Clicca qui per scaricare

A proposito della scomparsa di Daniel Stern
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Jean-Marie Robine 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  4 P. 87-90 Dimensione file:  777 KB
DOI:  10.3280/GEST2013-002011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Jean-Marie Robine evidenzia i punti di incontro, impliciti ed espliciti, tra il pensiero di Stern e alcuni dei concetti fondanti la psicoterapia della Gestalt, come ad esempio la prospettiva di campo. Feconda in riflessioni è altresì la differenza che l’autore sottolinea tra le due epistemologie di riferimento. Pur considerando Stern un faro per la psicoterapia in generale, Robine muove una critica alla tendenza all’identificazione di alcuni gestaltisti, con un pensiero di matrice psicoanalitica. È nell’apprezzamento delle differenze di alcuni concetti fondamentali, il Sé, il momento presente, il contatto e la relazione, e non nella loro negazione, che l’autore rintraccia la possibilità di confronto e dialogo tra i due modelli.


Keywords: Daniel Stern, Sé, qui e ora, momento presente, contatto, psicoanalisi, psicoterapia della Gestalt.

  1. Perls F., Hefferline R., Goodman P. (1951). Gestalt Therapy: Excitement and Growth in the Human Personality. New York: The Gestalt Journal Press (trad. it.: Terapia e pratica della terapia della Gestalt. Vitalità e accrescimento della personalità umana. Roma: Astrolabio, 1971; 1997).
  2. Polster E. (1995). A Population of selves: A Therapeutic Exploration of Personal Diversity. San Francisco: Jossey-Bass.
  3. Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N., a cura di (2003). Creative License: The Art of Gestalt Therapy Vienna & New York: Springer (trad. it.: Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, 2007).
  4. Stern D.N. (1985). The interpersonal world of the infant: A view from psychoanalysis and developmental psychology. New York: Basic Books (trad. it.: Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1987).
  5. Stern D.N. (2004). The present moment in Psychotherapy and Everyday Life. New York: Norton (trad. it.: Il momento presente in psicoterapia e nella vita quotidiana. Milano: Raffaello Cortina, 2005).
  6. Stern D.N., Bruschweiler-Stern N., Harrison A., Lyons-Ruth K., Morgan A., Nahum J., Sander
  7. L., Tronick E. (2003). On the Other Side of the Moon. The Import of Implicit Knowledge for Gestalt Therapy. In: Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N. (eds.), Creative License: The Art of Gestalt Therapy. Vienna & New York: Springer, 21-35 (trad. it:. L’altra faccia della luna: l’importanza della conoscenza implicita per la psicoterapia della Gestalt. In: Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, 2007, 45-64).

Jean-Marie Robine, in "QUADERNI DI GESTALT" 2/2013, pp. 87-90, DOI:10.3280/GEST2013-002011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche