Clicca qui per scaricare

Terapia di gruppo per pazienti depressi: dalla "retentio" depressiva al movimento di "Armonia"
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Alessandra Silvestro 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 95-106 Dimensione file:  83 KB
DOI:  10.3280/GRU2014-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo descrive un’esperienza di psicoterapia di gruppo per pazienti depressi durata otto anni presso il Centro di salute mentale. Il gruppo si è svolto a cicli annuali permettendo a diversi pazienti di accedervi sia per uno che per più cicli. Abbiamo seguito un modello di trattamento psicodinamico-fenomenologico permettendo un’esplorazione del vissuto del tempo dalla "retentio" depressiva alla mobilizzazione narrativa. In parallelo abbiamo rivisitato il concetto psicoanalitico di Ritrascrizione. Ci si avvale di una esemplificazione clinica per mostrare come il tempo nel gruppo assuma connotati transindividuali. Il gruppo vive fasi di atemporalità o altrimenti, come nella melanconia, un passato che non può essere elaborato nel lutto, un futuro che non si può prefigurare, come nella morte stessa. Il lavoro di elaborazione nella psicoterapia di gruppo apre al "tempo della risonanza" dove presente, passato e futuro giocano insieme e permettono il movimento vitale della relazione.


Keywords: Depressione, temporalità, ritrascrizione, psicoterapia di gruppo, processo di gruppo, istituzione.

  1. Binswanger L. (2006). Melanconia e mania. Studi fenomenologici. Torino: Bollati Boringhieri.
  2. Birksted-Bren D. (2003). Time and après-coup. Int. J. Psych., 84 (6): 1501-1515.
  3. Borgna E. (2008). Malinconia. Milano: Feltrinelli.
  4. Chabert C., Kaës R., Lanouziere J., Schniewind A. (2006). Figure della depressione. Roma: Borla.
  5. Corbella S. (2003). Storie e luoghi nel gruppo. Milano: Raffaello Cortina.
  6. Curi U. (2009). I Miti d’Amore. Milano: Bompiani.
  7. Fasolo F. (2011). Respirare il gruppo. Padova: CLEUP.
  8. Fédida P. (2002). Il buon uso della depressione. Torino: Einaudi.
  9. Freud S. (1915). Lutto e Melanconia. OSF, 8.
  10. Galasso R. (1988). Le nozze di Cadmo e Armonia. Milano: Adelphi.
  11. Gozzetti G., Cappellari L., Ballerini A. (1999). Psicopatologia fenomenologica della psicosi. Sul senso dell’incontro con l’esperienza psicotica. Milano: Raffaello Cortina.
  12. Gozzetti G. (2008). La tristezza vitale. Psicopatologia e fenomenologia della melancolia. Roma: Giovanni Fioriti.
  13. Khan M., Khan R. (1990). I sé nascosti. Torino: Bollati Boringhieri.
  14. Kaës R. (2007). Un singolare plurale. Roma: Borla.
  15. Lopez D., Zorzi L. (2003). Terapia psicoanalitica delle malattie depressive.
  16. Milano: Raffaello Cortina.
  17. McDougall J. (1988). Teatri dell’Io. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Minkowski E. (1971). Il tempo vissuto. Torino: Einaudi.
  19. Ovidio Nasone P. (1988). Le Metamorfosi. Milano: Bompiani.
  20. Racalbuto A.(1994). Tra il fare e il dire. L’esperienza dell’inconscio e del non verbale in psicoanalisi. Milano: Raffaello Cortina.
  21. Silvestro A. (2005). Il volto di Medusa. In: Fasolo F., Ambrosiano I., Cordioli A., a cura di, Sviluppi della soggettualità nelle reti sociali. Padova: CLEUP.
  22. Stanghellini G. (2006). Psicopatologia del senso comune. Milano: Raffaello Cortina.
  23. Stanghellini G., Rossi Monti M. (2009). Psicologia del patologico. Una prospettiva fenomenologica-dinamica. Milano: Raffaello Cortina.

Alessandra Silvestro, in "GRUPPI" 2/2014, pp. 95-106, DOI:10.3280/GRU2014-002010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche