Clicca qui per scaricare

La sicurezza sul lavoro: dalle norme alle pratiche organizzative
Titolo Rivista: SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI 
Autori/Curatori: Barbara Giullari 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 137-148 Dimensione file:  106 KB
DOI:  10.3280/SISS2015-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The article deals the relationship between safety and work, focusing on organizational processes of implementation of regulatory framework. For this purpose the author analyses the historical evolution of regulation, individual and collective actors and organizational tools who aim to guarantee safety of work. On the basis of an empirical study the article shows that the principal difficulties emerging in the organization concern the possibility of the workers of participate in substantive way to realization of safety in working context.


Keywords: Sicurezza, lavoro, quadro normativo, processi organizzativi, partecipazione

  1. Barrett S.M. (2004). Implementation studies: time for a revival? Personal reflections on 20 years of implementation studies. Public Administration, vol. 82, 2: 249-262., DOI: 10.1111/j.0033-3298.2004.00393.x
  2. Bifulco L. (2002). Che cos’e una organizzazione. Roma: Carocci.
  3. Bolognini B. (2012). La formazione nelle organizzazioni. Roma: Carocci.
  4. Boltanski L., Chiappello E. (1999). Le nouvel esprit du capitalism. Paris: Gallimard.
  5. Bonvin J.-M., Favarque N. (2008). Amartya Sen: une politique de la liberte. Paris: Michalon.
  6. Borghi V., de Leonardis O., Procacci G., a cura di (2013). Le ragioni della politica II. I discorsi delle politiche. Napoli: Liguori.
  7. Borghi V., Grandi S., a cura di (2012). Cosa vuol dire essere sicuri? Pratiche e rappresentazioni della sicurezza sul lavoro. Sociologia del lavoro, 130.
  8. Borghi V., Rizza R. (2006). L’organizzazione sociale del lavoro. Milano: Bruno Mondadori.
  9. Bruni A., Gherardi S. (2007). Studiare le pratiche lavorative. Bologna: il Mulino.
  10. Catino M. (2002). Da Chernobyl a Linate: incidenti tecnologici o errori organizzativi? Roma: Carocci.
  11. Catino M. (2006). Logiche dell’indagine: oltre la cultura della colpa. Rassegna Italiana di Sociologia, 1: 7-36.
  12. Catino M. (2009). Miopia organizzativa. Problemi di razionalita e previsione nelle organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  13. Catino M. (2012). Capire le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  14. Catino M., Albolino S. (2008). Colpa ed errore. Logiche d’analisi in aeronautica e in medicina. Studi organizzativi, 1: 117-144.
  15. DiMaggio P., Powell W. (2000). Il neoistituzionalismo nell’analisi organizzativa. Torino: Edizioni di Comunità.
  16. Gherardi S., Nicolini D. (2004). Apprendere e conoscere nelle organizzazioni.
  17. Roma: Carocci. Giullari B. (2013). La costruzione organizzativa della sicurezza: il ruolo della formazione. In: Borghi V., Grandi S., a cura di, op. cit.
  18. Giullari B., Rizza R., Sansavini M. (2013). Il campo della sicurezza sul lavoro. In: Borghi V., de Leonardis O., Procacci G., a cura di, op. cit.
  19. Gosetti G. (2012). Lavoro frammentato, rischio diffuso: lavoratori e prevenzione al tempo della flessibilita. Milano: FrancoAngeli.
  20. Isfol (2013). XIV Rapporto sulla formazione continua, Roma.
  21. Lascoumes P., Le Gales P., a cura di (2009). Gli strumenti per governare. Milano: Bruno Mondadori.
  22. Pressman J., Wildavsky A. (1984). Implementation, 3rd edn. Berkeley: University of California Press.
  23. Scott W.R. (1992). Le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  24. Sen A. (1992). Inequality reexamined. Oxford: Oxford University Press.
  25. Weick K. (1997). Senso e significato nell’organizzazione: alla ricerca delle ambiguita e delle contraddizioni nei processi organizzativi. Milano: Raffaello Cortina.
  26. Yin R.K. (2005). Lo studio di caso nella ricerca scientifica: progetto e metodi. Roma: Armando.

Barbara Giullari, in "SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI" 1/2015, pp. 137-148, DOI:10.3280/SISS2015-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche