Clicca qui per scaricare

Le vite della natura morta. still life di Uberto Pasolini, 2013
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori:  Giuseppe Riefolo 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 173-181 Dimensione file:  99 KB
DOI:  10.3280/PSOB2014-003011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro terapeutico, mentre rispetta il dolore che i pazienti ci portano, ha la sua specificità nell’occuparsi di recuperare, continuamente, le tracce di vita che convivono con la sofferenza. Si tratta di rendere "assenza" ciò che i pazienti ci portano come "vuoto" insostenibile. Quindi, nell’intensità del "campo relazionale", pochi fotogrammi gelati possono svilupparsi in storie sempre più ricche. I terapeuti sanno di non essere una collezione di pazienti, ma l’intersezione di infinite storie. I terapeuti si pongono nel punto di intersezione in cui alcune storie sembrano spente o finite e possono usare solo la propria curiosità e passione per entrare delicatamente in uno spazio apparentemente vuoto. I terapeuti cercheranno allora tracce non di una vita passata, ma di movimenti sospesi e potenziali: le foto, i dischi, le lettere che John May trova nelle case che visita non sono importanti per avere notizie sul caso, ma permettono di riattivare processi durante i quali si incontrano personaggi vivi che custodiscono e continuano una storia solo apparentemente finita. Come in ogni terapia che riesce, la vita toccherà John May e lo trasformerà.


Keywords: Natura morta; assenza; vuoto; processo dissociativo; fotografie; cinema; psicoterapia; morte.

  1. Bion W.R. (1963) Elements of psychoanalysis, Heinemann, London (trad. it. Elementi della psicoanalisi, Armando, Roma, 1973)
  2. Bromberg Ph.M. (1998) Standing in the spaces. Essays on clinical process, trauma and dissociation, The Analytic Press, Hillsdale, New York (trad. it. Clinica del trauma e della dissociazione, Raffaello Cortina, Milano, 2007)
  3. Bromberg Ph.M. (2006) Awakening the dreamer. Clinical journeys, The Analytic Press, New York (trad. it. Destare il sognatore, Raffaello Cortina, Milano, 2009)
  4. Bromberg Ph.M. (2011) The shadow of the tsunami and growth of the relation mind, Taylor & Francis Group, London (trad. it. L’ombra dello tsunami, Raffaello Cortina, Milano, 2012)
  5. Didi-Huberman G. (2003) Images malgré tout, ed. de Minuit, Paris (trad. it. Immagini malgrado tutto, Raffaello Cortina, Milano, 2005)
  6. Fogel G.I. (2006) “Gender as soft assembly by Adrienne Harris Hillsd... 25). 2005”, Int. J. Psycho-Anal., 87: 1164-1170
  7. Freud S. (1932) Introduzione alla psicoanalisi (nuova serie di lezioni), OSF, 11
  8. Ghirri L. (2013) Still Life Topografia-Iconografia in: Pensare per immagini, Icone, paesaggi, architetture, Mostra fotografica, Roma, MAXXI, 24.4-27.10
  9. Kohut H. (1984) How does analysis cure, Un. Chicago Press, Chicago (trad. it. La cura psicoanalitica, Bollati-Boringhieri, Torino, 1986)
  10. Mitchell S.A. (1993) Influence and autonomy in psychoanalysis, The Analytic Press, New York (trad. it. Influenza e autonomia in psicoanalisi, Bollati Boringhieri, Torino, 1999)
  11. Ogden T.H. (2013) “Thomas H. Ogden in conversation with Luca Di Donna”, Rivista di Psicoanal., LIX, 3: 625-641
  12. Riefolo G. (2011) “Un processo circolare. Scissione, dissociazione e configurazioni nel processo analitico”, Quaderni de gli argonauti, XI, 22: 45-64
  13. Riefolo G. (2012) “Scissione e dissociazioni nell’evoluzione del processo analitico”, in Campoli G., Meterangelis G., Pirrongelli C., Solano L. (a cura di), Dissociazione, scissione, rimozione, FrancoAngeli, Milano, pp. 163-180

Giuseppe Riefolo, in "PSICOBIETTIVO" 3/2014, pp. 173-181, DOI:10.3280/PSOB2014-003011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche