Clicca qui per scaricare

Esperienza intersoggettiva e sviluppo della mente
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Chiara Angiolari, Adriana De Francisci 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 39 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 25-40 Dimensione file:  74 KB
DOI:  10.3280/PR2014-039002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Considerando che il modello relazionale sistemico è sempre stato considerato carente per quanto riguarda una teoria dello sviluppo, le Autrici esaminano parte dei contributi del’Infant Research, e in particolare di Louis Sander e Daniel Stern, per evidenziare la coerenza tra i concetti sistemici applicati in campo evolutivo e il modello relazionale sistemico. Partendo dalla centralità della relazione e dall’importanza di una matrice intersoggettiva per lo sviluppo dell’individuo, vengono esaminati i processi fondamentali di adattamento che consentono la sopravvivenza del bambino e l’organizzazione della mente nell’interazione con il care-giver. In particolare sono descritti i tre principi salienti che regolano la formazione di aspettative su come procede la relazione e la costruzione di strategie adattive: la regolazione attesa, rottura e riparazione, i momenti emotivi intensi. Infine viene proposta l’analisi degli isomorfismi tra processo di sviluppo e processo terapeutico come studio fondamentale per aumentare la comprensione e l’efficacia del lavoro terapeutico.


Keywords: Matrice intersoggettiva, teoria dello sviluppo, teoria dei sistemi.

  1. Tronick E.Z. (2008). Gli stati affettivi prolungati del bambino e la cronicità dei sintomi depressivi. La co-creazione di modi specifici di stare insieme “nel bene e nel male” (I e II). In: Carli L., Rodini C., a cura di, Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  2. Von Bertalanffy L. (1952). Problems of life. New York: Harper.
  3. Von Bertalanffy L. (1968). Teoria generale dei sistemi. Fondamenti, sviluppo, applicazioni. Milano: ILI.
  4. Weinberg M.K.., Tronick E.Z. (1994). Beyond the face: an empirical study of infant affective configuration of facial, vocal, gestural, and regulatory behaviors. Child Development, 65, pp. 1503-1515.
  5. Weinberg M.K., Tronick E.Z. (1997). Maternal depression and infant maladjust- ment: a failure of mutual regulation. In: Noshpitz J., a cura di, The Handbook of Child and Adolescent Psychiatry. New York: Wiley and Sons.
  6. Weiss P. (1970). Whither life science?. In American Scientist, 58, pp. 156-163.
  7. Winnicott D.W. (1970). Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando Editore.
  8. Winnicott D.W. (1994). Colloqui terapeutici con i bambini: interpretazioni di 300 scarabocchi. Roma: Armando Editore.
  9. Beebe B., Lachmann F. (1994). Representation and internalization in infancy: three principles of salience. Psychoanalitic Psychology, 11, pp. 127-165.
  10. Boston Change Process Study Group (2012). Il cambiamento in psicoterapia. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  11. Carli L., Rodini C., a cura di (2008). Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  12. Edelman G.M. (1995). Darwinismo neuronale. La teoria della selezione dei gruppi neuronali. Torino: Einaudi Editore.
  13. Fivaz-Depeuringe E., Corboz-Warnery A. (2000). Il triangolo primario: le prime interazioni triadiche tra padre, madre e bambino. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  14. Fogel A., Lyra M.C.D.P. (1997). Dynamics of development in relationship. In
  15. Masterpasqua F., Perna P.A., The Psychological Meaning of Chaos: Translating Theory into Practice. Washington, D.C.: APA Press (trad. it. In: Carli L., Rodini C., a cura di, Le forme di intersoggettività: l’implicito e l’esplicito nelle relazioni interpersonali. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2008).
  16. Loriedo C. (2012). La capacità negoziale nella famiglia. Da strumento di valutazione dell’interazione familiare a intervento terapeutico complesso. Roma: Seminario di Apertura dell’Anno Accademico dell’IIPR.
  17. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  18. Sameroff A.J. (1983). Developmental systems: Context and evolution. In: Kessen W., Mussen’s Handbook of Child Psychology, vol. 1. New York: John Wiley.
  19. Sameroff A.J., Emde R.N. (1991). Disturbi delle relazioni nella prima infanzia. Torino: Bollati Boringhieri.
  20. Sander L. W. (1964). Adaptive relationship in early mother-child interaction. Journal of the American Academy of Child Psychiatry, 3, pp. 231-264.
  21. Sander L.W. (1975). Infant and caretaking environment: investigation and conceptualization of adaptive behavior in a system of increasing complexity. In: Anthony, E.J., ed. Explorations in Child Psychiatry. New York: Plenum Press, pp. 129-166 (trad. it. In: Sander, L. W. Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2007).
  22. Sander L.W. (1977). The regulation of exchange in the infant-caretaker system and some aspect of the context-content relationship. In: Lewis M., Rosenblum L., eds. Interaction, Conversation, and the Development of Language. New York: John Wiley.
  23. Sander L.W. (1983). Polarity, paradox and the organisational process in development. In: Call J.D., Galenson E., Tyson R., eds., Frontiers of Infant Psychiatry. New York: Basic Book.
  24. Sander L.W. (1991). Recognition process: Specificity and organization in early human development. Relazione presentata alla Conferenza The Psychic Life of the Infant. Amherst: Università del Massachusetts.
  25. Sander L.W. (1997). Paradox and resolution: from the beginning. In: Noshpitz J.D., ed., Handbook of Child and Adolescent Psychiatry. New York: Wiley and Sons. trad. it. In: Sander L. W. (2007). Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  26. Sander L.W. (2005). Pensare differentemente. Per una concettualizzazione dei processi di base dei sistemi viventi. La specificità del riconoscimento. Ricerca psicoanalitica, XVI, 3, pp. 267-300.
  27. Sander L. W. (2007). Sistemi viventi. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  28. Stern D.N. (1987). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  29. Stern D.N. (1995). La costellazione materna. Il trattamento psicoterapeutico della coppia madre-bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  30. Stern D.N. (2005). Il momento presente. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  31. Trevarthen C. (1998). The concept and foundations of infant intersubjectivity. In: Braten S., ed., Intersubjective communication and emotion in early ontogeny. Cambridge: Cambridge University Press.
  32. Tronick E.Z., Cohn J. (1989). Infant-mother face-to-face interaction: Age and gender differences in coordination and the occurence of miscoordination. Child Development, 60, pp. 85-92.
  33. Tronick E.Z. (1999). Le emozioni e la comunicazione affettiva nel bambino. In: Riva Crugnola, C., a cura di, La comunicazione affettiva tra il bambino e i suoi partner. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  34. Tronick E.Z. (2006). The still-face: Infants and toddlers, stress and physiologic reactivity. Seminari del Dipartimento di Psicologia. Milano: Università di Milano-Bicocca.

Chiara Angiolari, Adriana De Francisci, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 39/2014, pp. 25-40, DOI:10.3280/PR2014-039002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche