Clicca qui per scaricare

Continuity and Innovations in Tax Reform
Titolo Rivista: ECONOMIA PUBBLICA  
Autori/Curatori: Giuseppe Dallera 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  20 P. 39-58 Dimensione file:  188 KB
DOI:  10.3280/EP2014-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The 1964 project of tax reform belongs to a long tradition of attempts to reform the general tax system, started by Scialoja (1866) and continued with the Finance Ministers Meda (1916-19), De Stefani (1922-23), Thaon di Revel (1935- 43), Vanoni (1948-54), resuming principles of the Italian Science of Finance, and taking full account of foreign experiments and new ideas. It appears as a combination of traditional and innovative ideas, coordinating proposals and solutions to be presented to government and to parliament for a complete restructuring of the tax system in Italy, in order to adapt it to the needs of economic planning for economic policy in the 60s. The unique personal progressive income tax, a tax on corporation income, a general tax on consumption structured as a value added tax, a general wealth tax are the cornerstones of the new system. A radical reform of tax administration is considered necessary to effectively manage the system emerging from the new tax design. The project articulates arguments for and against alternative solutions in a work of theoretical reconstruction of a coordinated and efficient system with the ambition to replace an aging and blocked system, unable to adapt to the needs of the contemporary economy. The quality of the 1964 tax design stands out from a critical examination, also in historical perspective, of old and new ideas that contribute to structure the theoretical setting and arguments.

Il progetto di riforma tributaria del 1964 si inserisce in una lunga tradizione di tentativi di riforme iniziati da Scialoja (1866) e continuati con i Ministri delle Finanze Meda (1916-19), De Stefani (1922-23), Thaon di Revel (1935-43), Vanoni (1948-54), riprendendo indicazioni della Scienza delle Finanze Italiana, e considerando esperimenti e nuove idee straniere. Si presenta come una combinazione di idee tradizionali ed innovative, coordinando proposte e soluzioni da presentare al legislatore per una completa ristrutturazione del sistema tributario in Italia, per adattarlo alle esigenze di programmazione e di politica economica nelle impostazioni degli anni ’60. L’imposta personale unica progressiva sul reddito, un’imposta sul reddito delle società di capitali, un’imposta generale sui consumi del tipo imposta sul valore aggiunto, un’imposta generale reale sul patrimonio sono i cardini del nuovo sistema. Una radicale riforma dell’amministrazione finanziaria è considerata necessaria per gestire in modo efficace il sistema emergente dal tax design. Il progetto articola argomentazioni a favore e contro soluzioni alternative in un’opera di ricostruzione teorica di un sistema coordinato ed efficiente che aveva l’ambizione di sostituire un sistema invecchiato e bloccato, incapace di adattarsi alle esigenze dell’economia contemporanea. Le qualità del tax design del 1964 risaltano dal confronto con idee vecchie e nuove, anche in prospettiva storica, che concorrono a strutturare l’impostazione teorica e le argomentazioni.
Keywords: Riforma tributaria; continuità; innovazioni
Jel Code: H200, H300, K340

  1. Alessio G. (1901). Disegno di una riforma razionale del sistema tributario italiano. Premesse e disegno di legge. Bologna: Garagnani.
  2. Borgatta G. (1945). La finanza della guerra e del dopoguerra. Alessandria: Gazzotti.
  3. Borgatta G. (1946). Le imposte sul reddito. In: Ministero per la Costituente (1946), Rapporto della Commissione Economica all’Assemblea Costituente, V, Finanza. Roma: Istituto Poligrafico dello Stato: 267-308.
  4. Committee on National Debt and Taxation Report (Colwyn Committee) (1927). London: H.M. Stationary Office.
  5. Conigliani A. (1903). Saggi di economia politica e di scienza delle finanze. Torino: Bocca.
  6. Cosciani C. (1946). Possibili orientamenti della imposta ordinaria sul patrimonio. In: Ministero per la Costituente (1946), Rapporto della Commissione Economica all’Assemblea Costituente, V, Finanza. Roma: Istituto Poligrafico dello Stato: 309-332.
  7. Cosciani C. (1948). I problemi fondamentali della riforma tributaria. Rassegna dell’Associazione Bancaria Italiana, 4: 691-713.
  8. Cosciani C. (1949a). Esperimenti francesi in materia di tassazione della produzione. Rivista Bancaria, Minerva Bancaria, V-VI: 231-243. Cosciani C. (1949b). L’imposta sul reddito in Inghilterra. Roma: Istituto Poligrafico dello Stato.
  9. Cosciani C. (1950). La riforma tributaria. Analisi critica del sistema tributario italiano. Firenze: La Nuova Italia.
  10. Cosciani C. (1956). Su di alcuni problemi tributari delle società commerciali. Rivista delle Società, I: 402-433.
  11. Cosciani C. (1967a). Sugli obiettivi di una riforma tributaria in Italia. In: La Riforma Fiscale in Italia. Milano: FrancoAngeli: 37-54.
  12. Cosciani C. (1967b). Tempi per l’attuazione della riforma tributaria. In: La Riforma Fiscale in Italia. Milano: FrancoAngeli: 409-423.
  13. Cosciani C. (1967c). La riforma tributaria: speranze e preoccupazioni. Moneta e Credito, 79: 243-264.
  14. Cosciani C. (1984). I principi informatori della riforma tributaria nei lavori preparatori: validità e limiti nella situazione attuale. In Gerelli E. e Valiani R. (a cura di), La crisi dell’imposizione personale progressiva sul reddito in Italia. Milano: FrancoAngeli: 21-51.
  15. CSRT (Commissione per lo studio della Riforma Tributaria) (1964). Stato dei lavori della Commissione per lo Studio della Riforma Tributaria. Milano: Giuffrè.
  16. D’Albergo E. (1949). Orientamenti per una revisione del sistema tributario italiano. Bologna: Zuffi.
  17. Dini L. (1957). Effetti economici dell’imposizione sulle società. Roma: Failli.
  18. Einaudi L. (1946). L’imposta patrimoniale. Roma: La Città Libera.
  19. Einaudi L. (1963). Principi di Scienza della finanza. Torino: Boringhieri.
  20. Fasiani M. (1946). L’imposizione degli incrementi patrimoniali. In: Ministero per la Costituente (1946): 429-451.
  21. Flora (1898). Imposta complementare sul patrimonio. Torino: Roux Frassati.
  22. Forte F. (1954). Alcune riflessioni di teoria e di politica finanziaria a proposito della nuova imposta sulle società di capitali. Rivista di diritto finanziario e scienza delle finanze, 6: 247-277.
  23. Forte F. (1955). Lineamenti di una teoria dei metodi alternativi di imposizione del reddito delle società di capitali. Moneta e Credito, 1-2: 94-100.
  24. Fuà G. e Sylos-Labini P. (1963). Idee per la programmazione economica. Bari: Laterza.
  25. Gerelli E. e Valiani R. (a cura di) (1984). La crisi dell’imposizione personale progressiva sul reddito in Italia. Milano: FrancoAngeli.
  26. Masé Dari E. (1897). La imposta progressiva. Torino: Bocca.
  27. Mazzola U. (1895). L’imposta progressiva in economia pura e sociale. Napoli: tip. Marchese.
  28. Meade Committee (1978). The Structure and Reform of Direct Taxation, Report of a Commitee chaired by J. Meade (Meade Report). London: Allen & Unwin for IFS.
  29. Meda F. (1920). La riforma generale delle imposte dirette sui redditi. Milano: Treves. Ministero per la Costituente (1946). Rapporto della Commissione Economica all’Assemblea Costituente, V, Finanza. Roma: Istituto Poligrafico dello Stato. Mirrlees Review (2010). Dimensions of Tax Designs. Oxford: Oxford University Press.
  30. Mirrlees Review (2011). Tax by Design. Oxford: Oxford University Press.
  31. Neumark F. (1963). Report of Fiscal and Financial Committee. Book I (Neumark Report). Amsterdam: International Bureau of Fiscal Documentation.
  32. Ricca Salerno G. (1896). Storia delle dottrine finanziarie in Italia. Palermo: Reber, 2a ed.
  33. Scialoja A. (1866). Sulla sistemazione delle imposte dirette e sulla introduzione e modificazione di alcune altre imposte. In: Storia della Finanza Pubblica (1960-62), 11: 129-169.
  34. Scoca S. (1945). Appunti per la riforma tributaria. Roma: SELI.
  35. Steve S. (1947). Il sistema tributario e le sue prospettive. Milano: Rizzoli.
  36. Steve S. (1955). In difesa dell’imposta sulle società. In: Natura ed effetti economici di un’imposta sulle società. Milano: Giuffrè: 305-312.
  37. Steve S. (1967). La riforma dei tributi locali. In: La Riforma Fiscale in Italia. Milano: FrancoAngeli: 143-160.
  38. Storia della Finanza Pubblica (1960-62). Collezione diretta da E. Morselli, vol. 13. Padova: Cedam.
  39. Vanoni E. (1939). Problemi dell’imposizione sugli scambi. Padova: Cedam.
  40. Verri P. (1771). Meditazioni sulla economia politica. Livorno: Stamperia dell’Enciclopedia. Visentini B. (1948). Sui caratteri dell’imposizione diretta. Rassegna dell’Associazione Bancaria Italiana, 4: 714-730.
  41. Visentini B. (1955). L’imposizione sulle società nelle legislazioni estere. In: Natura ed effetti economici di un’imposta sulle società. Milano: Giuffrè: 241-289.

Giuseppe Dallera, Continuità e innovazioni nella riforma tributaria in "ECONOMIA PUBBLICA " 3/2014, pp. 39-58, DOI:10.3280/EP2014-003003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche