Clicca qui per scaricare

Il rischio per la salute per gli operatori della salute mentale
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Ferdinando Pellegrino 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 131-145 Dimensione file:  2181 KB
DOI:  10.3280/RSF2015-003009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il rischio per la salute per gli operatori della salute mentale è quanto mai concreto, sia in termini di perdita del benessere fisico o psichico che in termini di opportunità o crescita professionale. Una condizione di distress lavorativo o di scarsa attenzione nell’utilizzo appropriato delle risorse umane favorisce l’insorgenza di patologia psichiche, come l’ansia e la depressione e può essere alla base di stili di vita disfunzionali favorenti l’insorgenza di patologie organiche, come la sindrome metabolica o l’ischemia cardiaca. Più in generale l’individuo stressato si ammala di più, tendenzialmente rende di meno, è più esposto ad infortunio lavorativo o a errore professionale: nasce così l’interesse per gli aspetti disfunzionali o costrittivi dell’organizzazione, ora considerati fattori di rischio indipendenti - il rischio psicosociale. Tale rischio psicosociale è oggi - ex legge 81/2008 - oggetto di tutela, con degli obblighi in capo al datore di lavoro e al prestatore d’opera. Nel lavoro vengono descritte le dinamiche relative allo stress lavorativo e prospettate idonee misure di prevenzione.


Keywords: Stress, logorio professionale, ansia, depressione, fitness cognitive-emotivo.

  1. [1] Powles WE, Ross WD. Psichiatria industriale e occupazionale. In: Arieti S, ed. Manuale di Psichiatria, Boringhieri, Torino,1970.
  2. [2] Frey BS. Non solo per denaro, le motivazioni disinteressate dell’agire economico. Milano: Bruno Mondadori; 2005.
  3. [3] Pellegrino F. Oltre lo stress, burn-out o logorio professionale. Torino: Centro Scientifico Editore; 2006.
  4. [4] Pozzi G. Salute mentale e ambiente di lavoro: nuove competenze per lo Psichiatra. In: Pozzi G. Salute Mentale e ambiente di lavoro. Milano: Franco Angeli; 2008.
  5. [5] Caputi C. Diabete, per Lei è anche colpa dello stress. “La Salute” di La Repubblica, 3 marzo 2005.
  6. [6] Rafanelli C, Pancaldi LG, et al. Eventi stressanti e disturbi depressivi quali fattori di rischio per sindrome coronarica acuta. Ital Heart J 2005; 6:105-110.
  7. [7] Doucet D. La storia del piccolo pinguino che si adattava troppo. Milano: Vallardi; 2013. [8] Trabucchi P. Resisto dunque sono. Milano: Corbaccio; 2007.
  8. [9] Pellegrino F. Errore e stress lavorativo. M.D. Medicinae Doctor 2006; XIII, 38:10-11.
  9. [10] Wiseman R. Dov’è il gorilla? Milano: Sonzogno Editore; 2005.
  10. [11] De Bono E. Il Pensiero Laterale. Milano: BUR; 1969.
  11. [12] Stoltz P. Response Ability: come i manager continuano a fare bene anche quando le cose vanno male. In: AA.VV. L’Azienda Globale. Milano: Boroli Editore; 2006.
  12. [13] Maslow AH. Motivazione e personalità. Roma: Armando; 1973.
  13. [14] Oliviero Ferraris A. Resilienti, La forza è con loro. Psicologia Contemporanea 2003; 180:18-25.
  14. [15] Goleman D. Lavorare con intelligenza emotiva. Milano: BUR; 2000.
  15. [16] Miceli M. L’autostima. Bologna: Il Mulino; 1998.
  16. [17] Csikszentmihalyi M. Se siamo tanto ricchi perché non siamo felici? Bollettino di Psicologia Applicata 2000; XLVII, 232: 3-11.
  17. [18] Davenport TH. Il mestiere di pensare. Milano: ETAS; 2006.
  18. [19 Pellegrino F. Personalità ed autoefficacia. Milano: Springer; 2011.

Ferdinando Pellegrino, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 3/2015, pp. 131-145, DOI:10.3280/RSF2015-003009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche