Clicca qui per scaricare

Quali doveri verso le generazioni future? Le istituzioni di fronte alle istanze dei posteri
Titolo Rivista: RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE 
Autori/Curatori: Alessandro Scabello 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 125-136 Dimensione file:  376 KB
DOI:  10.3280/SA2013-004007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’idea che l’uomo abbia dei doveri, oltre che verso i suoi contemporanei, anche verso le generazioni a venire è al centro della "responsabilità intergenerazionale". Nella prima parte l’autore illustra la faticosa emersione del principio di responsabilità che, nato come dibattito etico-filosofico, arriva a condizionare l’azione politica. L’opinione pubblica, infatti, allertata sui rischi, anche a lungo termine, per l’ambiente e per l’uomo, derivati dallo sviluppo tecnologico spinge sempre più i governi ad approntare misure efficaci in grado di contenere i danni. La difficoltà di creare una "soggettività giuridica" per gli uomini futuri, ha relegato la responsabilità intergenerazionale, come richiamo, in alcuni preamboli del diritto internazionale. Ciò è dimostrato nella seconda parte attraverso l’analisi del "principio di precauzione" che, quale principale applicazione pratica di quello di responsabilità, non ha ottenuto nulla di più che il ruolo di "principio informatore" all’interno di alcuni trattati internazionali.


Keywords: Responsabilità, futuro, diritto

  1. AA.VV. (2004). Il principio di precauzione: profili bioetici, filosofici, giuridici, Comitato Nazionale per la Bioetica. Presidenza del Consiglio dei Ministri.
  2. Beck U. (2000). La società del rischio. Verso una seconda modernità. Roma: Carocci.
  3. Bifulco R. (2007). Futuro e costituzione. Premesse per uno studio sulla responsabilità verso le generazioni future, in Studi in onore di Giovanni Ferrara. Napoli: Jovene.
  4. Bifulco R. (2008). Diritto e generazioni future. Milano: Franco Angeli.
  5. Cecchetti M. (n. 25/2006). La disciplina giuridica della tutela ambientale come diritto dell’ambiente, in www.federalismi.it.
  6. De Sadeler N. (1999). Les principes du pulluer-payer, de prevention et de precaution. Paris: Bruylant/Puf.
  7. Gragnani A. (2003). Il principio di precauzione come modello di tutela dell’ambiente, dell’uomo, delle generazioni future. Rivista di Diritto Civile, 1, 2: 9-45.
  8. Jonas H. (1993). Il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica. Torino: Einaudi.
  9. Kramer L. (2001). Manuale di diritto comunitario per l’ambiente. Milano: Giuffré.
  10. Luhmann N. (1990). Sistemi sociali. Bologna: il Mulino.
  11. Maglia S. (2008). Diritto ambientale. Milano: Wolters Kluwer Italia.
  12. Marini L. (2004). Il principio di precauzione nel diritto internazionale e comunitario. Padova: Cedam.
  13. Petrini C. (2003). Bioetica, ambiente, rischio: evidenze, problematicità, documenti. Soveria Mannelli: Rubbettino.
  14. Rodotà S. (1992). Repertorio di fine secolo. Roma-Bari: Laterza.
  15. Serra C. (1998). Le biotecnologie. Roma: Editori Riuniti.
  16. Sgreccia E. (2003). Biotecnologie e futuro dell’uomo. Roma: Vita e Pensiero.
  17. Tallacchini M. (1999). Ambiente e diritto della scienza incerta. In: Grassi S., Cecchetti M., Andronio A., a cura di. Ambiente e diritto, I. Città di Castello: Olschki

Alessandro Scabello, in "RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE" 4/2013, pp. 125-136, DOI:10.3280/SA2013-004007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche