Clicca qui per scaricare

Un pioniere della pubblicità: Renato Zveteremich (1893-1951)
Titolo Rivista: STORIA IN LOMBARDIA 
Autori/Curatori: Alessandro Colizzi, Renata Bazzani Zveteremich 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 121-140 Dimensione file:  177 KB
DOI:  10.3280/SIL2014-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Renato Zveteremich è stato un pubblicitario italiano, noto per avere diretto negli anni Trenta gli uffici sviluppo, vendite e pubblicità della Olivetti. Fautore di un linguaggio grafico moderno, Zveteremich adottò un approccio "umanistico" che influenzerà a lungo lo stile della comunicazione dell’azienda di Ivrea. Entrato in Olivetti nel 1931, in un momento cruciale del piano di espansione voluto da Adriano Olivetti, venne incaricato della direzione artistica del Servizio pubblicità. Sotto la sua guida, l’Ufficio di via Clerici acquisì uno statuto unico nella Milano dell’epoca, caratterizzato da un approccio pluridisciplinare. Influenzato dalla cultura razionalista, Zveteremich fu fra i primi a fare appello a giovani aggiornati sulle istanze delle avanguardie: Munari, Ricas, Schawinsky, Carboni, Veronesi, Melotti, Pintori, Nivola e gli architetti Figini e Pollini. Nel 1938 lasciò la Olivetti e lavorò come consulente per aziende dei comparti avanzati, chimico e farmaceutico in particolare. Intraprese inoltre un’importante attività di pubblicista, in cui espresse una visione della comunicazione aziendale largamente in anticipo sui tempi, in cui si fondevano finalità di promozione commerciale e responsabilità sociali. Tale concezione costituirà la cifra caratteristica della grande industria italiana negli anni del boom economico. La prematura scomparsa gli impedì di essere riconosciuto come uno dei più originali intellettuali prestati all’industria, al pari di Sinisgalli, Villani, Weiss, Castellani.


Keywords: Renato Zveteremich, Adriano Olivetti; Milano, anni Trenta, grafica italiana, comunicazione pubblicitaria, modernismo

  1. Alemani F. (2011), L’amore per la libertà e per l’unità nazionale nella storia di una famiglia lombarda, in «Storia in Martesana», 5, 2011, Anni creativi al “Milione” 1932-1939, (1980), Milano, Silvana Editoriale.
  2. Belli C. (1978), Lettera sulla nascita dell’astrattismo in Italia, Milano, All’insegna del pesce d’oro.
  3. Cimmino A. (1993), Giovanni Enriques, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 42, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, ad nomen
  4. Ciucci G. (2001), Le premesse del piano regolatore della Valle d’Aosta, in Olmo C., a cura di, Costruire la città dell’uomo, Milano, Edizioni di Comunità, pp. 55-82.
  5. Colizzi A. (2012), Renato Zveteremich sulla pubblicità, in «Domusweb», Id. (2013), Milan’s anarchic modernist, in «Eye», 85 (Winter), pp. 36-51.
  6. D’Amicis C., Fulvi M., a cura di (1991), Conversando con Gino Martinoli, Ivrea, Fondazione Adriano Olivetti.
  7. De Giorgi M., Morfeo E., a cura di (2009), Olivetti: una bella società, Torino, Umberto Allemandi.
  8. Eco U. (1964), Apocalittici e integrati, Milano, Bompiani.
  9. Fioravanti G., Passarelli L., Sfligiotti S. (1997), La grafica in Italia, Milano, Leonardo Arte.
  10. Fiorentino C. C. (2014), Millesimo di millimetro. I segni del codice visivo Olivetti 1908–1978, Bologna, il Mulino.
  11. Ginzburg N (1963), Lessico famigliare, Torino, Einaudi.
  12. Grasso A. (1988), Roberto Bazlen, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 34, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, ad nomen.
  13. Hahn P. (1986), Xanti Schawinsky Malerei Bühne Grafikdesign Fotografie, Berlin, Bauhaus-Archiv.
  14. Henrion F.H.K., Parkin A. (1967), Design coordination and corporate image, London, Studio Vista/New York, Reinhold Publishing Corporation.
  15. Labò M. (1955), L’aspetto estetico dell’opera sociale di Adriano Olivetti, Milano, la Rinascente.
  16. Lupo G. (1996), Sinisgalli e la cultura utopica degli anni Trenta, Milano, Vita e Pensiero.
  17. Mascherpa G. (1976), Arte moderna a Milano, Milano, Cariplo.
  18. Musatti R., Bigiaretti L., Soavi G., a cura di (1959), Olivetti 1908-1958, Ivrea, Olivetti.
  19. Ochetto V. (2013), Adriano Olivetti: la biografia, Roma-Ivrea, Edizioni di Comunità Pigozzi M. (1982), La grafica industriale nel sistema della comunicazione, in Annitrenta. Arte e cultura in Italia, Milano, Mazzotta, pp. 467-477.
  20. Ponti G. (1959), Introduction, in Carboni, E., Radio and television publicity, Greenwich, CT-New York, Graphic Society.
  21. Solmi F., a cura di (1975), Xanti Schawinsky, Bologna , Comune di Bologna/Galleria d’arte moderna.
  22. Valeri A. (1986), Pubblicità italiana, Milano, Edizioni del Sole 24 Ore.
  23. Vinti C. (2007), Gli anni dello stile industriale 1948-1965, Venezia, Marsilio/Università IUAV.
  24. Zveteremich P. A. (1988), Il grande Parvus, Milano, Garzanti.
  25. Zveteremich R., a cura di, (1943), Studi e proposte preliminari per il Piano Regolatore della Valle d’Aosta, Ivrea, Nuove Edizioni Ivrea.



  1. Giuliana Altea, Proceedings of the 2nd International and Interdisciplinary Conference on Image and Imagination pp. 21 (ISBN:978-3-030-41017-9)

Alessandro Colizzi, Renata Bazzani Zveteremich, in "STORIA IN LOMBARDIA" 1/2014, pp. 121-140, DOI:10.3280/SIL2014-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche