Clicca qui per scaricare

Processi archetipici nella formazione di un sogno e di un delirio: un contributo clinico
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Paolo Romano 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 39 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 37-46 Dimensione file:  56 KB
DOI:  10.3280/JUN2014-039003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Dopo aver passato in rassegna la concezione dell’archetipo avanzata da Jung con la sua teoria dell’inconscio, viene proposta una sua applicazione clinica all’interpretazione di un sogno e di un sistema delirante e vengono avanzate alcune considerazioni sul significato dei simboli in essi contenuti. In particolare si mostra come essi possano essere stati prodotti per estensione metaforica da quelle esperienze archetipiche che nella storia evolutiva dell’uomo hanno accompagnato la differenziazione dei suoi bisogni da quelli dei suoi antenati animali.


Keywords: Archetipo, inconscio, immagini archetipiche, sogno, delirio

  1. Alcaro A. (2013). Jaak Panksepp e le neuroscienze dell’affettività. Studi junghiani, 37-38: 117-120., 10.3280/JUN2013-037008DOI: 10.3280/JUN2013-037008
  2. Ammaniti M,, GalleseV. (2014). La nascita dell’intersoggettività. Milano: Cortina.
  3. Biondi G, Rickards O. (2014). Senza Adamo. Roma: Carocci.
  4. Brachen P., Thomas P., Timimi S. et al. (2012). Psychiatry beyond the current paradigm. The Britisch Journal of Psychiatry: 201, 6: 430-434 (trad. it. Una psichiatria al di là dell’attuale paradigma. Psicoterapia e Scienze Umane, 2013, 47, 1: 9-22).
  5. , 10.1192/bjp.bp.112.109447.EagleM.N.(2011).FromClassicaltoContemporaryPshychoanalysis.Londo,NewYork:TaylorandFrancis(trad.it.DaFreudallapsicoanalisicontemporanea.Milano:Cortina,2012)DOI: 10.1192/bjp.bp.112.109447.EagleM.N.(2011).FromClassicaltoContemporaryPshychoanalysis.Londo,NewYork:TaylorandFrancis(trad.it.DaFreudallapsicoanalisicontemporanea.Milano:Cortina,2012)
  6. Jung C.G. (1936a). Uber den Archetypus mit besonderer Berucksichthigung des Animabegriffes (trad. it. Sull’archetipo con particolare riguardo al concetto di Anima. In: Opere, vol. 9/1. Torino: Boringhieri, 1980).
  7. Jung C.G. (1936b). Der Begriff des kollektiven Unbewussten (trad. it. Il concetto di inconscio collettivo. In; Opere, vol. 9/1. Torino: Boringhieri, 1980).
  8. Jung C.G. (1940). Psychologie und Religion. Zurich: Rascher Verlag (trad. it. Psicologia e Religione. Milano: Ed. di Comunità,1966).
  9. Jung C.G. (1944). Psychologie und alchemie. Zurich: Rascher Verlag (trad. it. Psicologia e alchimia. Roma: Astrolabio, 1950).
  10. Jung C.G. (1958). Ein moderner Mythus, Von Dingen, Die am Himmel gesehen warden (trad.it. Su cose che si vedono nel cielo. In: Opere, vol. 10/2. Torino: Boringhieri,1986).
  11. Knox J (2003). Archetype, Attachment, Analysis. London: Brunner-Routdlege (trad. it. Archetipo, attaccamento analisi. Roma: Magi, 2007).
  12. La Bibbia (1987). Vangelo secondo Giovanni. Milano: Edizioni S. Paolo.
  13. Leonhard K (1957). Aufteiling der endogenen Psychosen. Berlin: Akademie Verlag (trad. it. Le psicosi endogene. Milano: Feltrinelli, 1968).
  14. Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (1952). Torino: Einaudi.
  15. McDowell M. (2001). Principles of organization: A dynamic system view of the archetypeas-such. Journal of Analytical Psychology, 46, 4: 637-654., 10.1111/1465-5922.00271DOI: 10.1111/1465-5922.00271
  16. Romano P. (1972). Su di un caso di euforia esaltata. Osservazioni di ordine nosografico e psicologico in margine alle manie cosiddette deliranti. Neopsichiatria, 38, 1: 85-105.
  17. Tellenbach H. (1960). Melancholie (Malinconia). Berlin, Gottingen, Heidelberg: Springer.
  18. Weitbrecht H.J. (1963). Psychiatrie Im Grundriss. Heidelberg: Springer (trad. it. Compendio di psichiatria. Padova: Piccin, 1970).

Paolo Romano, in "STUDI JUNGHIANI" 39/2014, pp. 37-46, DOI:10.3280/JUN2014-039003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche