Clicca qui per scaricare

Produzione agricola e beni relazionali
Titolo Rivista: RIVISTA DI ECONOMIA AGRARIA 
Autori/Curatori: Benedetto Rocchi 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 3  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 7-25 Dimensione file:  63 KB
DOI:  10.3280/REA2013-003001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The paper discusses the relevance of "relational goods" in studying the economics of agriculture and food supply chain. The quality of interpersonal relations and the dynamic of relational assets have been proposed as relevant concepts in the interpretation of the happiness paradox in developed economies. After a short overview of the literature, the concept of "relational goods" is used to discuss three specific topics: the role of personal relations in overcoming the information asymmetries in the agro-food system, the organisation of labour in agriculture and the emerging sector of social farming. Quality differentiation increases the importance of credence characteristics in marketing agricultural and food products. The creation of relational assets may ease the solution of this information problem. Moreover, emerging forms in the marketing of agricultural and food products, such as alternative food supply chains, community supported agriculture and farmers’ markets, can be better understood when the production of relational goods is taken into account. The dynamic of personal relations is also relevant in explaining the variety of tenancy forms and models of labour organisation in agriculture. A historical example relative to share tenancy in Italy is used as an example to discuss this theme. Finally, the growing sector of social farming (where farming activities are the basis of personal care of individuals with disabilities or social discomfort) clearly shows the economic and social relevance of relational goods. In social farming production activities become the opportunity for a personal "encounter" between the carer and the beneficiary. The nature of the agricultural production process seems particularly suitable for lending support these forms of personal care. The paper closes with a discussion on policies to incentive the creation of relational assets in the agro-food system. The possible trade-off between economic incentives and altruistic motivations in producing genuine human relations suggests an indirect approach. The institutional context and the specific regulations should widen the spectrum of means available to actors in arranging economic and market relations.

L’articolo discute la rilevanza dei "beni relazionali" nello studio dell’economia del settore agricolo alimentare. La qualità delle relazioni interpersonali e la dinamica del capitale relazionale sono stati proposti come concetti rilevanti nell’interpretazione del paradosso della felicità nelle economie avanzate. Dopo una breve rassegna della letteratura il concetto di "bene relazionale" viene usato per discutere tre problemi specifici: il ruolo delle relazioni personali nel superamento delle asimmetrie informative nel sistema agroalimentare, l’organizzazione del lavoro in agricoltura ed il sempre più importante fenomeno dell’agricoltura sociale. La differenziazione qualitativa accresce l’importanza delle caratteristiche credence nella commercializzazione dei prodotti agricoli e alimentari. La creazione di un capitale relazionale può facilitare la soluzione del problema informativo. Inoltre le forme emergenti di commercializzazione dei prodotti agro-alimentari, come le filiere alimentari alternative, le nuove forme di agricoltura comunitaria e i mercati dei produttori, possono essere meglio comprese considerando la produzione di beni relazionali che generano. La dinamica delle relazioni interpersonali è rilevante anche nello spiegare la varietà delle forme di conduzione ed i modelli di organizzazione del lavoro in agricoltura. L’esempio storico della mezzadria in Italia viene utilizzato per discutere questo particolare aspetto. Infine il comparto emergente dell’agricoltura sociale (nella quale le attività agricole costituiscono la base per la cura di persone con disabilità o forme di disagio sociale) mostra chiaramente la rilevanza economica e sociale dei beni relazionali. Nell’agricoltura sociale le attività di produzione agricola diventano l’opportunità di "incontri personali" tra il paziente e colui che se ne prende cura. Il processo produttivo agricolo mostra caratteristiche peculiari particolarmente adatte a supportare queste forme di cura delle persone. L’articolo viene concluso da una discussione sulle politiche più appropriate per incentivare la creazione di capitali relazionali nel sistema agro-alimentare. Il possibile trade-off tra incentivi economici e gratuità delle motivazioni nella produzione di relazioni umane genuine suggerisce un approccio indiretto. Il contesto istituzionale e le regolamentazioni settoriali dovrebbero ampliare lo spettro delle modalità con cui gli attori possono organizzare le relazioni economiche e di mercato.
Keywords: Rapporti tra scienza economica e valori sociali, economia del benessere, agricoltura
Jel Code: A13, D6, Q1

  1. Amerighi G. Il percorso delle fattorie sociali tra fragilità economica e ricchezza umana. Firenze: tesi di Laurea Specialistica in Sviluppo Rurale e Tecniche Sostenibili, anno accademico 2009/2010.
  2. Andersen E.S. (1994). The evolution of credence goods: A transaction approach to product specification and quality control. MAPP Working paper 21. Aarhus, Aarhus School of Business.
  3. Bandini M. (1991). La quota di conguaglio nel sistema della mezzadria, in Cecchi C. (a cura di), L’imprenditore agrario e la proprietà. Scritti sull’approccio contrattuale all’analisi dei tipi di impresa, Milano: FrancoAngeli, pp. 63-88.
  4. Basile E. (1991). Il dibattito sul crepuscolo della mezzadria: ideologia ed economia morale, in Cecchi C. (a cura di), L’imprenditore agrario e la proprietà. Scritti sull’approccio contrattuale all’analisi dei tipi di impresa, Milano: FrancoAngeli, pp. 89-121.
  5. Bruni L. (2012). Le nuove virtù del mercato nell’era dei beni comuni, Roma: Città Nuova.
  6. Bruni L., Zamagni S. (2004). Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Bologna: Il Mulino.
  7. Bruni L., Zarri L. (2007). La grande illusione: false relazioni e felicità nelle economie di mercato contemporanee, Impresa Sociale, n. (76)2: 148-167.
  8. Di Iacovo F., Senni S., De Kneght J. (2006). Farming for health in Italy, in Hassink, J., van Dijk M. (eds.), Farming for Health, The Netherland: Springer: 289-308,, DOI: 10.1007/1-4020-4541-7_20
  9. Gabbai M., Rocchi B., Stefani G. (2003). Pratiche alimentari e prodotti tipici: un’indagine qualitativa sui consumatori. Rivista di Economia Agraria, n. 58(4): 511-552.
  10. Gui B. (2000). Beyond transactions: on the interpersonal dimension of economic reality. Annals of Public and Cooperative Economics, n. (71)2: 139-169.
  11. Gui B. (2005). From transactions to encounters: the joint generation of relational goods and conventional values, in Gui B., Sugden R. (eds.), Economics and social interactions, Cambridge: Cambridge University Press: 23-51,, DOI: 10.1017/CBO9780511522154.003
  12. Gui B. (2010). Beni relazionali, in Bruni L. e Zamagni S. (a cura di), Dizionario di Economia Civile, Roma: Città Nuova, pp. 89-101.
  13. Gui B., Stanca L. (2010). Happiness and relational goods: well-being and interpersonal relations in the economic sphere. International Review of Economics, n. 57(2): 105-118.
  14. Hirsh F. (1981). I limiti sociali allo sviluppo. Milano: Bompiani.
  15. Kirwan J.R. The reconfiguration of producer-consumer relations within alternative strategies in the UK agro-food system: the case of farmers’ markets, PhD Thesis, University of Glouchestershire 2003, www.ccri.ac.uk/AboutUs/Staff/Images/James%20Kirwan%20PhD%20Thesis%20July%202003.pdf.
  16. Magliulo A. (2007). Sulla felicità in economia. La teoria dei beni relazionali di Menger e Böhm-Bawerk, Working Paper del Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università degli Studi di Firenze, n. 1, www.dse.unifi.it/upload/sub/WP01bis.pdf.
  17. Otsuka K. (2007). Efficiency and equity effects of land markets, in Evenson R., Pingali P. (eds.), Handbook of Agricultural Economics Volume 3, Amsterdam: Elsevier - North Holland, pp. 2672-2703.
  18. Relf P.D. (2006). Theoretical models for research and program development in agriculture and health care, in Hassink J. e van Dijk M. (eds.), Farming for Health, The Netherland: Springer, pp. 1-20,, DOI: 10.1007/1-4020-4541-7_1
  19. Robinson L.J., Allan Schmid A., Barry P.J. (2002). The role of social capital in the industrialization of the food system. Agricultural and Resource Economics Review, n. 31(1): 15-24.
  20. Rocchi B., Cavicchi A., Baldeschi M. (2012). Consumers’s attitude towards farmers’ markets in Tuscany. Sviluppo locale, vol. 15(37/38): 5-23.
  21. Rocchi B. (2004). Un sovrappiù di comunione: formazione e distribuzione del reddito nelle aziende EdC, in Bruni L., Crivelli L. (a cura di), Per una economia di comunione. Roma: Città Nuova, pp. 197-222.
  22. Rossi A., Favilli E., Brunori G. (2013). Il ruolo emergente dei civic food networks nell’innovazione attorno al cibo. AgriRegioniEuropa, n. 8(32): 6-9.
  23. Sage C. (2003). Social embeddedness and relations of regard: alternative ‘good food’ networks in south-west Ireland. Journal of Rural Studies, n. 19(3): 47-60.
  24. Sam A. (2008). Les tribulations d’une cassière, Malesherbes (FR): Stock.
  25. Senni S. (2005). L’agricoltura sociale come fattore di sviluppo rurale. AgriRegioniEuropa, n. 1(2): 30-31.
  26. Senni S. (2007). Competitività dell’impresa agricola e legame con il territorio: il caso dell’agricoltura sociale. AgriRegioniEuropa, n. 3(8): 19-22.
  27. Senni S. (2010). Agricoltura e imprenditorialità sociale nell’esperienza italiana, Impresa Sociale, n. 79(4): 15-33.
  28. Spaemann R. (2005). Persone. Sulla differenza tra “qualcosa” e “qualcuno”. Bari: Laterza.
  29. Stefani G. (2003). L’organizzazione del lavoro nell’azienda agraria, in Torquati B.M., Economia e gestione dell’impresa agraria, Bologna: Edagricole, pp. 57-74.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Benedetto Rocchi, in "RIVISTA DI ECONOMIA AGRARIA" 3/2013, pp. 7-25, DOI:10.3280/REA2013-003001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche