Clicca qui per scaricare

Il legame empatico come base per il senso del noi (we-ness) nella formazione, in terapia individuale e nei gruppi
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Roberto Carnevali, Elena Quadri 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 29-40 Dimensione file:  49 KB
DOI:  10.3280/GRU2015-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo lavoro nasce all’insegna del "senso del noi". Abbiamo un "noi" a più livelli, a partire dalla coppia terapeutica, passando attraverso il lavoro di gruppo, fino al livello dell’istituzione che condivide metodologie, intenti e obiettivi in un approccio integrato. Se uno di questi "noi" si dis-integra, può arrivare a trascinare nella disintegrazione il senso del "noi" ad altri livelli, creando conflitti o evidenziando quelle parti distruttive che un approccio armonico e integrato permette di sublimare e/o di convertire creativamente. Gli autori propongono alcune riflessioni sul legame empatico che si crea in vari tipi di relazione, partendo dall’esperienza formativa di uno dei due autori, tirocinante di una scuola di psicoterapia a orientamento psicoanalitico, con l’altro autore come tutor, mettendo in evidenza come il legame empatico tra il tutor e il tirocinante nella formazione sia fondamentale per creare un "senso del noi" che funga da modello relazionale, per essere esportato negli altri contesti, terapeutici e istituzionali. Vengono prese in esame: la relazione dell’autrice in formazione con una sua paziente, quella in un gruppo condotto dal tutor, con la tirocinante come osservatrice partecipe, e quella tra i due autori nel confronto sui casi clinici e nel tirocinio nel suo complesso, evidenziando il riverbero della consapevolezza delle emozioni sulle relazioni in gioco, compresa quella con l’équipe istituzionale e coi vari membri che la compongono.


Keywords: Empatia, conflitti, senso del noi, lavoro d’équipe, tirocinio, approccio integrato

  1. Berger D.M. (1987). L’empatia clinica. Roma: Astrolabio, 1989.
  2. Bolognini S. (1997). Empathy and “Empathism”. Int. J. Psycho-Anal., 78, 279-293.
  3. Bolognini S. (2002). L’empatia psicoanalitica. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Calvi L. (1995). Fenomenologia e psicoterapia. Psich. Gen. Età Evol., 33: 81-93.
  5. Carnevali R. (2006). “La complessità nel lavoro clinico di Stefano Bolognini. Note a margine”. II parte di: Conci M., Carnevali R., Essere psicoanalisti oggi: incontro con Stefano Bolognini. Setting, 21: 103-139.
  6. Gallese V. (2001). The “Shared Manifold” Hypothesis. From Mirror Neurons to Empathy”. J. Consciousness Studies, 8, 5-7: 33-50.
  7. Geertz C. (2000). Antropologia e filosofia. Bologna: Il Mulino, 2001.
  8. Manfredi Turillazzi S. (1998). Dall’ascolto all’interpretazione e dall’interpretazione all’ascolto (intorno all’ascolto come fattore mutativo del campo). I seminari milanesi di Stefania Turillazzi Manfredi, 3: 67-113.
  9. Modell A.H. (1990). Per una teoria del trattamento psicoanalitico. Milano: Cortina, 1994.
  10. Pigman G.W. (1995). Freud and the History of Empathy. Int. J. Psycho-Anal., 76:
  11. 237-255. Rossi Monti M. (2002-2003). Empatia psicoanalitica ed empatia naturale. Atque, 25/26: 127-138.
  12. Rossi Monti M., Foresti G. (2002). “L’ineludibile aspecificità tecnica degli strumenti di lavoro dello psicoanalista”. Congresso della Società Psicoanalitica Italiana, Trieste 13-16 giugno.
  13. Spazàl S. (1990). “Empatia e controtransfert come parti costitutive della comprensione psicoanalitica”. Incontro inter-ventri Veneto-Emiliano, Padova, 10 marzo.

Roberto Carnevali, Elena Quadri, in "GRUPPI" 1/2015, pp. 29-40, DOI:10.3280/GRU2015-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche