Clicca qui per scaricare

Paura ed eros: i tanti volti della paura
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Vighetti Leonardo Verdi 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 39 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 21-35 Dimensione file:  75 KB
DOI:  10.3280/JUN2014-039002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Viviamo in un tempo storico in cui la paura diventa impalpabile, si associa al senso di sconfitta, alle cui radici vi sono la perdita dei legami di fratellanza e la fragilità delle proposte di senso del vivere. In ambito individuale diventa esperienza di perdita di tutela del Sé e della propria amabilità. Il versante individuale e quello sociale della paura trovano il punto d’intersezione nella perdita affettiva di ciò che è fondante: l’Eros. Paura ed eros sono associati: la mancanza di eros genera paura ma anche la sua presenza può suscitare paura, quando eros è stato ferito. La paura mette alla prova l’analista. Il passaggio dalla paura all’eros può avvenire solo dopo aver abbracciato la paura del paziente, facendola diventare un’esperienza comprensibile e drammatizzabile nel setting analitico. I riferimenti clinici testimoniano l’esperienza del legame tra paura ed eros, vissuto nell’abbandono precoce, nelle molestie paterne, nella solitudine di un’infanzia trascorsa nel contenere il dramma familiare.


Keywords: Paura, angoscia, panico, eros, sincronicità, senso

  1. Bauman Z. (2006). Liquid Fear. Cambridge: Polity (trad. it. Paura liquida. Bari: Laterza, 2012).
  2. Borgna E. (2013). La solitudine dell’anima. Milano: Feltrinelli.
  3. Bourke J. (2005). Fear. A Cultural History. London: Virago (trad. it. Paura, una storia culturale. Bari: Laterza, 2007).
  4. Bion W.R. (1965). Change from Learning to Growth. London: Heinemann (trad. it. Trasformazioni. Roma: Armando, 1973).
  5. Ceretti A., Cornelli R. (2013). Oltre la paura. Milano: Feltrinelli.
  6. Damasio A. (2010). Self Comes to Mind. New York: Pantheon Books (trad. it. Il Sé viene alla mente. Milano: Adelphi, 2012).
  7. Freud S. (1925). Hemmung, Symptom und Angst. (trad. it. Inibizione, sintomo e angoscia. In: Opere, vol. 10. Torino: Boringhieri, 1978).
  8. Hillman J. (1972). The Myth of Analysis. Evanston: Northwestern university press (trad. it. Il mito dell’analisi. Milano: Adelphi, 1979).
  9. Jung C.G. (1912). Wandlungen und Symbole der Libido (trad. it. Simboli della trasformazione. In: Opere, vol. 5. Torino: Boringhieri, 1970).
  10. Jung C.G. (1928/1931). Analytische Psychologie und Weltanschauung (trad. it. Psicologia analitica e concezione del mondo. In: Opere, vol. 8. Torino: Boringhieri, 1976).
  11. Jung. C.G. (1946). Die Psychologie der Ubertragung. (trad. it. La psicologia della traslazione. In: Opere, vol.16. Torino: Boringhieri, 1984).
  12. Kohut H. (1984). How Does Analysis Cure? Chicago, London: University of Chicago Press (trad. it. La cura psicoanalitica. Torino: Bollati Boringhieri, 1986).
  13. Mancuso V. (2013). Il principio passione. Milano: Garzanti.
  14. Mollon P. (2002). Shame and Jealousy. London: Karnak (trad. it. Vergogna e gelosia. Roma: Astrolabio, 2006).
  15. Napoletano R. (2013). L’umiltà di ascoltare e la capacità di fare. In: Il Sole 24 Ore, 24/02/2013.
  16. Ogden T.H. (1989). The Primitive Edge of Experience. London: Aronson (trad. it. Il limite primigenio dell’esperienza. Roma: Astrolabio, 1992).
  17. Verdi Vighetti L. (2002), Jung e la colpa: spunti di riflessione, Studi Junghiani, 15: 5-34.

Vighetti Leonardo Verdi, in "STUDI JUNGHIANI" 39/2014, pp. 21-35, DOI:10.3280/JUN2014-039002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche