Clicca qui per scaricare

Il lavoro gratuito in rete: tra paradossi del dono e del riconoscimento
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Anna Cossetta, Sergio Labate 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 133 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 196-206 Dimensione file:  577 KB
DOI:  10.3280/SL2014-133014
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il Web è divenuto il contesto nel quale è possibile risocializzare la sfera produttiva: paradossalmente qui tutti hanno un’occupazione, possono lavorare, giocare tra ego e alter. La retorica di Internet insiste sulla gratuità, sulla condivisione, sul produsage. In Rete si assiste a una risemantizzazione del lavoro, attraverso proprio attraverso l’enfasi riferita alla collaborazione, al dono, alla reputazione. Si può riscontrare un valore di legame percepito che cerca di compensare la mancanza di un compenso, ma il rischio di sfruttamento è sempre in agguato. Gli autori hanno effettuato una ricerca domandandosi quale è la gratuità nel lavoro in Rete e perché sembra essere percepito in modo così diverso da stage, tirocini e dalle altre forme di lavoro gratuito "tradizionale"? partendo da un’analisi qualitativa, la riflessione di sviluppa con un approccio interdisciplinare, sociologico e filosofico.


Keywords: Lavoro gratuito, dono, Internet, reputazione, produsage, riconoscimento

  1. Aime M., Cossetta A. (2010), Il dono al tempo di Internet, Einaudi: Torino.
  2. Andrejevic M. (2010), Social network exploitation. A Networked Self: Identity, Community, and Culture on Social Network Sites, New York: Routledge, pp. 82-101.
  3. Arvidsson A.E., Giordano A. (ed.) (2013), Societing Reloaded, Milano: Egea.
  4. Arvidsson A. (2008), “The ethical economy of customer coproduction”, Journal of Macromarketing, 28(4), pp. 326-338,, 10.1177/0276146708326077DOI: 10.1177/0276146708326077
  5. Banfi D., Bologna S. (2011), Vita da freelance, Milano: Feltrinelli.
  6. Beck U. (2013), “Il Faust digitale del nuovo capitalismo”, Repubblica, 23 febbraio.
  7. Busso S. (2013), “Economia e lavoro della conoscenza. Tra l’incertezza delle definizioni e la rilevanza nel discorso pubblico”, Sociologia del Lavoro “Descrivere, classificare, contare: le rappresentazioni del lavoro nello spazio pubblico, 129, pp. 100-118.
  8. Caillé A. (1998), Il terzo paradigma. Antropologia filosofica del dono, trad. it., Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Caronia A., Gallo D. (1997), Houdini e Faust. Breve storia del cyberpunk, Milano: Baldini e Castoldi. Castells M. (2002), La nascita della società in rete, trad. it., Milano: Edizioni Bocconi.
  10. Chicchi F. (2005), “Capitalismo, lavoro e forme di soggettività”, in Laville J.L., Marazzi C., La Rosa M.. Chicchi F., cit., pp. 149-188.
  11. Chicchi F., Roggero G. (2009). “Introduzione. Le ambivalenze del lavoro nell’orizzonte del capitalismo cognitivo”, Sociologia del Lavoro, 115.
  12. De Angelis G. (2013), “La parasubordinazione invisibile: dai limiti delle categorie analitiche all’inefficacia delle politiche”, Sociologia del Lavoro, 129, pp. 118-137.
  13. Formenti C. (2011), Felici e sfruttati. Capitalismo digitale ed eclissi del lavoro, Milano: Egea.
  14. Fuchs C. (2013), Internet and society: Social theory in the information age,
  15. Routledge.
  16. Gill R., Pratt A. (2008), “In the social factory? Immaterial labour, precariousness and cultural work”, Theory, Culture & Society, 25(7-8), pp. 1-30.
  17. Gorz A. (1992), Metamorfosi del lavoro. Critica della ragione economica, trad. it., Torino: Bollati Boringhieri.
  18. Gorz A. (1994), Il lavoro debole. Oltre la società salariale, trad. it., Milano: Edizioni Lavoro.
  19. Gorz A. (2003), L’immateriale. Conoscenza, valore, capitale, trad. it., Torino: Bollati Boringhieri.
  20. Harvey D. (2010), La crisi della modernità, Milano, Il Saggiatore.
  21. Hesmondhalgh D. (2010), “User-generated content, free labour and the cultural industries”, Ephemera, 10(3/4),pp. 267-284.
  22. Himanen P. (2010), The hacker ethic, Random House (first edition, 2001).
  23. La Rosa M. (a cura di) (2005), “Economia, lavoro, organizzazione: nuovi paradigmi, nuovi scenari”, Sociologia del Lavoro, 100, Milano: FrancoAngeli.
  24. La Rosa M. (2006), “Il lavoro che cambia: le nuove frontiere”, Sociologia del Lavoro, Milano: FrancoAngeli.
  25. Magatti M. (2009), Libertà immaginaria. Le illusioni del capitalismo tecno-nichilista, Milano: Feltrinelli.
  26. Marazzi C. (1999), Il posto dei calzini. La svolta linguistica dell’economia e i suoi effetti sulla politica, Torino: Bollati Boringhieri.
  27. Petersen S.M. (2008), “Loser generated content: From participation to exploitation”, First Monday, 13(3),, 10.5210/fm.v13i3.2141DOI: 10.5210/fm.v13i3.2141
  28. Rodotà S. (2013), Il diritto di avere diritti, Roma-Bari: Laterza.
  29. Ross A. (2008), “The New Geography of Work Power to the Precarious?”, Theory, Culture & Society, 25(7-8), pp. 31-49,, 10.1177/0263276408097795DOI: 10.1177/0263276408097795
  30. Ross A. (2009), Nice work if you can get it: Life and labor in precarious times, New York: NYU Press.
  31. Scholz T. (ed.) (2012), Digital Labor: The Internet as Playground and Factory, Routledge.
  32. Terranova T. (2000), “Free labor: Producing culture for the digital economy”, Social text, 18(2), pp. 33-58.
  33. Vercellone C. (2009), “Lavoro, distribuzione del reddito e valore nel capitalismo cognitivo”, Sociologia del Lavoro, 115, pp. 31-54.



  1. Agostina Dolcemascolo, Guillermina Yansen, Informational cognitive exploitation: Concealed relationships behind prosumers' activity on World Wide Web in SOCIOLOGIA DEL LAVORO 145/2017 pp. 61, DOI: 10.3280/SL2017-145004
  2. Emiliana Armano, Marco Briziarelli, Federico Chicchi, Elisabetta Risi, Introduzione. Il lavoro gratuito. Genealogia ed esplorazione provvisoria del concetto in SOCIOLOGIA DEL LAVORO 145/2017 pp. 7, DOI: 10.3280/SL2017-145001
  3. Sandra Burchi, Lavorare a/da casa. Esercizi di dis-alienazione e gestione dello spazio in SOCIOLOGIA DEL LAVORO 145/2017 pp. 219, DOI: 10.3280/SL2017-145013

Anna Cossetta, Sergio Labate, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 133/2014, pp. 196-206, DOI:10.3280/SL2014-133014

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche