Click here to download

The business associations in Milan (1870 1920)
Journal Title: STORIA IN LOMBARDIA 
Author/s: Marco Meriggi 
Year:  2014 Issue: Language: Italian 
Pages:  51 Pg. 5-55 FullText PDF:  319 KB
DOI:  10.3280/SIL2014-001001
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


The article analyses the evolution of the associative network which involved the Milanese economic world from the Italian Unification until the post First World War years, as well as its relationship with the city Chamber of Commerce. During a first phase the Milanese economy was mostly a commercial one. Then, during a second phase, which began at the end of the Nineteenth Century, it became more and more characterized by the emergence of a truly industrial core. During the first phase the local entrepreneurs shaped trough their associations an identity, which was deeply influenced by the idea of the independence of the economy and of its values against the politics and the state institutions, and which resulted in the auspice of free trade oriented legislation. It was in that time that the myth took shape of Milan as the moral capital of the country, opposed to Rome, the pretended center of the political and bureaucratic corruption. During the second phase the city entrepreneurs began conversely to urge the State support in order to develop their own activities. Moreover, in the first decade of the Twentieth Century new associations were created in Milan, whose organization was that typical of an industrial entrepreneurial trade union. Their goal was that of supporting a class struggle against the workers trade unions.
Keywords: Milan, Nineteenth/Twentieth Centuries, entrepreneurial associations, corporate ideology, Chamber of Commerce, liberalism

  1. Abrate M. (1968), La lotta sindacale nella industrializzazione in Italia, Torino, L’impresa Edizioni.
  2. Angeli S. (1989-90), Impresa e cultura degli interessi nell’Italia giolittiana (1907-1914), in «Annali di storia dell’impresa», 5-6, pp. 42-127.
  3. Bairati E. (1991), Il Museo d’arte industriale: il museo della città, in Mozzarelli C., Pavoni R., a cura di, Milano fin de siècle e il caso Bagatti Valsecchi. Memoria e progetto per la metropoli italiana, Milano, Guerini e Associati, pp. 47-58.
  4. Barbagallo C. (1927), L’oro e il fuoco (Capitale e lavoro attraverso i secoli), Milano, Corbaccio.
  5. Berta G. (1996), Il governo degli interessi. Industriali, rappresentanza e politica nell’Italia del nord-ovest 1906-1924, Venezia, Marsilio.
  6. Besana C. (2013), Les industriels lombards et les institutions politiques des années 1880 à la Première Guerre mondiale , in Fraboulet D., Druelle-Korn C., Vernus P., dir., Les organisations patronales et la sphère publique, Rennes, Presses universi- taires de Rennes, pp. 29-42.
  7. Besana C., Fumi G., Locatelli A. M., Tedeschi P. (2012), Aperçus sur les origines des organisations des industriels en Lombardie , in Faboulet D., Vernus P., dir., Genèse des organisations patronales en Europe, XIXe.-XXe siècles, Rennes, Presses uni- versitaires de Rennes, pp. 37-54.
  8. Caizzi B. (1965), Storia dell’industria italiana dal XVIII secolo ai giorni nostri, Tori- no, Utet.
  9. Calzavarini M. (1966), Il protezionismo industriale e la tariffa doganale del 1887, in «Clio», II, fasc. 1, pp. 55-93.
  10. Capra C. (1971-72), Una ricerca in corso. I collegi elettorali della Repubblica italiana e del Regno Italico, in «Annuario dell’Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea», vol. XXIII-XXIV, pp. 475-498.
  11. Cardini A. (1981), Stato liberale e protezionismo in Italia (1890-1900), Bologna, il Mulino.
  12. Casmirri S. (1984), Cultura tecnologica, modelli esteri e società industriale, in Fiocca G., a cura di, Borghesi e imprenditori a Milano. Dall’Unità alla prima guerra mon- diale, Bari, Laterza, pp. 141-212.
  13. Conca Messina S. (2012), Dal cooperativismo alla difesa degli interessi. Forme dell’associazionismo imprenditoriale italiano nel ventennio postunitario, in «Storia in Lombardia», XXXII, n. 1, pp. 23-46.
  14. Crepax N. (1991), La camera di Commercio di Milano durante gli ultimi decenni dell’Ottocento, in Mozzarelli C., Pavoni R., a cura di, Milano fin de siècle e il caso Bagatti Valsecchi. Memoria e progetto per la metropoli italiana, Milano, Guerini e Associati, pp. 259-271.
  15. De Angeli, E., Rossi, A. (1893), Della organizzazione nazionale di rappresentanze li- bere dell’agricoltura, dell’industria e del commercio, Torino, Avattaneo e Comp.
  16. Della Peruta F. (1987), Milano. Lavoro e fabbrica 1815-1914, Mlano, FrancoAngeli. Federico G. (1995), Politica industriale, stato e lobbies nello stato liberale: un settore “perdente”, l’industria serica (1877-1912), in «Società e Storia», n. 67, pp. 45-73. Fiocca G. (1987), De Angeli Ernesto, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 33, Roma, pp. 255-260.
  17. Id. (1994), Storia della Confindustria 1900-1914, Venezia, Marsilio.
  18. Id. (1995), Il terzo partito: un aspetto della “milanesità” in età giolittiana, in «Passato e Presente», XIII, n. 36, pp. 33-54.
  19. Gozzi G. (1986), Rappresentanza politica e rappresentanza degli interessi nella rifless- sione giuridica e politica fra Ottocento e Novecento, in Mazzacane A., a cura di, I giuristi e la crisi dello stato liberale in Italia fra Otto e Novecento, Napoli, Liguori, pp. 231-257.
  20. Lacaita C. G. (1990), L’intelligenza produttiva. Imprenditori, tecnici e operai nella So- cietà d’incoraggiamento d’arti e mestieri di Milano (1838-1988), Milano, Electa. Lanzalaco L., Dall’impresa all’associazione. Le organizzazioni degli imprenditori: la Confindustria in prospettiva comparata, Milano, FrancoAngeli.
  21. Levati S. (1997), La nobiltà del lavoro. Negozianti e banchieri a Milano tra Ancien Régime e Restaurazione, Milano, FrancoAngeli.
  22. Levati S., Morosini S., Paletta G. (2011), Le èlite camerali 1786-1926. Il contributo della Camera di commercio alla formazione della classe dirigente milanese (Qua- derno 2 dell’Archivio storico della Camera di commercio di Milano), Soveria Man- nelli, Rubbettino.
  23. Longoni G. (1985), Una fonte per lo studio della borghesia imprenditoriale milanese: “L’industria. Rivista tecnica ed economica illustrata” (1887-1918), in «Archivio storico lombardo», CXI, pp. 243-306.
  24. Id. (1987), Una città del lavoro. Industria, associazionismo imprenditoriale e relazioni sindacali a Monza all’epoca della prima industrializzazione (1870-1930), Bologna, Cappelli.
  25. Maraffi I. M. (1994), L’organizzazione degli interessi industriali in Italia, 1870-1980, in Martinelli A., a cura di, L’azione collettiva degli imprenditori italiani, Milano, Edizioni di Comunità, pp. 137-196.
  26. Meriggi M. (1988), Dalla rappresentanza degli interessi alla legittimazione costituzio- nale. Le Camere di Commercio in Lombardia dal 1814 al 1859, in Mozzarelli C., a cura di, Economia e corporazioni. Il governo degli interessi nella storia d’Italia dal medioevo all’età contemporanea, Milano, Giuffrè, pp. 237-269.
  27. Id. (1992), Milano borghese. Circoli ed élites nell’Ottocento, Venezia, Marsilio.
  28. Id. (1995), Associazionismo borghese e associazionismo popolare nella Milano di fine secolo, in «Il Risorgimento», XLVI, pp. 305-313.
  29. Moioli A. (1988), La cultura economica della borghesia produttiva milanese attraver- so i periodici specializzati (1890-1914) , in Porta P. L., a cura di, Milano e la cultu- ra economica nel XX secolo. I, Gli anni 1890-1920, Milano, FrancoAngeli, pp. 13-103.
  30. Moneta M. (1992), Forme e tendenze dell’associazionismo industriale italiano dalle origini alla costituzione della Confederazione generale dell’industria (1861-1919), in «Annali di storia dell’impresa», 8, pp. 261-341.
  31. Morris J. (1993), The political economy of shopkeeping in Milan 1886-1922, Cam- bridge, Cambridge University Press.
  32. Mozzarelli C., Nespor S. (1985), Amministrazione e mediazione degli interessi: le Ca- mere di commercio, in «Archivio ISAP», n.s. 3 (L’amministrazione nella storia moderna), vol. II, Milano, Giuffrè, pp. 1649-1706.
  33. Ornaghi L. (1985), Stato e corporazione, Milano, Giuffrè.
  34. Patti C. (1984), Strutture associative e formazione professionale, in Fiocca G., a cura di, Borghesi e imprenditori a Milano. Dall’Unità alla prima guerra mondiale, Bari, Laterza, pp. 87-140.
  35. Procacci G. (1970), La lotta di classe in Italia agli inizi del secolo XX, Roma, Editori Riuniti.
  36. Prodi R. (1965-1966), Il protezionismo nella politica e nell’industria italiana dall’unificazione al 1887, in «Nuova Rivista Storica», XLIX , fasc. V-VI, pp. 597-626 e L, fasc. I-II, pp. 42-86.
  37. Punzo M. (1979), Socialisti e radicali a Milano. Cinque anni di amministrazione de- mocratica (1899-1904), Firenze, Sansoni.
  38. Raimondi M. G. (1892), Le protectionnisme en Italie, Milano.
  39. Romano R. (1984), Crespi Silvio Benigno, in Dizionario biografico degli italiani, vol. XXX, Roma, pp. 728-732.
  40. Rosa G. (1982), Il mito della capitale morale. Letteratura e pubblicistica a Milano tra Ottocento e Novecento, Milano, Edizioni di Comunità.
  41. Sapelli G. (1993), L’imprenditoria lombarda: una classe dirigente mancata, in Rumi G., Buratti A. C., Cova A., a cura di, Milano nell’Italia liberale 1898-1922, Milano, Cariplo, pp. 347-367.
  42. Sillano M. T. (2003), Biografia di Ugo Pisa (1845-1910), in «Archivio Storico Lom- bardo», CXXXIX, pp. 193-244.
  43. Trezzi L. (1993), Economia e società. Le esperienze associative, in Rumi G., Buratti A.C., Cova A., a cura di, Milano nell’Italia liberale 1898-1922, Milano, Cariplo, pp. 415-441.
  44. Id. (1998), Le associazioni imprenditoriali industriali e il movimento rivendicativo dei lavoratori nella seconda metà dell’Ottocento sino alla Grande Guerra, in Porta P. L., a cura di, Milano e la cultura economica nel XX secolo. I, Gli anni 1890-1920, Milano, FrancoAngeli, pp. 337-393.

Marco Meriggi, The business associations in Milan (1870 1920) in "STORIA IN LOMBARDIA" 1/2014, pp. 5-55, DOI:10.3280/SIL2014-001001

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content