Clicca qui per scaricare

La marca resiliente. iThink different e i prosumer Apple
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Giorgio Degli Esposti 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 132 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 171-180 Dimensione file:  244 KB
DOI:  10.3280/SL2013-132013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo, partendo dalla distinzione tra consumatore critico e fan, si pone l’obiettivo di analizzare il ruolo dei prosumer all’interno del processo di creazione del valore del marchio Apple. L’autore sostiene che la marca Apple dimostri elevate capacità resilienti, permettendo al suo pubblico di riconoscersi nel prodotto e nei valori che intende rappresentare, generando un "futurismo utopico" che può anche essere letto come forma di "falsa coscienza" che muove i prosumer in una direzione contraddittoria, da un lato esaltando il loro potere, dall’altro relegandoli a succubi delle logiche di marca. A verifica di quanto esposto a sostegno delle ipotesi teoriche l’autore utilizza un approccio empirico che comprende l’analisi dello storytelling del marchio Apple dalla costruzione della allegoria "Think different" in poi.


Keywords: Resilienza, prosumer, comunità di marca, McDonaldizzazione, f uturismo utopico, storytelling

  1. Aaker D. (1997), Brand Equity. La gestione del valore della marca, Milano: FrancoAngeli.
  2. Anderson C. (2007), La coda lunga. Da un mercato di massa ad una massa di mercati, Milano: Codice.
  3. Baudrillard J. (1979), Lo scambio simbolico e la morte, Milano: Feltrinelli., DOI: 10.1400/110712
  4. Bauman Z. (2007), Homo consumens: lo sciame inquieto dei consumatori e la
  5. miseria degli esclusi, Trento: Erikson.
  6. Boccia Artieri G. (2012), Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, Milano: FrancoAngeli.
  7. Codeluppi V. (2001), Il potere della marca. Disney, McDonald’s, Nike e le altre, Torino: Bollati Boringhieri.
  8. Cova B. (2003), Il Marketing tribale. Legame, comunità, autenticità nel marketing mediterraneo, Milano: Il Sole 24 Ore.
  9. Di Nallo E., Paltrinieri R. (a cura di) (2006), Cum sumo. Prospettive di analisi del consumo nella società globale, Milano: FrancoAngeli.
  10. Fabris G.P. (2010), La società post crescita. Consumi e stili di vita, Milano: Egea.
  11. Holling C.S., Walker B.H. (2003), Resilience Defined. The Internet Encyclopedia of Ecological Economics. Retrieved from www.ecoeco.org/education_encyclopedia.php.
  12. Jenkins H. (2007), Cultura Convergente, Milano: Apogeo.
  13. Jenkins H., Ford S., & Green J. (2013), Spreadable Media: Creating Value and Meaning in a Networked Culture, New York: NYU Press.
  14. Landi A. (2012), “Il concetto di resilienza: origini, interpretazioni e prospettive”, in Sociologia Urbana e Rurale, n. 99, Milano: FrancoAngeli., DOI: 10.3280/SUR2012-099008
  15. Laurence V. (2002), Legendary Brands. Unleashing the power of Storytelling to Create a Winning Market Strategy, Chicago: Dearborn Trade Publishing.
  16. Mazzoli L., Zanchini G. (a cura di) (2013), Utopie. Percorsi per immaginare il futuro, Milano: Codice Edizioni.
  17. McCraken G. (1990), Culture and Consumption, Indianapolis: Indiana University
  18. Press. McLuhan M. (1976), La galassia Gutemberg: la nascita dell’uomo tipografico, Roma: Armando.
  19. Minestroni L. (2002), L’alchimia della marca. Fenomenologia di un moltiplicatore di valore, Milano: FrancoAngeli.
  20. Muinz A., O’Guinn T. (1995), “Brand Community”, in Journal of Consumer Research, Chicago: Chicago University Press.
  21. Parmiggiani P (2008), “Mercato e cultura della responsabilità: il marketing legato a una causa sociale”, in Paltrinieri R., Parmiggiani P. (a cura di), Per un approccio sociologico al marketing, Milano: FrancoAngeli.
  22. Pine J.P. II, Gilmore J.H. (2000), L’economia delle esperienze. Oltre il servizio, Milano: Etas.
  23. Ritzer G. (2010), “Focusing on the prosumer. On Correcting a Error in the History of Social Theory”, in Prosumer Revisited, Wiesbaden: VS Verlag.
  24. Roberts K. (2005, Lovemarks. Il futuro oltre il brand, Milano: Mondadori.
  25. Rushkoff D. (2013), Present Shock. When Everything Happen Now, New York: Penguin.
  26. Ryan W., cit. sul b log Techtransform, “Why narrative marketing?”, 7 dicembre 2003, www.techtransform.com/id359.htm.
  27. Serres M. (2013), Non è un mondo per vecchi. Perché i ragazzi rivoluzionano il sapere, Torino: Bollati Boringhieri.
  28. Toffler A. (1971). Lo Choc del futuro. Milano: Rizzoli.
  29. Toffler A. (1980), The third Wave, New York: William Morrow.

Giorgio Degli Esposti, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 132/2013, pp. 171-180, DOI:10.3280/SL2013-132013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche