturata molto presto, della necessità di tenere separate indagini, studio e comprensione di tali fenomeni, dalla "condivisione" di essi. L’ipotesi che si intende proporre nel presente saggio è che nella lunga elaborazione teorica rimasta interrotta di La fine del mondo, la fenomenologia, soprattutto nella versione dell’ultimo Husserl, e l’esistenzialismo (Sartre, Jaspers, Paci) offrono l’armamentario teorico che permette a De Martino di affrontare la dimensione oscura e "negativa", senza, tuttavia, rinunciare al "postulato della comune umanità".


Keywords: Etica, fenomenologia, irrazionalismo, psicopatologia, ragione, soggettività.

  1. Battini M. (1990). La ragione negata. I fondamenti psicologici dell’antropologia demartiniana. In: Di Donato R., a cura di. La contraddizione felice? Ernesto De Martino e gli altri. Pisa: ETS.
  2. Charuty G. (2009). Les vies antérieures d’un anthropologue. Marseille: Parenthèses (trad. it.: Ernesto De Martino. Le precedenti vite di un antropologo. Milano: Angeli, 2010).
  3. Conte D. (2010). Decadenza dell’Occidente e fede nel giovane De Martino. Archivio di Storia della Cultura, 23: 485-505.
  4. Croce B. (1949). Intorno al magismo come età storica. In: Id., Filosofia e storiografia . Napoli: Bibliopolis, 2005 (rist. in: De Martino, 1948, pp. 242-253).
  5. De Natale N. (1985). La fenomenologia come critica della “ragione pigra”. In: Signore M., a cura di. Husserl. La “Crisi delle scienze europee” e la responsabilità storica dell’Europa. Milano: Angeli: 311-319.
  6. Di Donato R. (1990). Preistoria di Ernesto De Martino. In: Di Donato R., a cura di. La contraddizione felice? Ernesto De Martino e gli altri. Pisa: ETS: 41-67.
  7. Gallini C. (1997). Le patrie culturali, la memoria. In: Gallini C. e Massenzio M., a cura di. Ernesto De Martino nella cultura europea. Napoli: Liguori: 5-10.
  8. Gallini C. e Faeta F. (1999). I viaggi nel Sud di Ernesto De Martino. Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Husserl E. (1954). Die Krisis der europäischen Wissenschaften und die transzendentale Phänomenologie. den Haag: Martinus Nijhoff (trad. it.: La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale. Milano: il Saggiatore, 1997).
  10. Husserl E. (1988). Vorlesungen über Ethik und Wertlehre 1908-1914. Dordrecht: Kluwer (trad. it.: Lineamenti di etica formale: lezioni sull’etica e la teoria dei valori del 1914. Firenze: Le Lettere, 2002).
  11. Kant I. (1781/1787). Kritik der reinen Vernunft. Berlin: De Gruyter (trad. it.: Critica della ragion pura, a cura di P. Chiodi. Torino: UTET, 1986).
  12. Paci E. (1950). Il nulla e il problema dell’uomo. Torino: Einaudi.
  13. Scheler M. (1916). Der Formalismus in der Ethik und die materiale Wertethik. Freiburg: Niemeyer (trad. it.: Il formalismo nell’etica e l’etica materiale dei valori. Cinisello Balsamo: San Paolo, 1996).
  14. Sartre J.P. (1939). Esquisse d’une théorie des émotions. Paris: Hermann (trad. it.: Idee per una teoria delle emozioni. Milano: Bompiani, 2004).
  15. Storch A. und Kulenkampff (1950). Zum Verständnis des Weltuntergang beiden Schizophrenen. Der Nervenarzt, 21, 102: 102-108.

Anna Donise, in "PARADIGMI" 2/2013, pp. 79-91, DOI:10.3280/PARA2013-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche