Clicca qui per scaricare

Macbeth, il simbolo del moderno
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Elio Franzini 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 143-153 Dimensione file:  52 KB
DOI:  10.3280/PARA2015-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In Macbeth, Shakespeare introduce una forte dimensione sovrannaturale, che circonda sia la figura del sovrano usurpatore sia il suo regno. La sua presa di potere è infatti dominata dalla figura diabolica che, in una dinamica sanguinosa, conduce all’omicidio del re legittimo Duncan e a una sequenza di eventi ugualmente diabolici. Con quest’opera Shakespeare vuole inaugurare una nuova concezione del potere e della regalità. In questo processo il diavolo è il segno di uno stato di divisione che caratterizza la situazione sociale e culturale in cui si sviluppa il dramma, in un contesto che sembra privo di certezze e di stabilità. Lo svolgersi della vicenda, e la sua risoluzione, che vede l’instaurarsi di un nuovo ordine, è invece il simbolo di una possibilità riunificatrice, che annuncia quell’epoca che sarà chiamata "modernità".


Keywords: Diavolo, Modernità, Potere, Scissione, Simbolo, Sovrannaturale.

  1. Baldini G. (1962). Il dramma elisabettiano. Milano: Edizioni di Storia e Letteratura.
  2. Fusini N. (2010). Di vita si muore. Lo spettacolo delle passioni nel teatro di Shakespeare. Milano: Mondadori.
  3. Goethe J. W. von (1790). Versuch die Metamorphose der Pflanzen zu erklären. Gotha: Ettingersche Buchhandlung (trad. it.: La metamorfosi delle piante, a cura di Zecchi S. Milano: Guanda, 1983).
  4. Habermas J. (1985). Der philosophische Diskurs der Moderne. Frankfurt am Main: Suhrkamp Verlag (trad. it.: Il discorso filosofico della modernità. Roma-Bari: Laterza, 1988).
  5. Leibniz G. W. (1672). Confessio philosophi (trad. it. a cura di Piro F.: Confessio philosophi. Napoli: Cronopio, 1992).
  6. Lombardo A. (2010). Lettura del Macbeth, a cura di Colombo R. Milano: Feltrinelli.
  7. Mori L. (2012). Introduzione. In: Stendhal, Racine e Shakespeare e altri scritti sull’illusione, a cura di Mori L. Pisa: Edizioni ETS.
  8. Pagani C. (2002). Il Macbeth immaginato da Nekrošius. Ut pictura theatrum. Tess, 1.
  9. Pagani C. (s.d.). Shakespeare e la filosofia occulta del Rinascimento,
  10. Schlegel F. von (1906). Seine prosaischen Jugendschriften, hrsg. von Minor J. Wien: Konegen.
  11. Shakespeare (1947). Macbeth, ed. Dover Wilson J. Cambridge: Cambridge University Press.
  12. Spencer T. (1943). Shakespeare and the Nature of Man. Cambridge: Cambridge University Press.
  13. Szondi P. (1974). Poetik und Geschichtsphilosophie. Frankfurt am Main: Suhrkamp Verlag (trad. it.: Poetica e filosofia della storia. Torino: Einaudi, 2001).
  14. Vittorini F. (2005). La soglia dell’invisibile. Percorsi del Macbeth: Shakespeare, Verdi, Welles. Roma: Carocci.

Elio Franzini, in "PARADIGMI" 1/2015, pp. 143-153, DOI:10.3280/PARA2015-001010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche