Clicca qui per scaricare

Ricerca psicologica, nuove tecnologie e apprendimento scolastico
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Alda M. Scopesi 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  6 P. 171-176 Dimensione file:  174 KB
DOI:  10.3280/RIP2013-01013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’introduzione delle tecnologie digitali marca una fase critica di passaggio nella storia dell’umanita: la scuola non sta al passo con la velocita di questo cambiamento, che implica l’affermarsi di modalita di elaborazione e trasmissione delle informazioni molto diverse da quelle utilizzate nell’epoca pre-computer. D’altra parte, la ricerca psicologica ha valorizzato il ruolo del computer nell’elaborazione della conoscenza e ne ha testimoniato l’efficacia nei processi di apprendimento. Sembra necessario tuttavia che l’uso delle nuove tecnologie a scuola sia inserito in un progetto formativo che valorizzi il rapporto diretto tra allievo e docente, in quanto le forme piu mature di pensiero critico vengono acquisite solo attraverso la dialettica e lo scambio tra menti umane. .


Keywords: Tecnologie digitali ed elaborazione dell’informazione

  1. Anolli, L., & Mantovani, F. (2011). Come funziona la nostra mente. Apprendimento, simulazione e Serious Games. Bologna: il Mulino.
  2. Carr, N. (2010). The shallows. What the Internet is doing to our brains. New York: Norton (trad.it. Internet ci rende stupidi? Come la Rete sta cambiando il nostro cervello. Milano: Cortina, 2011).
  3. Doise, W., & Mugny, G. (1981). Le developpement social de l’intelligence. Paris: Inter Editions (trad.it. La costruzione sociale dell’intelligenza. Bologna: il Mulino, 1982).
  4. Fonagy, P. (2008). The mentalization-focused approach to social development. In F.N. Busch (Ed.), Mentalization. Theoretical Considerations, Research Findings and Clinical Interpretations (pp. 3-56). Amazon, UK: CRC Press.
  5. Foreman, R. (2005). The pankake people or “The Gods are pounding my head, Edge, 8 marzo 2005 (http://www.edge.org/3rd_culture/foreman05/foreman05_index.html).
  6. Greenfield, P.M. (2009).Technology and informal education: what is taught, what is learned. Science, 323, 69-71., DOI: 10.1126/science.1167190
  7. Lecce, S., Caputi, M., & Hughes, C. (2011). Does sensitivity to criticism mediate the relationship between theory of mind and academic achievement? Journal of Experimental Child Psychology, 110(3), 313-331., DOI: 10.1016/j.jecp.2011.04.011
  8. Pea, R. (1993). Practices of distributed intelligence and designs of education. In G. Salomon (Ed.), Distributed cognitions. Psychological and educational considerations (pp.47-87). Cambridge Ma., Cambridge University Press.
  9. Semin, G.R., & Echterhoff, G. (2011). Grounding Sociality. London: Taylor & Francis. 12
  10. Trentacosta, C.J. & Izard, C.E. (2007). Kindergarten children’s emotion competence as a predictor of their academic competence in first grade. Emotion, 7, 77-88., DOI: 10.1037/1528-3542.7.1.77

Alda M. Scopesi, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 1/2013, pp. 171-176, DOI:10.3280/RIP2013-01013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche