Clicca qui per scaricare

Gestire le differenze d’età nel mercato del lavoro e in impresa: il caso francese
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Barbara Barabaschi 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 134 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 134-147 Dimensione file:  109 KB
DOI:  10.3280/SL2014-134008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo, richiamando le dinamiche demografiche in atto, discute alcune soluzioni normative adottate in Francia, ispirate al principio di solidarieta intergenerazionale, ossia aventi lo scopo di promuovere un accesso ed una permanenza dignitosi nel mercato del lavoro alle componenti giovanile e anziana. Componenti le cui difficolta occupazionali sono state aggravate dalla crisi mondiale. Oltre alle misure di policy, vengono illustrate alcune esperienze concrete di applicazione delle stesse nella gestione delle risorse umane in imprese sia di grandi che di piccole e medie dimensioni. Nell’ultima parte, si propone una prima valutazione degli esiti dei provvedimenti alla prova della pratica organizzativa. Il quadro di riferimento teorico attinge sia dalla letteratura di carattere sociologico, politologico ed economico-aziendale in tema di diversity management e inclusione sociale, sia da indirizzi e vademecum predisposti dalle agenzie internazionali competenti sul tema.


Keywords: Lavoratori senior, invecchiamento attivo, Francia, intervento pubblico, gestione delle risorse umane, diversity management

  1. Agocs C., Burr C. (1996). Employment Equity, Affirmative Action and Managing Diversity: Assessing the Differences. International Journal of Manpower, 17, 4/5: 30-45., 10.1108/01437729610127668DOI: 10.1108/01437729610127668
  2. Barabaschi B. (2013). Giovani, anziani e lavoro. Politiche attive per l’occupazione e prospettive di solidarieta intergenerazionale. Professionalità, 32: 63-80.
  3. Barabino M.C., Jacobs B., Maggio M.A. (2001). Il Diversity Management. Sviluppo & Organizzazione, 184: 19-31.
  4. Bombelli M.C. (2003). Uguali o diversi? Riflessioni per un utilizzo consapevole del Diversity Management. Economia & Management, 5: 99-110.
  5. Bombelli M.C., Finzi E., a cura di (2006). Over 45. Quanto conta l’età nel mondo del lavoro. Milano: Guerini e Associati.
  6. Di Maggio P.J., Powell W. (1983). The Iron Cage Revisited: Institutional Isomorphism and Collective Rationality in Organizational Fields. American Sociological Review, 48/2: 147-160.
  7. Cocozza A. (2009). Diversity Management e valorizzazione delle risorse umane. “Working Paper Nuovi Lavori”, 2: 10-37.
  8. Cocozza A. (2010). Il Diversity Management. La gestione delle differenze nelle relazioni di lavoro. Milano: FrancoAngeli.
  9. Colasanto M., Lodigiani R., a cura di (2008). Welfare possibili. Milano: Vita e Pensiero.
  10. Cox T. (1993). Cultural Diversity in Organizations. Theory, Research and Practice. San Francisco: Berrett-Koehler.
  11. Cuomo S., Mapelli A. (2007). Diversity Management. Milano: Guerini e Associati.
  12. Guillemard A.M. (2010). L’âge de l’emploi. Les sociétés à l’épreuve du veillissement. Paris: Armand Colin.
  13. Guillemard A.M. (2010). L’eta come primo fattore di discriminazione occupazionale in Francia. Sociologia del lavoro, 117: 103-116., 10.3280/SL2010-117008DOI: 10.3280/SL2010-117008
  14. Marcaletti F., Zanfrini L., a cura di (2012). L’invecchiamento delle forze di lavoro. Lo stato del dibattito in Italia e in Europa. Sociologia del lavoro, 125.
  15. Mehrotra C.M., Wagner L.S. (2009). Ageing and Diversity. An Active Learning Experience. New York: Routledge.
  16. Ministero del lavoro e delle politiche sociali (2013). Le carte della diversità in Europa. Disponibile al sito: www.lavoro.gov.it/ConsiglieraNazionale/Documents/LeCartedellaDiversit%C3%A0_.pdf.
  17. Monaci M. (2012). Culture nella diversità, cultura della diversità. Una ricognizione nel mondo d’impresa. “Quaderni ISMU”, 1.
  18. Orlando R.C., Kirby S.L., Chadwick K. (2013). The Impact of Racial and Gender Diversity Management on Financial Performance. How Participative Strategy Making Features Can Unleash a Diversity Advantage. The International Journal of Human Resource Management, 1/12: 110-121.
  19. Sen A.K. (2000). Lo sviluppo è libertà. Perché non c’è crescita senza democrazia. Milano: Mondadori.
  20. Zanfrini L., a cura di (2011). Sociologia delle differenze e delle disuguaglianze. Bologna: Zanichelli.

Barbara Barabaschi, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 134/2014, pp. 134-147, DOI:10.3280/SL2014-134008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche