Clicca qui per scaricare

De Martino, Adorno e le avventure del Sé
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Stefano Petrucciani 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 125-137 Dimensione file:  109 KB
DOI:  10.3280/PARA2013-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo propone un paragone tra le teorie di Ernesto De Martino e quelle di Theodor W. Adorno soffermandosi in particolare su due testi chiave come Il mondo magico (1948) dell’antropologo italiano e la Dialettica dell’illuminismo (1947) scritta da Adorno in collaborazione con Max Horkheimer. Entrambi i testi studiano il processo di costituzione del soggetto autonomo, capace di controllare la sua interiorità e di dominare la natura. Ma entrambi riflettono anche, e questo è l’aspetto che viene sottolineato maggiormente nell’articolo, sul fatto che la soggettività autonoma e razionale non è una conquista irreversibile, ma è costantemente esposta al rischio della regressione e della barbarie, come ha mostrato l’esperienza dei totalitarismi del Novecento.


Keywords: Adorno, De Martino, magia, Sé, soggettività.

  1. Adorno T.W. (1938). Recensione di R. Caillois, La mante religieuse. Zeitschrift für Sozialforschung, 7, 3: 410-411.
  2. Adorno T.W. (2000). Interpretazione dell’Odissea. Roma: manifestolibri.
  3. Barbera S. (1990). “Presenza” e “Mondo”. Modelli filosofici nell’opera di Ernesto De Martino. In: R. Di Donato, a cura di. La contraddizione felice? Ernesto De Martino e gli altri. Pisa: ETS: 103-127.
  4. Caillois R. (1937). La mante religieuse. Recherche sur la nature et la signification du mythe. Paris: Aux Amis des livres.
  5. Caillois R. (1938). Le mythe e l’homme. Paris: Gallimard, 1972.
  6. Caillois R. (1958). Les jeux et les hommes: le masque et le vertige. Gallimard, 1991 (trad. it.: I giochi e gli uomini. Milano: Bompiani, 1995).
  7. Cherchi P. e Cherchi M. (1987). Ernesto De Martino. Dalla crisi della presenza alla comunità umana. Napoli: Liguori.
  8. Croce B. (1949). Intorno al magismo come età storica. In: Id., Filosofia e storiografia. Bari: Laterza (rist. in De Martino, 1948, pp. 242-253).
  9. Freud S. (1920). Jenseits des Lustprinzips. In: Id., Gesammelte Werke, Bd. 13. London: Imago, 1940 (trad. it.: Al di là del principio di piacere. In: Opere di Sigmund Freud, Vol. 9. Torino: Bollati Boringhieri, 2000).
  10. Horkheimer M. e Adorno T.W. (1944). Dialektik der Aufklärung. Amsterdam: Querido, 1947 (trad. it.: Dialettica dell’illuminismo. Torino: Einaudi, 1997). Kant I. (1781/1787). Kritik der reinen Vernunft. In: Id., Werke, Bd. 3. Berlin: Gruyter, 1968 (trad. it.: Critica della ragion pura. Roma-Bari: Laterza, 2012).
  11. Janet P. (1889). L’automatisme psychologique. Paris: Alcan.
  12. Pàstina R. (2005). Il concetto di presenza nel primo De Martino. In: C. Gallini, a cura di. Ernesto De Martino e la formazione del suo pensiero. Napoli: Liguori: 115-129.
  13. Sasso G. (2001). Ernesto De Martino fra religione e filosofia. Napoli: Bibliopolis.
  14. Solmi R. (1952). Ernesto De Martino e il problema delle categorie. Il Mulino, 1, 7: 315-327.
  15. Solmi R. (1954). Introduzione a T.W. Adorno, Minima moralia. Torino: Einaudi: XI-LXI.

Stefano Petrucciani, in "PARADIGMI" 2/2013, pp. 125-137, DOI:10.3280/PARA2013-002010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche