Clicca qui per scaricare

Una buccia di pomodoro e altre storie
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Maria Gabriella Petralito 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 74-85 Dimensione file:  50 KB
DOI:  10.3280/GRU2015-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo descrive una esperienza di supervisione in una istituzione pubblica. La supervisione è richiesta in una fase di riorganizzazione dell’assistenza domiciliare per pazienti psichiatrici inseriti in appartamenti ed è rivolta ad un ampio gruppo di operatori. La supervisione viene ridefinita come "plurivisione" per sottolineare gli aspetti di collaborazione e scambio; viene effettuata in sessioni di gruppo attraverso lo psicodramma analitico e il collage. Essa consente agli operatori di esprimere i loro sentimenti di inadeguatezza, caratterizzati da un severo super-Io. Nel corso delle sessioni vengono esplorate tre aree: gruppo, spazio e tempo che sono connesse tra loro da una dimensione identificata come "più-una" in quanto fa riferimento al cartel teorizzato da J. Lacan. Il fattore "più-uno" attraversa le tre aree ed è costituito da elementi del vivere e dell’abitare: oggetti e cose. Le cose, a differenza degli oggetti, sono in relazione al perturbante. La buccia di pomodoro (una cosa) appare in una scena di psicodramma; si trova sul pavimento di una cucina e causa la caduta di un operatore ma anche un cambio di prospettiva: in tal modo le emozioni e le rappresentazioni diventano meno persecutorie per l’intero gruppo degli operatori.


Keywords: Plurivisione, psicodramma, collage, oggetti/cose, funzione piùuno, perturbante

  1. Bodei R. (2009). La vita delle cose. Roma: Laterza.
  2. Centro Studi Apeiron (2002). Studi sul Cartel. Città di Castello: Edimond.
  3. Cohen M. (2014). La scena interiore. Milano: Ponte alle Grazie.
  4. Connor S. (2014). Effetti personali. Vite curiose di oggetti quotidiani. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Eiguer A. (2007). L’inconscio della casa. Roma: Borla.
  6. Esposito R. (2014). Le persone e le cose. Torino: Einaudi.
  7. Freud S. (1919). Il perturbante. OSF, 9.
  8. Montani L. (2012). L’accessorio: una pratica significante. In: Giorgelli C., a cura di, Abito e identità. Ricerche di storia letteraria e culturale. Vol. IV. Palermo: Ila Palma.
  9. Petralito M.G. (2013). Cominciare dalla fine. Quaderni di Psicoanalisi e Psicodramma Analitico, 5, 1 e 2, consultabile sul sito: www.sipsarivista.it/quaderni/n6_Quaderni_psicoanalisi_psicodramma_analitico_2013.pdf
  10. Searles H. F. (2004). L’ambiente non umano. Torino: Einaudi.
  11. Winnicott D. (1974). Gioco e realtà. Roma: Armando Bianchi M., Mauron V. (2010). L’esprit du collage. Lugano: Pagine d’Arte.
  12. De Marco G. (2007). Gruppi a mediazione terapeutica nella pratica istituzionale. Gruppi, IX, 2: 27-41.
  13. Vacheret C. (2005). Praticare le mediazioni in gruppi terapeutici. Roma: Borla.

Maria Gabriella Petralito, in "GRUPPI" 1/2015, pp. 74-85, DOI:10.3280/GRU2015-001006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche