Clicca qui per scaricare

Esperienze somatiche e disfunzioni emergenti: un dialogo
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Michael Clemmens, Frank Ruella, Edward Smith 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 9-28 Dimensione file:  919 KB
DOI:  10.3280/GEST2013-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Concetti teorici fondanti la psicoterapia della Gestalt quali la co-creazione all’interno di una dinamica di campo nel presente, l’esperienza incarnata della relazione, il rispetto delle resistenze del paziente come adattamenti creativi, costituiscono lo sfondo che orienta le risposte dei tre esperti psicoterapeuti della Gestalt alle domande dei direttori della rivista Studies in Gestalt sul tema della dimensione corporea nella pratica clinica. La psicoterapia della Gestalt ha sviluppato al suo interno due tradizioni di intervento clinico, una orientata al lavoro sul corpo, l’altra ad una pratica più verbale. La sfida attuale nella quale si ritrovano impegnati teorici, clinici, formatori e allievi è allora costituita dal recupero del senso integrativo e olistico imposto da un approccio fenomenologico e basato sul primato dell’esperienza.


Keywords: Corpo, olismo, co-creazione, relazione incarnata, adattamento creativo, esperienza, psicoterapia della Gestalt

  1. Alexander F.M. (1990). The Alexander Technique: The selected writing of F. M. Alexander. New York: First Carol Publishing Group (trad. it.: La tecnica Alexander. Scritti scelti e introdotti da Edward Maizel. Roma: Astrolabio, 1998). Bainbridge-Cohen B. (1993). Sensing, feeling and action. Northhampton, MA: Contact Editions.
  2. Bartenieff I. (1980). Body movement: Coping with the environment. Philadelphia: Gordon and Breach Science Publishers.
  3. Clemmens M., Frank R., Smith E. (2008). Somatic Experience and Emergent Dysfunction: Gestalt Therapists in Dialogue and in Response to Questions from the Editors and from Eugene Gendlin. Studies in Gestalt Therapy, 2, 2: 11-39.
  4. Hanna T. (1993). The body of life. Rochester, VT: Healing Life Press.
  5. Juhan D. (2002). Job’s body: A handbook for bodywork (3rd ed.). Barrytown, NY: Station Hill Press.
  6. Keleman S. (1989). Patterns of distress: Emotional insults and human form. Berkeley, CA: Center Press.
  7. Kelley C. (1974). Education in feeling and purpose. Santa Monica, CA: Radix Institute.
  8. Kennedy D. (2005). The lived body. British Gestalt Journal, 14, 2: 109-117.
  9. Kurtz R. (1981). Training manual: Ron Kurtz method of body centered psychotherapy. Putnam, CT: Hakomi Institute.
  10. Lowen A. (1971). The language of the body. New York: Collier (trad. it.: Il linguaggio del corpo. Milano: Feltrinelli, 2003).
  11. Perls L. (1993). Living at the boundary. New York: Gestalt Journal Press.
  12. Pesso A. (1973). Experience in action. New York: New York University Press.
  13. Pierrakos J.C. (1987). Core energetics. Mendocino, CA: LifeRhythm (trad. it.: Corenergetica. Imparare ad amare e a guarire. Spigno Saturnia: Crisalide, 1994).
  14. Reich W. (1949). Character analysis. New York: Noonday Press (trad. it.: Analisi del carattere. Milano: Sugarco, 1994).
  15. Smith E.W.L. (1985). The body in psychotherapy. Jefferson, NC: McFarland.

Michael Clemmens, Frank Ruella, Edward Smith, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2013, pp. 9-28, DOI:10.3280/GEST2013-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche