Clicca qui per scaricare

Il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nel contesto scolastico: una prospettiva di intervento del counselor sistemico
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’ 
Autori/Curatori: Chiara La Barbera 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 87-94 Dimensione file:  38 KB
DOI:  10.3280/PSC2015-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel presente contributo l’autore si propone di presentare un modello di intervento per la prevenzione del fenomeno del bullismo scolastico che ha come obiettivo quello di creare, nel contesto scolastico, una politica anti-bullismo che, partendo dall’esperienza delle peer education possa dare voce al pensiero "positivo" dei ragazzi e contribuire a coinvolgere gli adulti in un processo di autoriflessività rispetto a quanto prodotto, mostrando loro le competenze dei ragazzi e le loro modalità di comunicazione e coinvolgendo la comunità locale in termini di diffusione del messaggio della collaborazione e della cooperazione come cultura anti-bullismo. Questo permette anche di creare un intervento che sfida il modello lineare dei sistemi di prevenzione e cura che si concentrano sul supporto al "bullo designato" e alla "vittima designata" spostando l’asse sulla dimensione sistemica del contesto come matrice di significati che attivano alcuni comportamenti inibendone altri.


Keywords: Counseling, epistemologia sistemica, bullismo, cyberbullismo, prevenzione, scuola.

  1. Anderson H., Goolishan H. (1992). The client is the expert: a not knowing approach to therapy. In: McNamee S., Gergen K. (eds). Therapy as social construction. London: Sage, pp. 25-39 (trad. it. La terapia come costruzione sociale. Milano: Franco Angeli, 1998).
  2. Bateson G. (1972). Steps to an Echology of Mind. San Francisco: Chandler Publishing Company (trad. it.: Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi, 1976).
  3. Bateson G. (1979). Mind and nature. New York: Dutton (trad. it. Mente e natura. Milano: Adelphi, 1984).
  4. Boscolo L., Bertrando P. (1996). Terapia sistemica individuale. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Calvano F. (2004). La definizione anglosassone di counseling. ACP Rivista di Studi Rogersiani. Cecchin G., Apolloni G. (2004). Idee perfette. Hybris della prigione della mente. Milano: Franco Angeli.
  6. Farrington, D.P. (1993). Understanding and Preventing Bullying. Crime and justice. Review of Research, 17. Chicago: The University of Chicago Press. DOI.org/10.1086/449217
  7. Eurispes e Telefono Azzurro (1993). Indagine Conoscitiva sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Maturana H.R., Varela F.J. (1987). The Tree of Knowledge. Boston & London: New Science Library (trad. it. L’Albero della conoscenza. Un nuovo meccanismo per spiegare le radici biologiche della conoscenza umana. Milano: Garzanti Editore, 1992).
  8. Piroli S. (2006). Il counseling sistemico. Roma: Psicologia Uni Nova.
  9. Rezzonico G. (2010). Il counselling cognitivo relazionale. Milano: Franco Angeli.
  10. Varela F.J. (1979). Principles of biological autonomy. New York: North Holland (trad. it.: Macchine ed esseri viventi. L’autopoiesi e l’organizzazione biologica, Roma: Astrolabio, 1992).
  11. Von Foerster H. (1982). Observing Systems. Seaside, CA.: Intersystems Publications (trad. it.: Sistemi che osservano. Roma: Astrolabio, 1987).

Chiara La Barbera, in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 1/2015, pp. 87-94, DOI:10.3280/PSC2015-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche