Clicca qui per scaricare

Consumo responsabile e partecipazione nelle prassi giovanili. Una ricerca sui giovani della Marsica
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Geraldina Roberti 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 132 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 113-126 Dimensione file:  374 KB
DOI:  10.3280/SL2013-132009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nell’articolo si affronta il tema del rapporto tra le diverse tipologie di consumo etico e le nuove dimensioni della partecipazione sociale giovanile. L’autrice, basandosi sui dati forniti da una ricerca condotta sugli studenti dell’ultimo anno degli istituti scolastici superiori della Marsica, individua una sorta di consonanza fra l’assunzione di comportamenti di fruizione più responsabili ed uno stile di vi- ta maggiormente attento all’impegno civico e sociale. Fra i ragazzi del campione, infatti, la crescente sensibilità per le ricadute sociali dei processi di consumo si accompagna ad una maggiore attenzione verso i temi di interesse pubblico e, nel complesso, ad un minor distacco dalla politica stessa. Inoltre, la rilevazione effettuata ha messo in luce il legame esistente tra un’alta dotazione di capitale culturale e comunicativo e l’adozione di modalità di consumo più etiche, come pure il ruolo fondamentale rivestito dai modelli familiari nel socializzare i giovani ad un atteggiamento di fruizione responsabile.


Keywords: Giovani, consumo etico e responsabile, partecipazione sociale, capitale culturale, capitale sociale, stili di vita

  1. Bettin Lattes G. (a cura di) (2001), La politica acerba. Saggi sull’identità civica dei giovani, Soveria Mannelli: Rubbettino.
  2. Buzzi C., Cavalli A. e de Lillo A. (a cura di) (2007), Rapporto giovani. Sesta indagine dell’Istituto IARD sulla condizione giovanile in Italia, Bologna: il Mulino.
  3. Caltabiano C. (2003), Il sottile filo della responsabilità civica. Gli italiani e la sfera pubblica: 8° Rapporto sull’associazionismo sociale, Milano: FrancoAngeli. Casati D. e Sali G. (a cura di) (2005). Il contenuto sociale dei prodotti. Indagine sul consumo responsabile, Milano: FrancoAngeli.
  4. Giaccardi C. e Magatti M. (2003), L’Io globale. Dinamiche della socialità contemporanea, Roma-Bari: Laterza.
  5. Harrison R., Newholm T. e Shaw D. (a cura di) (2005), The Ethical Consumer, London: Sage.
  6. La Valle D. (2005), “A cosa servono le associazioni”, Quaderni di Sociologia, 39: 73-98.
  7. Lori M. e Volpi F. (2007), Scegliere il “bene”. Indagine sul consumo responsabile, Milano: FrancoAngeli.
  8. Melucci A. (2000), Parole chiave. Per un nuovo lessico delle scienze sociali, Roma: Carocci.
  9. Micheletti M. (2010), Critical Shopping. Consumi individuali e azioni collettive, Milano: FrancoAngeli.
  10. Naldini M., Solera C. e Torrioni P.M. (a cura di) (2012), Corsi di vita e generazioni, Bologna: il Mulino., DOI: 10.7384/73290
  11. Paltrinieri R. (2012), Felicità responsabile. Il consumo oltre la società dei consumi, Milano: FrancoAngeli.
  12. Rebughini P. (2008), “Reti relazionali e significati delle scelte di acquisto”, in Leonini
  13. L. e Sassatelli R., a cura di, Il consumo critico, Roma-Bari: Laterza.
  14. Rebughini P. e Sassatelli R. (a cura di) (2008), Le nuove frontiere dei consumi, Verona: Ombre corte.
  15. Roberti G. e Anzera G. (2013), Diventare adulti al tempo della crisi. Una ricerca sui giovani della Marsica, Acireale-Roma: Bonanno editore.
  16. Santoro M. (2008), “Famiglie, generazioni e consumi: sfera domestica e comunicazione intergenerazionale”, in Leonini L. e Sassatelli R. (a cura di), Il consumo critico, Roma-Bari: Laterza.
  17. Sassatelli R. (2008), “Consumi e democrazia. Consumi critici, mercati alternativi, giustizia globale”, in Rebughini P. e Sassatelli R. (a cura di), Le nuove frontiere dei consumi, Verona: Ombre corte

Geraldina Roberti, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 132/2013, pp. 113-126, DOI:10.3280/SL2013-132009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche