Clicca qui per scaricare

Alcune osservazioni sulla critica di Schlick alla nozione di a priori materiale
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Giovanni Raimo 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 177-190 Dimensione file:  547 KB
DOI:  10.3280/PARA2014-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Rianalizzare la disputa tra Husserl e Schlick sulla nozione di a priori materiale significa ripensare criticamente ai presupposti teorici delle distinzioni concettuali che vengono oggi utilizzate per districare il nesso che lega percezione, linguaggio e mondo. Scopo di questo articolo non è quello di ricostruire in tutti i suoi aspetti e ramificazioni teoriche il tema dell’a priori materiale, bensì più semplicemente quello di mostrare che la difficoltà che gli interpreti hanno sempre trovato nel comparare la prospettiva husserliana con quella schlickiana è dovuta alla diversità dei problemi da cui i due autori prendono le mosse: se Husserl è intento alla formulazione di una teoria dell’esperienza trascendentale che dia conto di una teoria non psicologistica dell’intenzionalità, Schlick parte invece da una teoria comprensiva e sistematica dell’uso linguistico caratterizzata principalmente dalla dicotomia wittgensteiniana dire/mostrare, da una posizione antimentalista e dalla tesi del carattere pubblico del significato. Entrambi i filosofi sono però intenzionati a rispondere allo stesso quesito: qual è la natura della presa discriminante che il concetto ha sulla realtà?


Keywords: A priori materiale, Grammatica, Husserl, Percezione, Schlick, Wittgenstein.

  1. Costa V. (2008). A priori materiale. In: Ferraris M., a cura di. Storia dell’ontologia. Milano: Bompiani: 241-259.
  2. Cozzo C. (2008). Introduzione a Dummett. Roma-Bari: Laterza.
  3. Dummett M. (1993). Origins of Analytical Philosophy. Harvard: Harvard University Press (trad. it.: Origini della filosofia analitica. Torino: Einaudi, 2001).
  4. Husserl E. (1900-1901). Logische Untersuchungen. Halle: Max Niemeyer (trad. it.: Ricerche logiche. Milano: Il Saggiatore, 1968).
  5. Husserl E. (1913). Ideen zu einer reinen Phänomenologie und phänomenologischer Philosophie. Halle: Max Niemeyer (trad. it.: Idee per una fenomenologia pura ed una filosofia fenomenologica. Torino: Einaudi, 2000).
  6. E. Husserl (1970). Philosophie der Arithmetik, Husserliana, db. XII, Den Haag: Nijhoff., 10.1007/978-94-010-3187-5_DOI: 10.1007/978-94-010-3187-5_
  7. Lanfredini R. (2003). Schlick and Husserl on the Essence of Knowledge. In: Parrini P., Salmon M. and Salmon W., eds. Logical Empiricism. Historical and Contemporary Perspectives. Pittsburgh: University of Pittsburgh Press: 43-57.
  8. Lanfredini R. (2006), La nozione fenomenologica di dato. In: Lanfredini R., a cura di. A priori materiale. Uno studio fenomenologico. Milano: Guerini e Associati: 59-94.
  9. Lanfredini R. (2012). Fenomenologia ed epistemologia. In: Cimino A. e Costa V., a cura di. Storia della fenomenologia. Roma: Carocci: 395-416.
  10. Marconi D. (1997a). Transizione. In: Marconi D., a cura di. Guida a Wittgenstein. Roma-Bari: Laterza: 59-101.
  11. Parrini P. (2012). Fenomenologia ed empirismo logico. In: Cimino A. e Costa V., a cura di. Storia della fenomenologia. Roma: Carocci: 81-110.
  12. Raimo G. (2013). La filosofia del linguaggio di Moritz Schlick. Immagine, uso e verificazione . Milano-Udine: Mimesis. Schlick M. (1918; 19252
  13. ). Allgemeine Erkenntnislehre. Berlin: Springer (trad. it.: Teoria generale della conoscenza. Milano: Franco Angeli, 1986).
  14. Schlick M. (1930). Gibt es ein materiales A priori? Wissenschaftlicher Jahresbericht der Philosophischen Gesellschaft der Universität zu Wien. Ortsgruppe Wien der Kant-Gesellschaft für das Vereinsjahr 1931/32 (Vienna, 1932): 55-65 (trad. it.: Esiste un a priori materiale? In: Forma e Contenuto. Torino: Boringhieri, 1987; 2008 ²: 167-179).
  15. Schlick M. (1932a). Form and Content. An Introduction to Philosophical Thinking. In: Gesammelte Aufsätze 1926-1936, Vienna: Gerold, 1938: 151-249 (trad. it.: Forma e Contenuto. Torino: Boringhieri, 1987; 2008 2).
  16. Schlick M. (1932b). Positivismus und Realismus. Erkenntnis, 3, 1 (trad. it.: Positivismo e Realismo. In: Pasquinelli A., a cura di. Il neoempirismo. Torino: Utet, 1969: 264-298).
  17. Schlick M. (1936). Meaning and verification. The philosophical review, 45: 339-369 (trad. it.: Significato e Verificazione. In: Pasquinelli A., a cura di. Il neoempirismo . Torino: Utet, 1969: 323-358).
  18. Spinicci P. (2000). Sensazione, percezione, concetto. Bologna: Il Mulino.
  19. Spinicci P. (2012). Fenomenologia e filosofia della percezione. In: Cimino A. e Costa V., a cura di. Storia della fenomenologia. Roma: Carocci: 377-394.
  20. Usberti G. (1995). Significato e conoscenza. Milano: Guerini scientifica.
  21. Wittgenstein L. (1922). Tractatus Logico-Philosophicus. London: Kegan (trad. it.: Tractatus Logico-Philosophicus. Torino: Einaudi, 1989). Wittgenstein L. (1953). Philosophische Untersuchungen. Oxford: Blackwell (trad. it.: Ricerche filosofiche. Torino: Einaudi, 1967).
  22. Wittgenstein L. (1964). Philosophische Bemerkungen. Oxford: Blackwell (trad. it.: Osservazioni filosofiche. Torino: Einaudi, 1992 2).
  23. Wittgenstein L. (1967). Wittgenstein und der Wiener Kreis. Oxford: Blackwell (trad. it.: Ludwig Wittgenstein e il circolo di Vienna. Firenze: Nuova Italia, 1975).
  24. Wittgenstein L. (1969). Über Gewissheit. Oxford: Blackwell (trad. it.: Della certezza. Torino: Einaudi, 1978).
  25. Wittgenstein L. (1980). Wittgenstein’s Lectures. Oxford: Blackwell (trad. it.: Lezioni 1930-1932. Milano: Adelphi, 1995).
  26. Wittgenstein L. (2000). The Big Typescript. Vienna: Springer (trad. it.: Big Typescript. Torino: Einaudi, 2002).

Giovanni Raimo, in "PARADIGMI" 1/2014, pp. 177-190, DOI:10.3280/PARA2014-001010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche