Clicca qui per scaricare

L’alleanza con le famiglie
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Carol M. Anderson, Douglas J. Reiss, Gerard E. Hogarty 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 39 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  39 P. 43-81 Dimensione file:  122 KB
DOI:  10.3280/PR2014-039003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


II compito maggiore della fase associativa del trattamento è lo sviluppo di una relazione operativa tra il terapeuta e tutti i membri della famiglia, compreso il paziente. Questo è raggiunto utilizzando le sedute per riesaminare il decorso della malattia e il suo trattamento e per discutere dell’azione di entrambi sulla vita dei familiari. Viene facilitato facendo comprende re ai membri delle famiglie che il terapeuta non crede che siano loro la causa della malattia, e che anzi le famiglie hanno la capacità di influenzare positivamente il suo decorso. Durante la fase associativa, il terapeuta gioca il ruolo di rappresentante della famiglia, la prepara per le sedute successive e stabilisce un contratto terapeutico con il paziente e la famiglia che contenga obiettivi specifici, raggiungibili e reciproci. Il contratto si differenzia tra le sedute che immediatamente seguono a un episodio acuto e che si concentrano sulla sopravvivenza del paziente nel mondo esterno, e le ultime sedute che trattano di questioni a lungo termine come il graduale ritorno al lavoro e nel sociale. In tutte le sedute della fase associativa, bisogna dare un senso di speranza nel futuro, senza incoraggiare aspettative irrealistiche. I terapeuti dovrebbero aspettarsi una certa riluttanza, da parte di alcune famiglie, nel farsi coinvolgere nel trattamento ed un certo scetticismo verso la loro competenza e capacità di aiuto. Se queste sfide vengono accettate come normali, date le particolari circostanze, e se il terapeuta evita di mettersi sulla difensiva, il processo di associazione con i pazienti e le famiglie potrà di gran lunga rafforzarsi.


Keywords: Terapia familiare, intervento psicoeducativo con le famiglie, psicosi.

  1. Beels C.C. (1975). Family and social management of schizophrenia. Schizophrenia Bulletin, 1 (13); 97-118. ISSN 0586-7614
  2. Hatfield A. B. (1978). Psychological costs of schizophrenia to the family. Social Work, 23, 355-359.DOI 10.1093/SW/23.5.355
  3. Minkoff K. (1978). A map of chronic mental patients. In: J.A. Talbot (ed.), The chronic rnental patients. Washington, DC: American Psychiatric Association.
  4. Minuchin S. (1974). Structural family therapy. In: S. Arieti (ed.), American handbook of psychiatry, Vol. 2, pp. 178-192). New York: Basic Books.
  5. Minuchin S., Fishman H. C. (1981). Family therapy techniques. Cambridge, MA: Harvard University Press.
  6. Taube C. (1974). Readmissions to inpatient services of the state and county hospitals. 1972. Statistical Note 110. Biometry Branch, National Institute of Mental Health.
  7. Vine P. (1982a). Buryng the stigma. Paper presented to the Family Alliance for the Mentally 111, New York City.
  8. Vine P. (1982b). Families in pain. New York: Pantheon Books.

Carol M. Anderson, Douglas J. Reiss, Gerard E. Hogarty, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 39/2014, pp. 43-81, DOI:10.3280/PR2014-039003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche