Clicca qui per scaricare

I servizi di welfare come beni collettivi per lo sviluppo: le anomalie del caso italiano
Titolo Rivista: QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria 
Autori/Curatori: Emmanuele Pavolini 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 65-87 Dimensione file:  94 KB
DOI:  10.3280/QU2014-004004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I servizi di welfare come beni collettivi per lo sviluppo: le anomalie del caso italiano Il saggio analizza come le strategie di investimento sociale si stiano realizzando in Italia a livello territoriale. L’Italia si sta sempre più caratterizzando per la presenza di due sistemi di welfare, l’uno (nel Centro Nord) in cui si sviluppano strategie di investimento sociale integrative del welfare tradizionale e di supporto ai sentieri locali di sviluppo, l’altro (nel Mezzogiorno) in cui le mancanze del welfare tradizionale si associano ad uno scarso sviluppo di strategie di investimento sociale. Non vi è altro Paese occidentale dove così forte sia la relazione fra livello di sviluppo economico locale e diffusione di interventi di investimento sociale.


Keywords: Social investment, Sviluppo locale, Divari territoriali, Disuguaglianze territoriali, Italia

  1. Ballarino G. (2015), «School in Contemporary Italy. Structural Features and Current Policies» in Ascoli U., Pavolini E. (eds.), The Italian Welfare State in a Comparative Perspective, Policy Press, Bristol, pp. 135-157.
  2. Barca F. (2006), Italia frenata: paradossi e lezioni della politica per lo sviluppo, Donzelli, Roma.
  3. Brandolini A., Torrisi R. (2010), «Disuguaglianza dei redditi e divari territoriali», Rivista delle politiche sociali, 3, pp. 27-54.
  4. Cannari L., Franco D. (a cura di) (2010), Il Mezzogiorno e la politica economica dell’Italia, Banca d’Italia, Roma.
  5. Cantillon B. (2011), «The Paradox of the Social Investment State: Growth, Employment and Poverty in The Lisbon Era», Journal of European Social Policy, 21, 5, pp. 432-49.
  6. Cdaia (2002), I servizi educativi per la prima infanzia, Istituto degli Innocenti, Firenze. Cersosimo D., Nisticò R. (2013), «Un Paese disuguale: il divario civile in Italia», Stato e Mercato, 98, pp. 221-247.
  7. de la Porte C., Jacobsson K. (2012), «Social Investment or Re-Commodification? Assessing the Employment Policies of the EU Member States», in Morel N.,
  8. Palier B., Palme J. (eds.), Towards a Social Investment Welfare State?: Ideas, Policies and Challenges, pp. 231-254.
  9. Destatis (2009), «Kinder unter 6 Jahren in Kindertageseinrichtungen», Pressemitteilung, 409.
  10. Esping-Andersen G. (2009), The Incomplete Revolution: Adapting to Women’s New Roles, Polity Press, Cambridge, Ma.
  11. Eurobarometro (2007a), Survey n° 66.3, Eurobarometro.
  12. Eurobarometro (2007b), Survey n° 62.2, Eurobarometro.
  13. Eurostat (2014), Eurostat Statistics Database, Eurostat, http://epp.eurostat.ec.europa.eu/.
  14. Fargion V. (2000), «Timing e sviluppo dei servizi sociali in Europa», Rivista italiana di scienza politica, I, pp. 45-85.
  15. Fargion V., Gualmini E. (a cura di) (2013), Fra l’incudine e il martello. Regioni e nuovi rischi sociali in tempo di crisi, il Mulino, Bologna.
  16. Ferrera M. (2008), «Dal welfare state alle welfare regions», Rivista italiana delle politiche sociali, III, pp. 17-50.
  17. Granaglia E. (2014), «Welfare state e crescita. Oltre la visione attivante delle politiche sociali», QA – Rivista dell’Associazione Rossi-Doria, 4, pp. 13-36.
  18. Heckman J.J., Masterov D.V. (2007), «The Productivity Argument for Investing in Young Children», Review of Agricultural Economics, 29, 3, pp. 446-493.
  19. Hemerjick A. (2013), «When Changing Welfare States and the Eurocrisis Meet», Sociologica, 1, pp. 1-50.
  20. Istat (2014a), Indicatori per le politiche di sviluppo, Istat, Roma.
  21. Istat (2014b), Istat – Health for All database, Istat, Roma.
  22. Kazepov Y. (a cura di) (2010), Rescaling Social Policies, Ashgate, Farnham.
  23. Kazepov Y., Barberis E. (a cura di) (2012), Il Welfare frammentato, Carocci, Roma.
  24. Morel N., Palier B., Palme J. (eds.) (2012), Towards a Social Investment Welfare State?: Ideas, Policies and Challenges, Policy Press, Bristol.
  25. Natali D. (2011), «Le politiche pensionistiche», in Ascoli U. (a cura di), Il Welfare in Italia, il Mulino, Bologna, pp. 57-78.
  26. Nikolai R. (2012), «Towards Social Investment? Patterns of Public Policy in the Oecd World», in Morel N., Palier B., Palme J. (eds.), Towards a Social Investment Welfare State?: Ideas, Policies and Challenges, pp. 123-154.
  27. Ocse (2014a), Socx Database, Ocse, Paris.
  28. Ocse (2014b), Ocse-Pisa Database, Ocse, Paris.
  29. Palier B. (2013), «Social Policy Paradigms, Welfare State Reforms and the Crisis», Stato e Mercato, 97, pp. 37-66.
  30. Pavolini E. (2011), «Welfare e dualizzazione dei diritti sociali», in Ascoli U. (a cura di), Il welfare in Italia, il Mulino, Bologna.
  31. Pavolini E. (a cura di) (2012), Il cambiamento possibile. La Sanità in Sicilia fra Nord e Sud, Donzelli, Roma. Pierson P. (ed.) (2001), The New Politics of the Welfare State, Oxford University Press, Oxford.
  32. Ranci C., Ascoli U., Sgritta G. (a cura di) (2014), Le politiche di investimento sociale in Italia, il Mulino, Bologna, in corso di stampa.
  33. Ranci C., Pavolini E. (a cura di) (2012), Reforms in Long-Term Care Policies in European Countries, Springer, New York.
  34. Taylor-Gooby P. (ed.) (2004), New Risks, New Welfare: The Transformation of the european Welfare State, Oxford University Press, Oxford.
  35. Trigilia C. (2012), Non c’è Nord senza Sud. Perché la crescita dell’Italia si decide nel Mezzogiorno, Laterza, Bari.
  36. Vesan P. (2012), «La politica del lavoro», in Ferrera M. (a cura di), Le politiche sociali, il Mulino, Bologna, pp. 113-169.

Emmanuele Pavolini, in "QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria" 4/2014, pp. 65-87, DOI:10.3280/QU2014-004004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche