Clicca qui per scaricare

I bambini e la malattia: lo psicologo in ospedale
Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA 
Autori/Curatori: Emanuela Iacchia 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 34 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 105-114 Dimensione file:  90 KB
DOI:  10.3280/QPC2014-034007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’esperienza di malattia rappresenta per qualsiasi bambino un momento di sofferenza, non solo fisica ma anche emotiva e psicologica. Dover sopportare il dolore fisico conseguente ad alcuni quadri sintomatologici specifici di determinate patologie o ad eventuali procedure necessarie a scopo diagnostico e/o terapeutico mette il piccolo e la famiglia a dura prova. Temi quali quelli delle paure, delle limitazioni alla autonomia personale, dei ritmi giornalieri scanditi dalle esigenze terapeutiche, del contesto ambientale estraneo, dell’allontanamento dalla scuola e dalle altre situazioni di interazione sociale, dei significativi condizionamenti e limitazioni alle relazioni affettive e all’intimità familiare ricorrono in misura diversa, seppur in modo diffuso, tra tutti i bambini e le famiglie che si trovano a vivere l’esperienza dell’ospedalizzazione. In questo quadro, la presenza dello psicologo nel reparto pediatrico rappresenta l’opportunità per la creazione di un sistema di narrazioni condivise tra famiglia, bambino e personale ospedaliero capace di migliorare l’esperienza di cura e accompagnare il bambino e la sua famiglia nel percorso della malattia. Per il bambino è un’occasione per parlare con un adulto competente al quale poter confidare emozioni e parole non dette; per la famiglia un’opportunità per essere accompagnata emotivamente ad affrontare la malattia, diventare un prezioso aiuto al figlio malato e conseguentemente al medico ed al processo stesso di guarigione. Il fine ultimo del servizio è migliorare la qualità di vita di tutto il nucleo familiare.


Keywords: Malattia nel bambino, bambino in ospedale, psicologo in pediatria.

  1. Adducci A., Poggi G. (2011). I bambini e il tumore. Strategie di supporto in ambito clinico, familiare e scolastico. Milano: FrancoAngeli.
  2. Bowlby J. (1989). Una base sicura. Applicazioni cliniche della teoria dell’attaccamento. Milano: Raffaello Cortina.
  3. Bregani P., Damascelli A.R., Velicogna V. (1984). Il gioco in ospedale: ilgioco come aiuto ai bambini per superare i traumi dell’ospedalizzazione. Milano: Emme Edizioni.
  4. Bianchi di Castelbianco F., Capurso M., Di Renzo M. (2007). Ti racconto il mio ospedale. Esprimere e comprendere il vissuto della malattia. Roma: Edizioni Scientifiche Magi.
  5. Capurzo M., Prattico M. (1997). Se tu figlio. Una guida per i genitori di bambini sottoposti a lunghe terapie e ricoveri in ospedalieri. Saggio gratuito stampato in proprio presso la tipografia Litostampa, Perugia
  6. Dartington T., Menzies Lyth I., Williams Polacco G. (1992). Bambini in ospedale. Napoli: Liguori.
  7. Jankovic M. (1999). Come parlare ai bambini della loro malattia. Prospettive in Pediatria, 29: 61-66.
  8. Jankovic M. (2003). La comunicazione in pediatria. Rivista Italiana di Cure Palliative (riCP), 5, 3.
  9. Loiodice I., a cura di (2002). Bambini in ospedale. Tra cura e formazione. Bari: Mario Adda Editore.
  10. Filippazzi G. (2007). Un ospedale a misura di bambino. Milano: FrancoAngeli.
  11. Guarino A. (2007). Psiconcologia dell’età evolutiva. La psicologia nelle cure dei bambini malati di cancro. Trento: Erickson.
  12. Kanizsa S., Dosso B. (2006). La paura del lupo cattivo. Quando un bambino è in ospedale. Roma: Meltemi.

Emanuela Iacchia, in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 34/2014, pp. 105-114, DOI:10.3280/QPC2014-034007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche