Clicca qui per scaricare

Cittadino-utente o cliente?
Titolo Rivista: RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE 
Autori/Curatori: Anna Fici 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 92-102 Dimensione file:  89 KB
DOI:  10.3280/SA2015-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo l’autrice ricostruisce l’evoluzione del rapporto tra web e società civile, per sostenere che, mentre a partire dagli anni ’90 dello scorso secolo, fioriva il dibattito sulla democrazia elettronica, le reti civiche botton-up, la fine della comunicazione di massa, il citizen Journalism, un po’ in sordina il cittadino delle democrazie occidentali si è visto relegato al ruolo di utente o, in virtù del recente processo di aziendalizzazione del settore pubblico in Europa, al ruolo fattuale di cliente. Gli interventi di rilevazione della customer satisfaction possano produrre una maggiore fiducia del cittadino verso le istituzioni pubbliche a patto che esso sia supportato nell’espressione della propria voice digitale dalla scuola, dalle università o da una formazione successiva preferibilmente pubblica. Altrimenti la scelta dell’exit avrà la meglio e si espleterà in un rifugio, da parte dei più giovani soprattutto, nella dimensione ludico-sociale della Rete, o in forme di "luddismo digitale" da parte di coloro che per età si sentono marginalizzati dalla tecnologia digitale.


Keywords: Cittadino - utente - cliente

  1. Aquino S. (2012), Aziendalizzazione, nuova governance, e performance delle amministrazioni pubbliche: un confronto internazionale, in Economia Aziendale Online Vol. 3, 3-4/2012: 321-348., 10.4485/ea2038-5498.003.0025DOI: 10.4485/ea2038-5498.003.0025
  2. Bassanini F. (2008). Le riforme amministrative degli anni ’90: che cosa si è fatto che cosa resta da fare. Astrid Rassegna, n. 17.
  3. Bauman Z., Lyon D. (2014). Sesto potere. La sorveglianza nella modernità liquida. Roma-Bari: Laterza (ed. orig. 2013).
  4. Bell D. (1976). The Coming of Post-Industrial Society. New York: Basic Books.
  5. Bobbio N., Matteucci N., Pasquino G. (1983 e 1990) (a cura di). Democrazia formale e democrazia sostanziale. Dizionario della Politica, voce X.
  6. Carlotto P. (2015). Il voto elettronico nelle democrazie contemporanee, Padova: Cleup.
  7. Ceccarini L. (2015). La cittadinanza on line. Bologna: il Mulino.
  8. Censis (UCSI) (2015). XII Rapporto sulla Comunicazione in Italia, Milano: FrancoAngeli.
  9. Coleman J.S. (2005). Fondamenti di teoria sociale. Bologna: il Mulino (ed. orig. 1990).
  10. Coleman S., Blumer J.G. (2009). Internet and Democratic Citizenship: Theory, Practice and Policy. Cambridge: Cambridge University Press.
  11. De Biase L. (2003). Edeologia. Critica del fondamentalismo digitale. Roma-Bari: Laterza.
  12. De Rosa R. (2014). Cittadini digitali. L’agire politico al tempo dei social media. Sant’Arcangelo di Romagna: Maggioli.
  13. Fici A. (2002). Internet e le nuove forme della partecipazione politica. Milano: FrancoAngeli. Fici A. (2004). Mondo Hacker e logica dell’azione collettiva. Milano: FrancoAngeli.
  14. Fici A. (2008). Leggere e scrivere i media. L’uso delle nuove tecnologie tra delega e competenza. Milano: FrancoAngeli.
  15. Franchi M., Schianchi A. (2011). Scegliere nel tempo di Facebook. Roma: Carocci.
  16. Gallino L., (2007). Tecnologia e democrazia. Conoscenze tecniche e scientifiche come beni pubblici. Torino: Einaudi
  17. Habermas J. (1977). Storia e critica dell’opinione pubblica. Roma-Bari: Laterza (ed. orig. 1962).
  18. Habermas J. (1986). Teoria dell’agire comunicativo, vol. 2, Bologna: il Mulino (ed. orig. 1981).
  19. Hirschman A.O. (1970), Exit, Voice, and Loyalty: Responses to Decline in Firms, Organizations, and States. Cambridge (MA): Harvard University Press.
  20. Lyon D. (1997). L’occhio elettronico. Privacy e filosofia della sorveglianza. Milano: Feltrinelli (ed. orig. 1994).
  21. Lyon D. (2003). La società sorvegliata. Tecnologie di controllo della vita quotidiana, Milano: Feltrinelli (ed. orig. 2001).
  22. Macaluso M. (2007). Democrazia e consultazione on line. Milano: FrancoAngeli.
  23. Maistrello S. (2010). Giornalismo e nuovi media. L’informazione al tempo del Citizen Journalism, Milano: Apogeo.
  24. Nannucci R., Biasiotti M.A. (2004). Verso nuove forme di democrazia partecipativa: esperienze, metodologie
  25. e prospettive dell’e-Democracy. Informatica e diritto, Vol. XIII, n. 1-2: 67-119.
  26. Pizzorno A. (1980). I soggetti del pluralismo. Classi, partiti e sindacati. Bologna: il Mulino.
  27. Putnam R.D. (1997), La tradizione civica nelle regioni italiane, Milano: Mondadori (ed. orig. 1993).
  28. Putnam R.D. (2004). Crisi e rinascita della cultura civica in America. Milano: Mondadori (ed. orig. 2000).
  29. Rheingold H. (1994). Comunità virtuali. Parlare, incontrarsi, vivere nel ciberspazio. Milano: Sperling
  30. & Kupfer.
  31. Rodotà S. (2004). Tecnopolitica. La democrazia e le nuove tecnologie della rete. Laterza: Roma-Bari
  32. Rodotà S., (2013), Iperdemocrazia. Come cabia la sovranità democratica con il web, Laterza: Roma
  33. Rodotà S. (2014), Il mondo nella rete. Quali diritti, quali vincoli. Roma-Bari: Laterza.
  34. Sartori G. (2002), Homo videns. Televisione e post-pensiero. Roma-Bari: Laterza.
  35. Sartori G. (2006), Il divario digitale. Internet e le nuove diseguaglianze sociali. Bologna: il Mulino.
  36. Sartori G. (2009), Trenta lezioni sulla democrazia. Milano: Mondadori.
  37. Scarpitti G., Zingarelli D. (1999) (a cura di). Il telelavoro: teorie e applicazioni. La destrutturazione del tempo e dello spazio nel lavoro post-industriale. Milano: FrancoAngeli.
  38. Trottier D. (2012). Social Media as Survegliance. Rethinking Visibility in a Converging World. Surrey: Ashgate.

Anna Fici, in "RIVISTA TRIMESTRALE DI SCIENZA DELL’AMMINISTRAZIONE" 3/2015, pp. 92-102, DOI:10.3280/SA2015-003007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche