Clicca qui per scaricare

Lavoratori sociali, dal dono alla gratuità eterodiretta. Riflessioni ai margini di una mobilitazione di lavoratrici e lavoratori delle cooperative sociali
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Kristin Carls, Salvatore Cominu 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 133 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 96-107 Dimensione file:  584 KB
DOI:  10.3280/SL2014-133007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo si propone di analizzare alcune trasformazioni del lavoro sociale, focalizzando l’attenzione sulle cooperative del settore assistenziale e socio-sanitario. Gli autori si interessano del nesso tra la crisi del welfare, la ristrutturazione organizzativa all’interno delle cooperative sociali e il lavoro gratuito. Dall’analisi basata su varie interviste e discussioni di gruppo emerge un crescente disaggio dei lavoratori sociali dovuto soprattutto all’"impresizzazione" e "mercatizzazione" delle cooperative. Intensificazione del lavoro, perdita d’autonomia gestionale e degrado della qualità del servizio minano l’identità professionale. Allo stesso momento mettono in crisi i meccanismi di consenso che, nel passato, assicuravano un’alta disponibilità al lavoro gratuito, come parte integrale del lavoro remunerato. Mentre molte di tali dinamiche si possono riscontrare anche in altri settori del lavoro cognitivo, emergono qui degli elementi di conflitto tradizionale in un ambito consideratone a lungo immune.


Keywords: Lavoro sociale, lavoro gratuito, lavoro cognitivo, welfare, crisi, conflitto

  1. Arvidsson A., Giordano (a cura di) (2013), Societing Reloaded, Milano: Egea. Butera F., Bagnara S., Cesaria R., Di Guardo S. (a cura di) (2008), Knowledge Working. Lavoro, lavoratori, società della conoscenza, Milano: Mondadori Università.
  2. Censis (2012), Primo rapporto sulla cooperazione in Italia, Rapporto di ricerca.
  3. Chicchi F., Roggero G. (2009), “Le ambivalenze del lavoro nell’orizzonte del capitalismo cognitivo”, Sociologia del Lavoro, 115, Milano: FrancoAngeli Colombo S., Regini M. (2009), “Quanti ‘modelli sociali’ coesistono in Italia?”, Stato e Mercato, 2/2009, Bologna: il Mulino.
  4. Donati P. (2001), Il lavoro che emerge, Torino: Bollati Boringhieri.
  5. Drucker P. (1994), Knowledge Work and Knowledge Society. The Social Transformations of this Century, Conference John F. Kennedy School of Government, Harvard University.
  6. Esping-Andersen G. (1990), The Three Worlds of Welfare Capitalism, Cambridge: Polity Press.
  7. Euricse (2011), La cooperazione in Italia, 1° Rapporto Euricse.
  8. Fazzi L. (2012), “I percorsi dell’innovazione nelle cooperative sociali”, in Venturi
  9. P., Zandonai F. (a cura di), L’impresa sociale in Italia, Milano: Altra Economia.
  10. Ferrera M. (2007), “Trent’anni dopo. Il welfare state europeo tra crisi e trasformazione”, Stato e Mercato, 3/2007, Bologna: il Mulino.
  11. Fondazione Nord Est (2011), Le cooperative alla prova della crisi, Rapporto di ricerca a cura di Accornero A. e Marini D., Quaderni Fondazione Nord Est, Collana Ricerche n. 61.
  12. Foucault M. (2004), Naissance de la biopolitique, cours au college de France 1978-79, Paris: Seul/Gallimard (trad. it.: Nascita della biopolitica, Milano: Feltrinelli, 2005).
  13. Hardt M., Negri A. (2009), Commonwealth, Harvard University Press (trad. it.: Comune, Rizzoli, 2010).
  14. Isnet (2012), Osservatorio sull’impresa sociale, V edizione, testo disponibile al sito www.impresasociale.net/default.asp.
  15. Jessoula M., Madama I., Graziano P. (2009), “Flessibilità e sicurezza, per chi? Sviluppi di policy e conseguenze nel mercato del lavoro italiano”, Stato e Mercato 3/2009, Bologna: il Mulino.
  16. Maietta F. (2012), “Le trasformazioni sociali e istituzionali del welfare”, in Venturi
  17. P., Zandonai F. (a cura di), L’impresa sociale in Italia, Milano: Altra Economia.
  18. Minardi E. (2009), “Le metamorfosi delle occupazioni e delle professioni”, Sociologia del Lavoro, 112, Milano: FrancoAngeli.
  19. Pedersini R. (2009), “La riforma dei servizi sociali: oltre le istituzioni”, Stato e Mercato 1/2009, Bologna: il Mulino.
  20. Prandstraller U. (2003), Il lavoro professionale e la civilizzazione del capitalismo, Milano: FrancoAngeli.
  21. Revelli M. (1997), La sinistra sociale, Torino: Bollati Boringhieri.
  22. Ross A. (2003), No-Collar. The Human Workplace and Its Hidden Costs, New York: Basic Books.
  23. Venturi P., Zandonai F. (a cura di) (2012), L’impresa sociale in Italia, Milano: Altra Economia.
  24. Vercellone C. (a cura di) (2006), Capitalismo cognitivo. Conoscenza e finanza nell’epoca postfordista, Roma: Manifesto Libri.
  25. Weick K.E. (1995), Sensemaking in Organizations, Sage Publications (trad. it: Senso e significato nell’organizzazione, Milano: Raffaello Cortina, 1997).



  1. Sandro Busso, Away from Politics? Trajectories of Italian Third Sector after the 2008 Crisis in Social Sciences /2018 pp. 228, DOI: 10.3390/socsci7110228

Kristin Carls, Salvatore Cominu, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 133/2014, pp. 96-107, DOI:10.3280/SL2014-133007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche