Clicca qui per scaricare

Verso un approccio più profondamente incarnato in psicoterapia della Gestalt
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: James I. Kepner 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 67-80 Dimensione file:  361 KB
DOI:  10.3280/GEST2013-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo esamina criticamente l’evoluzione del lavoro ad orientamento corporeo in psicoterapia della Gestalt. L’autore evidenzia i punti di forza dell’approccio gestaltico, come il lavoro sul presente ed il punto di vista integrato, ma ne sottolinea anche alcune possibili limitazioni teoriche come un’interpretazione troppo ristretta dell’epistemologia dei fondatori, l’inadeguatezza del considerare solo la consapevolezza ai fini del cambiamento psicofisico, la mancata inclusione di concetti strutturali e di metodologie corporee che comprendano il toccare ed il movimento e altri metodi corporei. Viene inoltre descritto un breve modello per mostrare i molti livelli di complessità di un approccio pienamente incarnato.


Keywords: Lavoro ad orientamento corporeo, psicoterapia della Gestalt, epistemologia, formazione in psicoterapia della Gestalt, approccio non dualistico, sé, campo organismo/ ambiente, sfondo strutturato, consapevolezza, schemi e organizzazione, teoria evolutiva.

  1. Bainbridge Cohen B., Nelson L., Smith N.S. (1993). Sensing, feeling, and action: The experiential anatomy of body-mind centering. Northampton, MA: Contact Editions.
  2. Frank R. (2001). Body of awareness: A somatic and developmental approach to psychotherapy. Cambridge, MA: Gestalt Press (trad. it.: Il corpo consapevole. Un approccio somatico ed evolutivo alla psicoterapia. Milano: FrancoAngeli, 2005).
  3. Kepner J.I. (1987). Body process: Working with the body in psychotherapy. Cleveland, OH: Gestalt Institute of Cleveland Press (trad. it.: Body Process. Il lavoro con il corpo in psicoterapia. Milano: FrancoAngeli, 1997).
  4. Kepner J.I. (2000). Gestalt approaches to body-oriented theory: An introduction. Gestalt Review, 4, 4: 262-266.
  5. Kepner J.I. (2003). Energy & the nervous system in embodied experience. Presented to the United States Association for Body Psychotherapy. Available for downloading at: http://www.pathwaysforhealing.com.
  6. Perls F.S. (1969). Ego, hunger and aggression. New York: Vintage Books (Originally published 1947) (trad. it.: L’io, la fame e l’aggressività. Milano: FrancoAngeli, 1995).
  7. Perls F., Hefferline R., Goodman P. (1951). Gestalt therapy: Excitement and growth in the human personality. New York: Julian Press (trad. it.: Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Vitalità e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio, 1997).
  8. Rubenfeld I. (2000). The Listening Hand. New York: Bantam.
  9. Wheeler G. (1996). Gestalt reconsidered: A new approach to contact and resistance. New York: Analytic Press (trad. it.: Che cos’è la terapia gestaltica. Un nuovo approccio al contatto e alla resistenza. Roma: Astrolabio, 1992).
  10. Wheeler G., McConville M. (Eds.) (2002; 2003). The heart of development: Gestalt approaches to working with children, adolescents, and their world. Childhood. Vol. 1. Adolescence. Vol. 2. NY: Routledge.

James I. Kepner, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2013, pp. 67-80, DOI:10.3280/GEST2013-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche