Clicca qui per scaricare

Come nasceva un "capo" democristiano. Vittorio Cervone a Latina (1946-1956)
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Stefano Mangullo 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  34 P. 37-70 Dimensione file:  153 KB
DOI:  10.3280/MON2014-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Attraverso un caso di studio territoriale, il saggio esamina il ruolo avuto dalla mediazione politica per l’affermazione e il consolidamento della Democrazia cristiana, con un focus specifico sull’organizzazione di partito e sul controllo degli enti pubblici. Si tratta di fattori ambedue riscontrabili e decisivi nella dinamica che portò all’ascesa di Vittorio Cervone fra il 1946 e il 1956: prima nella duplice veste di segretario provinciale e di commissario di un importante consorzio di bonifica, poi in qualità di parlamentare, Cervone riuscì progressivamente a emergere come rappresentante e mediatore degli interessi locali presso le autorità centrali e di governo. Il terreno privilegiato d’indagine è rappresentato dall’intervento della Cassa per il Mezzogiorno in provincia di Latina nei primi anni Cinquanta. L’intervento straordinario costituì infatti il banco di prova della capacità della Democrazia cristiana di fare interagire il centro con la periferia e di coniugare gli effetti sociali della modernizzazione prodotta dalla Cassa e la mobilitazione del consenso sul territorio.


Keywords: Italia repubblicana, Democrazia cristiana, Cassa per il Mezzogiorno, mediazione politica, enti pubblici, provincia di Latina, Vittorio Cervone

Stefano Mangullo, in "MONDO CONTEMPORANEO" 3/2014, pp. 37-70, DOI:10.3280/MON2014-003002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche