Clicca qui per scaricare

"Aghi nel pagliaio". La repubblicana Alda Aghi prima assessora al Comune di Ancona
Titolo Rivista: STORIA E PROBLEMI CONTEMPORANEI 
Autori/Curatori: Lidia Pupilli 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 68 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 91-109 Dimensione file:  140 KB
DOI:  10.3280/SPC2015-068005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The essay attempts to outline the political itinerary of the first alderwoman in Ancona’s post-war Municipal Administration. In 1946 Alda Aghi was elected town councillor of Ancona: as alder-woman she dealt with education and had to cope with the aftermath of the huge destruction of school buildings caused by the war. She also played an important role in the local Women’s Repub-lican Movement. Interviewed many years later on those times, Aghi would talk about them as a wonderful experience, although emphasizing her "unpolitical" work, such as supplying food and clothes to families. In general, there are not plenty of sources on these first female councillors and Aghi’s case study seems to confirm it. The surname Aghi in Italian means "needles" so, playing on words, we could say that finding exhaustive sources to outline Aghi’s political choices is almost like looking for "needles in a haystack".


  1. Alacevich A. (2005), Le donne del Partito repubblicano in Piemonte: presenze torinesi e assenze territoriali, in Silvestrini M.T., Simiand C., Urso S. (a cura di), Donne e politica. La presenza femminile nei partiti politici dell’Italia repubblicana. Torino, 1945-1990, FrancoAngeli, Milano.
  2. Alessandrone Perona E., Castagnoli A. (a cura di) (2001), Consiglio comunale di Torino, 1946-1985. Donne e governo della città. Le elette nel Consiglio comunale di Torino, Archivio storico città di Torino, Torino.
  3. Barocci S.(2014), Le donne della Settimana rossa, in Severini M. (a cura di), La Settimana rossa, Aracne, Roma, pp. 367-383.
  4. Bauducco M. (2003-2006), La destra femminile torinese, in «Mezzosecolo», n. 15, pp. 395-417.
  5. Borsari G., Taurasi G. (a cura di) (2007), Dal pregiudizio all’orgoglio. Le donne a Carpi dall’unità ai giorni nostri, Carocci, Roma.
  6. Bugiardini S. (1999), I partiti negli anni della ripresa democratica (1944-1953): geografia elettorale e personale politico, in Giovannini P., Montesi B., Papini M. (a cura di), Le Marche dalla ricostruzione alla transizione 1944-1960, il lavoro editoriale, Ancona, pp. 17-65.
  7. Caporossi P., Le organizzazioni femminili nell’anconetano (1945-1959), in Istituto per la storia del movimento di Liberazione nelle Marche, Le Marche nel secondo dopoguerra. Cultura, politica, economia e società dalla Liberazione alla fine degli anni cinquanta, il lavoro editoriale, Ancona, pp. 310-311.
  8. Castagnari G., Lipparoni N. (a cura di) (1981), Lucifero. Un giornale della democrazia repubblicana, Gilberto Bagaloni, Ancona.
  9. Cecchinato E. (2008), Camicie Rosse. I garibaldini dall’Unità alla Grande guerra, Laterza, Roma-Bari, pp. 280-313.
  10. Chiostergi G. (1965), Diario Garibaldino e altri scritti e discorsi, Fussi E., Parmentola V. (a cura di), Associazione mazziniana italiana, Milano.
  11. Ferrara R., La rappresentanza femminile nelle istituzioni, in Giovannini P., Montesi B., Papini M. (a cura di), Le Marche dalla ricostruzione alla transizione 1944-1960, il lavoro editoriale, Ancona, pp. 107-123.
  12. Gabrielli P. (1999), Fenicotteri in volo. Donne comuniste nel ventennio fascista, Carocci, Roma.
  13. Gabrielli P. (2005), “Rimboccandomi le manicheˮ. Ada Natali, maestra, partigiana, sindaco, in Giannotti P., Pivato S. (a cura di), Per Enzo Santarelli. Studi in onore, Quaderni del consiglio regionale delle Marche, Ancona, pp. 317-353.
  14. Gabrielli P. (2009), Il 1946, le donne, la Repubblica, Donzelli, Roma.
  15. Lucioli R. (2011), Dalla rinascita alla crisi (1944-1956), in Papini M. (a cura di), C’era una volta il Pci. Storia della Federazione anconetana (1944-1991), vol. I, affinità elettive, Ancona, pp. 17-112.
  16. Margotti M. (2003-2006), Donne democristiane. Cultura politica e attività amministrativa delle elette Dc alla Provincia di Torino (1946-1990), in «Mezzosecolo», n. 15, pp. 311-338.
  17. Mari G. (2006), Giuseppe Chiostergi, in Castagnola R., Panzera F., Spiga M. (a cura di), Spiriti liberi in Svizzera: la presenza di fuorusciti italiani nella Confederazione negli anni del fascismo e del nazismo (1922-1945), atti del convegno (Ascona-Milano, 8-9 novembre 2004), F. Cesati, Firenze, pp. 135- 154.
  18. Marsili E. (2011), Miss Montecitorio non rinuncia alla maternità. L’attività parlamentare di Maria Pucci (1948-1950), Codex, Milano.
  19. Papini M. (2006), Zingaretti Alberto Mario, in Giulianelli R., Papini M. (a cura di), Dizionario biografico del movimento sindacale nelle Marche 1900-1970, Ediesse, Roma, pp. 451-455.
  20. Papini M. (2012), Alessandro Bocconi. Una vita per il socialismo, Clueb, Bologna.
  21. Piccinini G. (a cura di) (2006), Atti delle Assemblee delle Marche, Ancona (1944-1946). Atti del Comitato di Liberazione Nazionale (Luglio-Dicembre 1944), Atti della Giunta Comunale (Luglio 1944-Dicembre 1945), Atti del Consiglio Comunale (Aprile-Luglio 1946), Deputazione di storia patria per le Marche, Ancona.
  22. Pongetti A. (2008), Giuseppe Chiostergi sul fronte francese, in Piccinini G. (a cura di), Le Marche e la Grande guerra (1915-1918), Assemblea legislativa delle Marche, Istituto per la storia del Risorgimento-Comitato provinciale di Ancona, Ancona, pp. 237-252.
  23. Pupilli L. (a cura di) (2010), Giovanni Conti politico, costituente, storico, il lavoro editoriale, Ancona.
  24. Pupilli L. (2012), Un’opposizione divisa. Il Pri e la guerra di Libia, in Severini M. (a cura di), L’Italia e la guerra di Libia, associazione di Storia contemporanea, Società pesarese di studi storici, Fermo, pp. 131-145.
  25. Pupilli L. (2014), Unite dalla famiglia, separate dall’ideale. La repubblicana Elena Fussi e la comunista Eugenia Chiostergi, in Pupilli L., Sansoni E. (a cura di), L’impegno politico e intellettuale delle donne nel Novecento, Aras, Fano, pp. 85-95.
  26. Pupilli L. (2015), L’uomo che visse due volte, in Severini M. (a cura di), Trame disperse. Esperienze di viaggio, di conoscenza e di combattimento nel mondo della Grande guerra (1914-1918), Marsilio, Venezia, pp. 311-314.
  27. Sanfilippo A.L. (2013), Pane, amore e politica. Le comuniste in provincia di Latina dopo la Liberazione (1944-1956), Ediesse, Roma.
  28. Santangelo V. (2003-2006), Il libro e l’impegno. Le elette comuniste a Torino e alla provincia (1946-1970), in «Mezzosecolo», n. 15, pp. 330-394.
  29. Saracinelli M. (1986), L’attività comunale anconetana nel settore scolastico, in Istituto per la storia del movimento di Liberazione nelle Marche, Le Marche nel secondo dopoguerra. Cultura, politica, economia e società dalla Liberazione alla fine degli anni cinquanta, il lavoro editoriale, Ancona, pp. 237-246.
  30. Severini M. (2012), Dizionario del movimento democratico e repubblicano delle Marche 1849-1948, Codex, Milano 2012.
  31. Severini M., (a cura di) (2014), La Settimana rossa, Aracne, Roma.
  32. Signorini R. (1993), Benvenuti a Palazzo, Ancona.
  33. Sorgoni A. (1975), Ricordi di un ex confinato. Un socialista recanatese dal 1898 alla Liberazione, a cura di Mancinelli E., Argalìa, Urbino.
  34. Spinelli A. (1998), I repubblicani nel secondo dopoguerra (1943-1953), Longo, Ravenna.
  35. Spinelli A. (1999), L’ideale e il metodo. Giovanni Conti nella storia del repubblicanesimo italiano (1906-1957), Istituto per la storia del movimento democratico e repubblicano nelle Marche, Ancona.
  36. Tacchi F. (2009), Eva togata. Donne e professioni giuridiche in Italia dall’unità a oggi, Utet, Torino.
  37. Zara L. (1954), in Resoconto del XXIV Congresso del Partito repubblicano italiano Firenze 29-30 aprile 1-2- maggio 1954, Ufficio stampa del Pri, Tivoli 1954.

Lidia Pupilli, in "STORIA E PROBLEMI CONTEMPORANEI" 68/2015, pp. 91-109, DOI:10.3280/SPC2015-068005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche