Clicca qui per scaricare

Sacrifici e desideri. Il movimento del ’77 nell’Italia che cambia
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Alessio Gagliardi 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 75-94 Dimensione file:  91 KB
DOI:  10.3280/MON2014-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La «politica dei sacrifici» del governo Andreotti e la proposta dell’«austerità» avanzata da Berlinguer furono il principale bersaglio del movimento del 1977. Ebbe così luogo, quell’anno, la prima contrapposizione esplicita e frontale in Italia fra il principale partito della sinistra e un movimento sociale. Si trattò non solo di uno scontro politico e ideologico, ma anche di una contrapposizione tra diversi universi culturali, sistemi di valori, modelli esistenziali, che traducevano modi diversi di interpretare e vivere le trasformazioni della società italiana. Il movimento fu anche un’espressione di quei cambiamenti, cui diede corpo con un rapporto tra militanza e privato diverso dal passato. rigide posizioni del suo gruppo dirigente, quei fermenti, però, attraversarono anche il corpo del Pci.


Keywords: Movimenti sociali, Partito comunista italiano, 1977, società italiana degli anni Settanta, consumi, austerità



  1. Paolo Mattera, Welfare in the seventies: rise or fall? in Journal of Modern Italian Studies /2020 pp. 54, DOI: 10.1080/1354571X.2020.1688576

Alessio Gagliardi, in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2014, pp. 75-94, DOI:10.3280/MON2014-001006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche