Clicca qui per scaricare

La tecnologia tetragona e la difficile arte di decidere quando usarla
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Manuela Delfino 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 139-146 Dimensione file:  193 KB
DOI:  10.3280/RIP2013-01009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Malgrado quanto lamentato da varie autorevoli fonti, esistono realtà in cui la tecnologia non è tenuta fuori dall’androne scolastico, in cui i docenti hanno competenze tecnologiche e in cui si ha la possibilità di modificare l’organizzazione tradizionale del tempo-scuola. Il contributo - che si basa su un’esperienza didattica vissuta in prima persona - presenta una riflessione su due elementi di cui tener conto in questo tipo di realtà: la necessità di infrastrutture tecnologiche solide ed affidabili, e l’importanza di riconoscere in quali situazioni sia preferibile non ricorrere all’uso della tecnologia.


Keywords: Infrastruttura tecnologica, scuola secondaria, usi e abusi della tecnologia.

  1. Collins, A., & Halverson, R. (2009). Rethinking education in the age of technology. The digital revolution and schooling in America. New York: Teachers College Press.
  2. Cortigiani, P. (2008). La scuola come mente collettiva: la ricerca organizzativa della “don Milani” di Genova. TD-Tecnologie Didattiche, 45, 4-12.
  3. Crook, C. (2012). The ‘digital native’ in context: tensions associated with importing Web 2.0 practices into the school setting. Oxford Review of Education, 38, 63-80., DOI: 10.1080/03054985.2011.577946
  4. Delfino, M. (2011). Against BibliOblivion: How modern scribes digitized an old book. Computers and Education, 57, 2145-2155.
  5. Delfino, M. (2012). Don’t trash your spam! Reasoning on spam as a way to train critical thinking. In P.M. Pumilia-Gnarini, E. Favaron, E. Pacetti, J. Bishop, & L. Guerra (Eds.), Didactic strategies and technologies for education incorporating advancements (pp. 803-809). Hershey, USA: Information Science Reference.
  6. , DOI: 10.4018/978-1-4666-2122-0.ch070
  7. Delfino, M. (2013). Il supporto di ambienti online nella didattica: una questione di disciplina. Bricks, 3(1), 16-27.
  8. Ferraris, M. (2007). LabTD: un laboratorio di tecnologie didattiche per docenti. TD-Tecnologie Didattiche, 40, 4-13.
  9. Gibelli, C. (2008). Organizzazione del lavoro in rete: il caso di una scuola media italiana. TD-Tecnologie Didattiche, 45, 13-22.
  10. GISCEL (1975). “Dieci tesi per l’educazione linguistica democratica”, http://www.giscel.org/.
  11. Papert, S. (1993). The children’s machine. Rethinking school in the age of the computer . New York: Basic Books.
  12. Selwyn, N. (2011). Editorial: In praise of pessimism. The need for negativity in educational technology. British Journal of Educational Technology, 42, 713-718., DOI: 10.1111/j.1467-8535.2011.01215.x
  13. Stigler, J., & Hiebert, J. (1999). The teaching gap: Best ideas from the world’s teachers for improving education in the classroom. New York: Free Press.
  14. Tyack, D., & Cuban, L. (1995). Tinkering toward utopia: A century of public school reform. Cambridge, MA: Harvard University Press.

Manuela Delfino, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 1/2013, pp. 139-146, DOI:10.3280/RIP2013-01009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche