Clicca qui per scaricare

La figura dell’intruso nella sociologia del consumo
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Mauro Ferraresi 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 132 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 49-60 Dimensione file:  255 KB
DOI:  10.3280/SL2013-132005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo spiega che vi sono tre tipologie di intruso e che l’intruso in sociologia dei consumi è un concetto che coincide con il consumatore e ne condivide le principali caratteristiche. Il consumatore è un intruso, o meglio un estraneo, perché refrattario alle analisi e allo studio, Non si tratta solamente di una questione epistemologica, il consumatore oggi ci sfugge a causa del sistema dei consumi che ci ha resi estranei a noi stessi e ciò avviene sia perché l’essere umano è in rapida trasformazione tecnologica e antropologica, sia perché egli oggi è fuori posto nel mondo come testimonia la crescente crisi ecologica e la questione della sostenibilità. L’opacità del consumatore testimonia della opacità della società che appare sempre più difficile da indagare a meno che la sociologia dei consumi non si attrezzi utilizzando nuovi concetti euristici utili a migliorare la nostra capacità di comprensione e la potenza della ricerca.


Keywords: Intruso, straniero, consumption mix, consumatore, riflessività, sistema

  1. Bauman Z. (2007), Homo Consumens, Trento: Erickson.
  2. Boccia Artieri G. (2012), Stati di Connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, Milano: FrancoAngeli.
  3. Brown, Lester, R. (2011), Piano B 4.0. Mobilitarsi per salvare la civiltà, Milano: Edizioni Ambiente.
  4. Codeluppi V. (2005), Manuale di sociologia del consumo, Roma: Carocci. Donati P. (2011), Sociologia della riflessività. Come si entra nel dopo-moderno, Bologna: il Mulino.
  5. Durkheim É. (1897), Il suicidio. Studio di sociologia, Milano: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2007.
  6. Fabris G. (2003), Il nuovo consumatore: verso il postmoderno, Milano: Franco-Angeli.
  7. Haraway D. (1991), “A Cyborg Manifesto. Science, technology, and socialist-feminism in the late twentieth century”, in Simians, Cyborgs and Women: the reinvention of nature, New York: Routledge.
  8. Hawken P., Lovins A., Lovins Hunter L. (2001), Capitalismo naturale, Milano: Edizioni Ambiente.
  9. Hirsch F. (1981), I limiti sociali allo sviluppo, Milano: Bompiani.
  10. Jackson T. (2011), Prosperità senza crescita, Milano: Edizioni Ambiente.
  11. Klein N. (2001), No logo, Milano: Rizzoli.
  12. Meadows D. & D., Randers J. (2006), I nuovi limiti dello sviluppo, Milano: Mondadori.
  13. Nancy, J.-L. (2000), L’intruso, a cura di Valeria Piazza, Napoli: Cronopio, 2000; L’Intrus, Paris: Galilée.
  14. Nichols S. (1988), “Post-Human Manifesto”, Games Monthly magazine.
  15. Paltrinieri R. (2004), Consumi e Globalizzazione, Roma: Carocci.
  16. Pireddu M., Tursi A. (a cura di) (2006), Post-umano. Relazioni tra uomo e tecnologia nella società delle reti, Milano: Guerini e Associati.
  17. Rifkin J. (2001), Ecocidio, Milano: Mondadori.
  18. Santambrogio A. (2003), Introduzione alla sociologia della diversità, Roma: Carocci.
  19. Simmel G. (1908), Lo straniero, Milano: Il segnalibro, 2006.
  20. Wuppertal Institute (2011), Futuro sostenibile, Milano: Edizioni Ambiente.

Mauro Ferraresi, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 132/2013, pp. 49-60, DOI:10.3280/SL2013-132005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche