Clicca qui per scaricare

Delhi: due idee di città, prima e dopo l’indipendenza. Territorio, potere, identità
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Pilar Maria Guerrieri 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 143 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 69-95 Dimensione file:  458 KB
DOI:  10.3280/SU2014-143004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La città di Delhi ha da sempre attratto regnanti e dinastie diventando il luogo d’incontro di culture anche molto lontane tra di loro. La città è stata perfino, per oltre un secolo, oggetto di attenzione e di dominazione da parte dei colonialisti britannici. Il saggio guarda a un momento cruciale di questa realtà urbana: il passaggio dal periodo coloniale a quello dell’indipendenza (1947); cruciale per le ricadute che ha avuto sul presente, ma spesso trascurato dagli storici dell’architettura. Il testo si concentra in particolare sull’analisi di due idee di città: quella proposta dai colonialisti e quella proposta dal governo democratico indipendente; e più precisamente vengono messi a confronto il progetto del 1911 per la nuova capitale imperiale di Nuova Delhi e il piano regolatore del 1962 voluto dal primo ministro Jawaharlal Nehru. Il saggio si focalizza a livello tematico sull’analisi dei rapporti complessi e contraddittori che si sono instaurati in queste due occasioni tra la capitale, il potere e l’identità della nazione indiana. Non sempre l’idea di città immaginata dall’alto e dai vertici ha coinciso con quello che è accaduto nella realtà, e l’ambizione è di approfondire sia le relazioni spesso ambigue tra l’architettura e l’immagine nazionale sia quelle forze in gioco, non necessariamente politiche o economiche, che sono state altrettanto capaci di agire e condizionare in maniera decisiva le forme urbane.


Keywords: India, Architettura, Pianificazione urbana, Colonia, Indipendenza

Pilar Maria Guerrieri, in "STORIA URBANA " 143/2014, pp. 69-95, DOI:10.3280/SU2014-143004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche