Clicca qui per scaricare

Competenze cliniche in psicoterapia breve. Attitudini e formazione
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Mara Donatella Fiaschi, Maria Moscara 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 135-155 Dimensione file:  781 KB
DOI:  10.3280/RSF2014-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo affronta il tema delle competenze cliniche, delle attitudini e della formazione necessarie per una psicoterapia breve. Gli Autori, dopo un’introduzione sulla crisi che stanno attraversando i contesti sanitari pubblici in termini di contrazione delle risorse professionali, sottolineano l’importanza di strumenti di cura nuovi per fronteggiare e ottimizzare la risposta alla domanda di aiuto psicologico. Sono descritte le competenze che il clinico deve maturare nel percorso formativo per essere uno psicoterapeuta esperto ed efficace: competenze cliniche di base, competenze psicoterapeutiche ed infine competenze specifiche per la Psicoterapia Breve Focale Integrata. Vengono approfonditi temi quali il reperimento e la condivisione del focus con il paziente e la gestione del processo di cura. Le attitudini e l’atteggiamento del clinico in psicoterapia breve sono caratterizzati da un’attenzione specifica verso le potenzialità e le risorse del paziente, incoraggiato dal terapeuta ad assumere insieme a lui una posizione attiva. Relativamente ai contesti della formazione vengono distinti l’apprendimento individuale nel gruppo di pari, la discussione di casi clinici individualmente e/o in piccolo gruppo con un supervisore. Per quanto riguarda le attitudini del formatore viene messa in risalto la propensione a trasmettere le competenze, anche attraverso la capacità di sapersi identificare-immedesimare nelle difficoltà del collega in formazione. Infine viene proposta una metodologia di supervisione del caso secondo il modello della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Integrata ISeRDiP (Istituto per lo Studio e la Ricerca sui Disturbi Psichici), Milano.


Keywords: Competenze, attitudini, formazione, psicoterapia focale breve.

  1. [1] Borziani AM, Crosato S, Mascara M. Il modello focale nel servizio di salute mentale. Workshop: La resilienza nella clinica. Milano 18-19.11.2011.
  2. [2] Foresti G, Rossi Monti M. La Psicoterapia istituzionale trenta anni dopo. Osservazioni sul lavoro e sul ruolo istituzionale dello psicoanalista nell’epoca dell’aziendalizzazione sanitaria. In: Esercizi di visioning. Roma: Borla; 2010.
  3. [3] Gislon MC. Manuale di psicoterapia psicoanalitica breve integrata. Bergamo: Dialogos Edizioni; 2005.
  4. [4] Bologna M, Borziani AM, Crosato S, Mascara M. Il modello di Psicoterapia Focale Integrata in ambito pubblico. Dalla vulnerabilità alla resilienza. Convegno: La Resilienza nella Clinica. Milano, 26-27.11.2010.
  5. [5] Gislon C. Trattato di psicoterapia breve integrata. Bergamo: Dialogos Edizioni; 2000.
  6. [6] Dewan MJ, Steenbarger BN, Greenberg RP, ed. (2004). Scienza e pratica delle psicoterapie brevi. Una guida pratica per il professionista. Torino: Centro Scientifico Editore; 2006.
  7. [8] Berti Ceroni G, Correale A, ed. Psicoanalisi e Psichiatria. Milano: Raffaello Cortina; 1999.
  8. [9] Zapparoli GC. La Follia e l’intermediario. Bergamo: Dialogos Edizioni; 2002.
  9. [10] Gislon MC, Bologna M, Borziani AM, Crosato S, Fiaschi D, Mascara M. Il costrutto della resilienza in Psicoterapia Focale Breve. Riv. Sper. Freniatria 2010; vol. CXXXIV, 1., 10.3280/RSF2010-001006DOI: 10.3280/RSF2010-001006
  10. [11] Gislon MC. La specificità dei bisogni come strumento di valutazione diagnostica. I quaderni di Musaikòn. Bergamo: Dialogos Edizioni; 2009.
  11. [12] Bologna M, Mara Fiaschi D. La seduta singola nella prospettiva della resilienza. Psichiatria di Comunità 2011; vol. X, n. 3-4.
  12. [13] Gislon MC. Il Colloquio Clinico e la Diagnosi Differenziale. Torino: Bollati Boringhieri; 1988.
  13. [14] French M. Psychoanalytic Interpretations. The selected paper of Thomas M. French. Chicago: Quadrangle Books; 1970.
  14. [15] Balint M, Balint E. (1961). Tecniche psicoterapeutiche in medicina. Torino: Einaudi; 1970.
  15. [16] Bolognini S. The profession of ferryman: consideration on the analist’s internal attitude in consultation and in referral. Int. J. Psycoanal 2006; vol 87, part 1: 25-42. Doi 10.1516/15QQ-QLQ5-71FW-3CLF
  16. [17] Winnicott D. (1971). L’uso di un oggetto e l’entrare in rapporto attraverso le identificazioni. Gioco e Realtà. Roma: Armando; 1974.
  17. [18] Frank JD, Frank JB. Persuasion and healing: a comparative study of psychotherapy. Baltimore, MD: Johns Hopkins University Press; 1991.
  18. [19] Berti Ceroni G, et al. Fattori terapeutici specifici comuni: verso un tentativo di definizione della relazione medico-paziente. Psichiatria di Comunità 2007; vol. VI (n°4): 197-202.
  19. [20] Hartmann H. (1966). Psicologia dell’Io e problema dell’adattamento. Torino: Bollati Boringhieri; 1978.
  20. [21] Bolognini S. Gli affetti dell’analista: analisi con l’Io e analisi col Sé. Rivista di Psicoanalisi 1991; XXXVII, 2: 339-371.
  21. [22] Zapparoli C, Torriggiani G. La Realtà Psicotica. Torino: Bollati Boringhieri; 1994.
  22. [23] Pichon Rivière E (1971). Il processo Gruppale. Loreto: Libreria Editrice Lauretana; 1985.
  23. [24] Balint M, Ornestein PH, Balint E. (1972). Psicoterapia Focale. Roma: Astrolabio; 1974.
  24. [25] Semi AA. Tecnica del Colloquio. Milano: Cortina; 1985.
  25. [7] Caligar E, Kernberg O, Clarkin JF. (2007). Patologie della personalità ad alto livello. Milano: Raffaello Cortina; 2012.

Mara Donatella Fiaschi, Maria Moscara, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2014, pp. 135-155, DOI:10.3280/RSF2014-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche