Clicca qui per scaricare

The Italian Labour Market as Perceived by Outstanding Upper Secondary School-Leavers
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Giancarlo Gasperoni 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 136 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 221-241 Dimensione file:  308 KB
DOI:  10.3280/SL2014-136012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo riporta alcuni risultati di un programma di ricerca più ampio, promosso dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, che ha per oggetto la caratterizzazione sociale e le scelte universitarie di diplomati dotati, i quali vengano interpellati a un anno dalla conclusione degli studi scolastici. I risultati qui riportati si riferiscono in particolare alla valutazione dei criteri più equi per la retribuzione dei lavoratori, alla percezione del grado di meritocraticità che pervade alcuni contesti sociali (tra cui il mercato del lavoro), alle aspirazioni occupazionali e, infine, al "lavoro ideale". Si evidenziano la molteplicità dei criteri ritenuti accettabili per determinare i redditi dei lavoratori; la percezione di un’Italia nettamente non meritocratica, specie per quanto concerne il sistema politico, la pubblica amministrazione, il fisco, ma anche il mercato del lavoro; la centralità, nel prefigurare il "lavoro ideale", della stabilità (rapporto di lavoro a tempo indeterminato), l’uso e l’acquisizione di competenze e la parità di genere.


Keywords: Mercato del lavoro, meritocrazia, studenti eccellenti, lavoro ideale, criteri retributivi, aspirazioni occupazionali

  1. Barone C. (2012). Le trappole della meritocrazia. Bologna: il Mulino.
  2. Bianco A.R. (2010). Merito? No grazie. Meritocrazia ed egualitarismo nella scuola italiana. Acireale-Roma: Bonanno.
  3. Comunian A.L. (2000). Cultural Values and Education for the Gifted and Talented in Italy. Roeper Review, 22, 2: 117-120.
  4. Corbetta P., Gasperoni G., Pisati M. (2001). Statistica per la ricerca sociale. Bologna: il Mulino.
  5. Gasperoni G. (2011). Le variazioni territoriali dei livelli di competenza degli studenti nelle Regioni italiane secondo nella rilevazione 2009 di PISA. Istituzioni del Federalismo. Rivista di studi giuridici e politici. 32, 1: 115-136.
  6. Gasperoni G. (2013). Profilo sociale e scelte formative dei diplomati eccellenti. Quaderni di sociologia, 56, 61: 11-33.
  7. Longoria R.T. (2009). Meritocracy and Americans’ Views on Distributive Justice. London: Lexington.
  8. Mönks F.J., Pflüger R. (2005). Gifted Education in 21 European Countries: Inventory and Perspective. Nijmegen: Radboud University Nijmegen.
  9. OECD (2009). Top of the Class: High Performers in Science in PISA 2006. Paris:
  10. OECD. OECD (2012). Grade Expectations: How Marks and Education Policies Shape Students’ Ambitions. Paris: OECD.
  11. OECD (2014). PISA 2012 Results: What Students Know and Can do: Student Performance in Mathematics, Reading and Science (Volume I). Paris: OECD.
  12. Persson R.S., Joswig H., Balogh L. (2000). Gifted Education in Europe: Programs, Practices, and Current Research. In: Heller K.A., Mönks F.J., Sternberg R., Subotnik R.F., eds. International Handbook of Giftedness and Talent. New York: Pergamon.
  13. Tenret E. (2014). La meritocrazia a scuola, attraverso la scuola. Il caso italiano in prospettiva comparata. Quaderni di sociologia, 58, 64: 45-71.

Giancarlo Gasperoni, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 136/2014, pp. 221-241, DOI:10.3280/SL2014-136012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche