Clicca qui per scaricare

Il modello delle terapie psicoanalitiche brevi e i servizi in un’epoca di crisi. Cultura di base ed organizzazione: il problema del limite e dell’equità; le nuove domande di cura
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Giuseppe Riefolo 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 15-34 Dimensione file:  756 KB
DOI:  10.3280/RSF2014-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il modello delle terapie brevi può essere un importante contributo alla soluzione della progressiva saturazione che riguarda i servizi psichiatrici pubblici. Da un lato la saturazione non va assunta come elemento concreto da affrontare con soluzioni simmetriche, ma come punto di crisi di un sistema che chiede cambiamenti strutturali e non soluzioni concrete. Dall’altro le terapie brevi, mentre come tecnica possono contribuire solo limitatamente alla soluzione della saturazione dei servizi, in quanto modello di focalizzazione della domanda possono essere di grande utilità nella fase di accoglienza permettendo di risolvere nella semplice fase di accoglienza un largo numero di domande.


Keywords: Terapie brevi; terapie focali; servizi psichiatrici pubblici; accoglienza; saturazione; limiti.

  1. [1] Riefolo G. Saturazione e servizio pubblico. Fogli di Informazione 1995; XXIII:16-25.
  2. [2] Riefolo G. Psichiatria prossima. La psichiatria territoriale in un’epoca di crisi. Torino: Bollati Boringhieri; 2001.
  3. [3] Boccara P, De Sanctis R, Riefolo G. Lo psicoanalista e le sue istituzioni. La posizione dell’analista nei servizi pubblici e nella stanza di analisi. Rivista di Psicoanalisi 2005; LI, 1: 69-86.
  4. [4] Maturana HR, Varela FJ. (1980). Autopoiesi e cognizione. La relazione del vivente. Venezia: Marsilio; 1985.
  5. [5] Bion WR. (1963). Gli elementi della psicoanalisi. Roma: Armando; 1973.
  6. [6] Bion WR. (1987). Seminari Clinici. Milano: Cortina; 1989.
  7. [7] Racamier PC. (1992). Il genio delle origini. Milano: Cortina; 1993.
  8. [8] Sassolas M. (1997). Terapia delle psicosi. Roma: Borla; 2001.
  9. [9] Sassolas M. Riflessioni sulla funzione curante delle strutture medico-sociali. In: Leo G, Riefolo G, ed., Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione. Lecce: Freins Zero; 2013, p. 181-204.
  10. [10] Correale A. Il campo istituzionale. Roma: Borla; 1991.
  11. [11] Winnicott DW. (1966). La madre normalmente devota. In: I bambini e le loro madri. Milano: Cortina; 1987, p. 1-11.
  12. [12] Riefolo G. Scenari e cose dei servizi riabilitativi. In: Leo G, Riefolo G, ed. Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione. Lecce: Freins Zero, 2013, p. 94-137.
  13. [13] Boston Change Process Study Group. (2010). Il cambiamento in psicoterapia. Milano: Cortina; 2012.
  14. [14] Bordi S. Lo stato attuale del concetto di neutralità analitica. Rivista di Psicoanalisi 1995; XLI, 3:373-90.
  15. [15] Modell A. (1990). Per una teoria del trattamento psicoanalitico. Milano: Cortina; 1994.
  16. [16] Riefolo G, Andreoli P, Amorfini G, Faccenda N. La funzione di accoglienza del servizio pubblico. Prospettive Psicoanalitiche nel Lavoro Istituzionale 1996; 14, 3:310-322.
  17. [17] Riefolo G, Faccenda N, Zagaglia S. Ottimizzazione del colloquio psicologico di accoglienza-valutazione. In: De Giacomo P, e coll, ed. Ottimizzazione della visita psichiatrica. Milano: F. Angeli; 1997, p. 273-9.
  18. [18] Riefolo G. Il vero e il falso. Riflessioni in margine al processo di autenticità. Rivista di Psicoanalisi 2013; LIX, 4: (in stampa).
  19. [19] Jaspers K. (1919). Psicologia delle visioni del mondo. Roma: Astrolabio; 1950.
  20. [20] Cahn R. (2002). La fine del divano? Roma: Borla; 2004.
  21. [21] Rangel L. Psychoanalysis and dynamic psychotherapy. Similarity and differences twenty years later. Psychoanalytic Quarterly 1981; 50, 4: 665-693.
  22. [22] Gill M. Psychoanalysis and psychotherapy: a revision. International Review of Psychoanalysis 1984; 11, 2:161-180.
  23. [23] Bleger J. (1967). Psicoanalisi del setting psicoanalitico. In: Genovese C, ed. Setting e processo psicanalitico. Milano: Cortina; 1988, 243-256.
  24. [24] Guimon J, Weber-Rouget B, ed. (2002). Terapie di gruppo brevi. Roma: Borla; 2004, p.35.
  25. [25] Freud S. Il problema dell’analisi condotta da non medici. Conversazione con un interlocutore imparziale. (1926). In: O.S.F.; Vol. 10, p.351-416.
  26. [26] Bollas C. (1987). L’ombra dell’oggetto. Roma: Borla; 1989.
  27. [27] Borgogno F. Spoilt children. L’intrusione e l’estrazione parentale come fattore di distruttività. In: Psicoanalisi come percorso. Torino: Bollati-Boringhieri; 1999, p. 90-115.
  28. [28] Bleger J. (1966). Psicoigiene e psicologia istituzionale; Loreto: Lauretana; 1989.
  29. [29] Vygorskij LS. (1934). Pensiero e linguaggio. Bari: Laterza; 1990.
  30. [30] Freud S. Dalla storia di una nevrosi infantile (Caso clinico dell’uomo dei lupi). (1914). O.S.F.; Vol. 7, p.487-593.
  31. [31] Freud S. Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi (1913-14) O.S.F.; Vol. 7, p. 333-80.
  32. [32] Malan DH. (1963). Uno studio di psicoterapia breve. Roma: Astrolabio; 1973.
  33. [33] Gilliéron E. (1983). Psicoterapie brevi e d’urgenza, Roma: Edizioni Universitarie Romane; 1991.
  34. [34] Fredenrich-Muhlebach A. Gruppo psicodinamico di crisi. In: Guimon J, Weber-Rouget B, ed. (2002). Terapie di gruppo brevi. Roma: Borla; 2004.
  35. [35] Guimon J. (2001). Introduzione alle terapie di gruppo. Roma: Borla; 2002.
  36. [36] Winnicott WD. (1962). I fini del trattamento psicoanalitico. In: Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando; 1970.
  37. [37] Ogden Th H. Thomas H. Ogden in conversation with Luca Di Donna. Rivista di Psicoanalisi 2013; LIX, 3: 625-41.
  38. [38] Gaddini E. (1984). Se e come sono cambiati i nostri pazienti fino ai nostri giorni. In: Scritti. Milano: Cortina; 1989, p. 644-62.

Giuseppe Riefolo, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2014, pp. 15-34, DOI:10.3280/RSF2014-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche