Clicca qui per scaricare

Lavoro controtransferale e sofferenza mente-corpo nella coppia analitica
Titolo Rivista: GROUNDING 
Autori/Curatori: Cristiano Rocchi 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 35-58 Dimensione file:  397 KB
DOI:  10.3280/GRO2013-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Trattare del corpo in psicoanalisi implica per l’autore rifondare quelle premesse teoriche che del corpo non riconoscono la presenza attiva nel setting analitico; richiede - appunto - di ridare corpo a quella relazione paziente-analista che percorre le vie sensoriali non meno del linguaggio verbale. L’oggetto su cui indirizzare l’indagine per raggiungere una maggiore comprensione di quei fatti psicoanalitici non ascrivibili all’area verbale sarà quella che viene denominata "la configurazione chiasmatica"; essa è costituita dalla "presenza-assenza del corpo della paziente / (riconoscimento del corpo) dell’analista". In questa chiave il corpo dell’analista diviene mezzo, strumento analitico, così quanto la sua mente. In un confronto serrato tra prassi e teoria, l’autore ripercorre i fatti clinici delle pazienti F e T in un’ottica costruttivista-relazionale che meglio, a suo parere, sembra accogliere e decifrare la relazione silenziosa della coppia analitica. Riconosciuto dall’analista, il proprio corpo diviene non solo un potente strumento analizzatore dei vissuti somatopsichici della coppia, ma anche il mezzo attraverso il quale la paziente potrà trovare e conoscere il proprio sé corporeo. Un ponderoso lavoro controtransferale-corporeo questo cui è chiamato l’analista, per corrispondere ai molteplici linguaggi della percezione.


Keywords: Affetto, bodily manifestations, controtransfert corporeo, chiasma, self-disclosure.

  1. Auerbach J. S., Blatt S. J. (1996). Self-representation in severe psychopathology: The role of reflexive self-awareness. Psychoanal. Psychology, 13, 3: 297-341.
  2. Bach S. (1985). Narcissistic states and the therapeutic process. New York: Aronson.
  3. Bach S. (1994). The language of perversion and the language of love. New York: Aronson.
  4. Blake W. (1994). The marriage of Heaven and Hell. New York: Dover Fine Art, History of Art.
  5. Franchi F., Castriota F., Chiarelli R. (2006). Il corpo nella stanza d’analisi. Roma: Borla.
  6. Harris A. (1999). Il corpo nella teoria e nella clinica relazionale. Ricerca Psicoanalitica, X, 3: 245-272.
  7. Helferich C. (2008). Due animali in una stanza. Milano: Franco Angeli.
  8. Kohut H. (1971). Narcisismo ed analisi del sé. Torino: Bollati Boringhieri, 1976.
  9. Restrepo L.C. (2007 ). Il diritto alla tenerezza. Assisi: Cittadella.
  10. Rocchi C. (2009). Beyond the couch. Rivista di Psicoanalisi, LV,3.
  11. Solms M. (1996). What is the affect ? In: Ekins R., edited by, Inconscious mental life, London: Karnac, cap. 3, pp. 45-82.
  12. Speziale-Bagliacca R. (1999). Ferenczi: il corpo, il contenimento e il controtransfert in Borgogno F. (a cura di), La partecipazione affettiva dell’analista, Milano: Franco Angeli.

Cristiano Rocchi, in "GROUNDING" 2/2013, pp. 35-58, DOI:10.3280/GRO2013-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche