Click here to download

Noble Relationships. Men at Arms and Merchants from Vicenza in the Duchy of Savoy
Journal Title: SOCIETÀ E STORIA  
Author/s: Andrea Savio 
Year:  2015 Issue: 149 Language: Italian 
Pages:  29 Pg. 493-521 FullText PDF:  581 KB
DOI:  10.3280/SS2015-149003
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


This research examines the relationship between the nobility of Vicenza in the Mainland of the Republic of Venice and the court of Emanuele Filiberto during the sixteenth century. In 1404 Vicenza gave herself to Venice, and throughout the fifteenth century the city remained faithful to the Serenissima. The author studies numerous unpublished documents relating to the network of the Vicenza aristocracy. In the sixteenth century, some members of the noble families of Vicenza did not approve of Venetian politics; they thus approached the court of Emanuele Filiberto, where they attempted upward mobility. This may be one of the reasons why nobles Piovene and Godi moved to Turin. From Piedmont, these nobles of Vicenza controlled the market of silks and began to develop skills for Army careers.
Keywords: Networks, court, Emanuele Filiberto, Vicenza, Republic of Venice, Sixteenth century

  1. Arcangeli L. (2002), Carriere militari dell’aristocrazia padana nelle guerre d’Italia, in Condottieri e uomini d’arme nell’Italia del Rinascimento, a cura di M. Del Treppo, Napoli, Liguori, pp. 361-416.
  2. Arcangeli L. (2003), Gentiluomini di Lombardia. Ricerche sull’aristocrazia padana nel Rinascimento, Milano, Unicopli.
  3. Arcangeli L., Gentile M. (a cura di) (2007), Le Signorie dei Rossi di Parma tra 14 e 16 secolo, Firenze, Reti Medievali – University Press.
  4. Asch R. G., Birke A. M. (a cura di) (1991), Princes, Patronage and the Nobility: The Court at the Beginning of the Modern Age c. 1450–1650, New York- Oxford, Oxford University Press.
  5. Barbarano De Mironi F. (1760), Historia Ecclesiastica della Città, Territorio, e Diocese di Vicenza, lib. IV, Vicenza, Carlo Bressan.
  6. Barberis W. (2003), Le armi del principe: la tradizione militare sabauda, Torino, Einaudi.
  7. Barbero A. (2002), Il ducato di Savoia. Amministrazione e corte di uno stato francoitaliano, Roma-Bari, Laterza.
  8. Bellabarba M., Niederkorn J. P. (a cura di) (2011), Le corti come luogo di comunicazione. L’Italia e gli Asburgo (secc. XVI-XVIII) / Höfe als Orte der Kommunikation. Die Habsburger und Italien (16. – 19. Jahrhundert), Trento, 8-10 novembre 2007, Bologna, il Mulino.
  9. Beltramini G. (a cura di) (2011), Andrea Palladio e l’architettura della battaglia, Venezia, Marsilio.
  10. Benzoni G. (1964), Voce Francesco Barbaro, in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 6, pp. 103-107.
  11. Berengo M. (1999), L’Europa delle città. Il volto della società urbana europea tra Medioevo ed età moderna, Torino, Einaudi.
  12. Bertoni L. (1993), Voce Filippo d’Este, in Dizionario Biografico degli italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 43, pp. 339-342.
  13. Bianchi P. (2006), Una riserva di fedeltà. I bastardi dei Savoia fra esercito, diplomazia e cariche curiali, in L’affermarsi della corte sabauda. Dinastie, poteri, élites in Piemonte e Savoia fra tardo medioevo e prima età moderna, a cura di P. Bianchi, L. C. Gentile, Torino, Silvio Zamorani, pp. 305-360.
  14. Bianchi P. (2007), La corte di Savoia: disciplinamento del servizio e delle fedeltà, in I Savoia. I secoli d’oro di una dinastia europea, a cura di W. Barberis, Torino, Einaudi, pp. 135-174.
  15. Bianco F. (2004), La ‘crudel zobia grassa’. Rivolte contadine e faide nobiliari in Friuli tra ’400 e ’500, Gorizia, Libreria Editrice Goriziana.
  16. Bowd S. D. (2010), Venice’s most loyal city: civic identity in Renaissance Brescia, Cambridge (Mass.), Harvard University Press.
  17. Braudel F. (1976), Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II, Torino, Einaudi, II.
  18. Broggio P., Paoli M. P. (a cura di) (2011), Stringere la pace. Teorie e pratiche della conciliazione nell’Europa moderna (secoli XV-XVIII), Roma, Viella.
  19. Brunelli G. (2003), Soldati del papa. Politica militare e nobiltà nello Stato della Chiesa (1564-1644), Roma, Carocci.
  20. Bucci D. F. (1588), Il solenne battesimo del serenissimo prencipe di Piemonte Filippo Emanuelle, Torino, appresso Gio. Battista Bevilacqua. Burns H. (2002), “Da naturale inclinatione guidato”: il primo decennio di attività di Palladio architetto, in Storia dell’architettura italiana. Il primo Cinquecento, a cura di A. Bruschi, Milano, Electa, pp. 327-413.
  21. Carpanetto D. (2007), Il regno e la repubblica: conflitti e risoluzione dei conflitti tra stato sabaudo e Ginevra, in Confini e frontiere nell’età moderna: un confronto fra discipline, a cura di A. Pastore, Milano, Franco Angeli, pp. 157-204.
  22. Carpanetto D. (2009), Divisi dalla fede. Frontiere religiose, modelli politici, identità storiche nelle relazioni tra Torino e Ginevra (XVII-XVIII secolo), Torino, UTET.
  23. Chittolini G. (1979), La formazione dello Stato regionale e le istituzioni del contado. Secoli XIV e XV, Torino, Einaudi.
  24. Chittolini G. (1988), L’onore dell’officiale, in Florence and Milan: Comparisons and Relations. XV and XVI c. (Convegno a Villa I Tatti, Firenze, 1-4 settembre 1982), Firenze, pp. 101-133.
  25. Cont A. (2011), Servizio al Principe ed educazione cavalleresca: i paggi nelle corti italiane del Seicento. Parte Prima, in «Studi Secenteschi. Rivista Annuale», I, Firenze, Leo S. Olschki.
  26. Cont A. (2014), L’uomo di corte italiano: identità e comportamenti nobiliari tra XVII e XVIII secolo, in «Rivista Storica Italiana», 126, 1 (aprile), Napoli, pp. 94-119.
  27. Cozzi G. (1987), La politica culturale della Repubblica di Venezia nell’età di Giovan Battista Benedetti, in Giovan Battista Benedetti e il suo tempo, a cura di A. Manno, atti del Convegno internazionale di studio, Venezia, Istituto di scienze lettere ed arti, pp. 9-27.
  28. Cozzi G. (1997), Ambiente veneziano, ambiente veneto. Governanti e governati nel Dominio di qua dal Mincio nei secoli XV-XVIII, in Ambiente veneziano, ambiente veneto. Saggi su politica, società, cultura nella Repubblica di Venezia in età moderna, a cura di G. Cozzi, Venezia, Marsilio, pp. 291-352.
  29. Cozzo P. (2002), Santuari del principe. I santuari subalpini d’età moderna nel progetto politico sabaudo, Bologna, il Mulino.
  30. Cozzo P. (2004), I vescovi della transizione. La diocesi di Saluzzo e la politica ecclesiastica sabauda fra Cinque e Seicento, in L’annessione sabauda del marchesato di Saluzzo, tra dissidenza religiosa e ortodossia cattolica (secoli XVI-XVIII), a cura di M. Fratini, atti del XLI Convegno di studi sulla riforma e sui movimenti religiosi in Italia (Torre Pellice-Saluzzo, 1-2 settembre 2001), Torino, Claudiana, pp. 193-213.
  31. Cozzo P. (2006), La geografia celeste dei duchi di Savoia. Religione, devozioni e sacralità in uno Stato di età moderna (secoli XVI-XVII), Bologna, il Mulino.
  32. Dean T. (1994), Le corti: un problema storiografico, in Origini dello Stato: Processi di formazione statale in Italia fra medioevo ed età moderna, a cura di G. Chittolini,
  33. A. Molho, P. Schiera (Annali dell’istituto storico italo-germanico in Trento, Quaderno 39), Bologna, il Mulino, pp. 425-447.
  34. Delpiano P. (1998), Identità sabauda tra Cinquecento e Seicento, in Identità territoriali e cultura politica nella prima età moderna / Territoriale Identität und politische Kultur in der Frühen Neuzeit, a cura di M. Bellabarba, R. Stauber (Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento), Bologna-Berlin, il Mulino, pp. 93-108.
  35. Demo E. (2006), Wool and Silk. The Textile Urban Industry of the Venetian Mainland (XV-XVII centuries), in At the Centre of the Old World: Trade and Manufacturing in Venice and the Venetian Mainland (1400-1800), a cura di P. Lanaro, Toronto, CRRS, pp. 217-243.
  36. Demo E. (2008), Le attività economiche dei committenti vicentini di Palladio. Nuove suggestioni sulla base dei recenti ritrovamenti archivistici in Palladio 1508-2008.
  37. Il simposio del Cinquecentenario, in Palladio 1508-2008. Il simposio del Cinquecentenario (Padova-Vicenza-Verona-Venezia, 5-10 maggio 2008), Venezia, Marsilio, pp. 25-28.
  38. Demo E. (2012), Mercanti di Terraferma. Uomini, merci e capitali nell’Europa del Cinquecento, Milano, FrancoAngeli.
  39. Donati C. (1988), L’idea di nobiltà in Italia. Secoli XIV-XVIII, Roma-Bari, Laterza.
  40. Elias N. (1975), Die höfische Gesellschaft. Untersuchungen zur Soziologie des Königstums und der höfischen Aristokratie, Darmstadt, Luchterhand Verlag (tr. it.: La società di Corte, Bologna, il Mulino, 1980)
  41. Fantoni M. (1997), Immagine del «capitano» e cultura militare nell’Italia del Cinque-Seicento, in I Farnese. Corti, guerra e nobiltà in antico regime, a cura di A. Bilotto, P. Del Negro, C. Mozzarelli, Roma, Bulzoni, pp. 209-243.
  42. Fantoni M. (2009), The City of the Prince. Space and Power, in The Politics of Space. European Courts, a cura di M. Fantoni, G. George, S. Malcolm, Roma, Bulzoni, pp. 39-57.
  43. Ferraro J. M. (1993), Family and public life in Brescia, 1580-1650: the foundations of power in the Venetian state, Cambridge, Cambridge University Press.
  44. Fioravanti M. (2002), Prefazione, in Lo Stato moderno in Europa. Istituzioni e diritto, a cura di M. Fioravanti, Roma-Bari, Laterza, pp. V-VIII.
  45. Firpo L. (1975), La città ideale nel Rinascimento. Urbanistica e società, in La città ideale nel Rinascimento, a cura di G. C. Sciolla, Torino, Utet, pp. 7-32.
  46. Firpo F. (a cura di) (1983), Relazioni di ambasciatori veneti al Senato. Tratte dalle migliori edizioni disponibili e ordinate cronologicamente, XI Savoia (1496-1797), Torino, Bottega d’Erasmo.
  47. Fosi I. (2007), La giustizia del papa. Sudditi e tribunali nello Stato Pontificio in età moderna, Roma-Bari, Laterza.
  48. Gentile L. C. (a cura di) (2008), Riti ed emblemi. Processi di rappresentazione del potere principesco in area subalpina (XIII-XVI secc.), Torino, Silvio Zamorani.
  49. Gentile M. (a cura di) (2005), Guelfi e ghibellini nell’Italia del Rinascimento, Roma, Viella.
  50. Gentile M. (2007), La vendetta di sangue come rituale. Qualche osservazione sulla Lombardia fra Quattro e Cinquecento, in La morte e i suoi riti in Italia tra Medioevo e prima Età moderna, a cura di F. Salvestrini, G. M. Varanini, A. Zangarini,
  51. Firenze, Firenze University Press, pp. 209-241.
  52. Griseri A. (1998), Le corti e le arti. Nuovi programmi per le tecniche e la diffusione delle immagini, in Storia di Torino, a cura di G. Recuperati, Dalla dominazione francese alla ricomposizione dello stato (1536-1630), III, Torino, Einaudi, pp. 295-311.
  53. Grubb J. (1986), When Myths Lose Power: Four Decades of Venetian Historiography, in «Journal of Modern History», 58/1, pp. 43-94.
  54. Grubb J. (1988), Patriziato, nobiltà, legittimazione: con particolare riguardo al Veneto, in Istituzioni, società e potere nella Marca trevigiana e veronese (secoli XIIIXIV): sulle tracce di G. B. Verci, a cura di G. Ortalli, M. Knapton, Roma, Istituto Storico per il Medio Evo, pp. 235-259.
  55. Grubb J. (1999), La Famiglia, la Roba e la Religione nel Rinascimento. Il caso veneto, Vicenza, Neri Pozza.
  56. Hinz M. (1992), Rhetorische Strategien des Hofmannes. Studien zu den italienischen Hofmannstraktaten des 16. und 17, Jahrhunderts, Stuttgart. Horologi F. (1559), Brevi ragioni del fortificare di Francesco Horologgi vicentino.
  57. Huppert G. (1977), Le bourgeois gentilshomme: an essay on the definitions of élites in Renaissance France, Chicago, University of Chicago Press (tr. it.: Il borghese gentiluomo, Bologna, il Mulino, 1978)
  58. Knapton M, (2011), Venezia e la Terraferma, 1509-1797: istituzioni, pratiche di governo, rapporti di potere, cultura politica, in 1509-2009. L’ombra di Agnadello: Venezia e la Terraferma, a cura di G. Del Torre, A. Viggiano, in «Ateneo Veneto», CXVII, 3° s., 9/I, pp. 103-136.
  59. Labatut J. P. (1978), Les noblesses européennes de la fin du XVe siècle à la fin du XVIII siècle, Paris, Presses Universitaires de France.
  60. Lavarda S. (2007), Banditry and Social Identity in the Republic of Venice. Ludovico da Porto, his Family and his Property (1567-1640), in «Crime, Histoire et Société», 11/1, pp. 2-24. Lettere di Savoia a Godi (1884), Vicenza, s. e.
  61. Levo G. (1566), Discorso dell’ordine et modo di armare compartire et esercitare la militia del serenissimo duca di Savoia del capitano Giovanni Antonio Levo da Piacenza sargente maggiore generale di s.a. con un breve summario nel fine, de’ passi sostantiali, Torino, appresso Martino Cravoto.
  62. Levo G. (1571), Discorso del capitano Giovanni Antonio Leuo da Piacenza sargente maggior generale della militia del serenissimo duca di Savoia intorno alcune proposte fattele da persone illustri nelle contrarie opinioni di Cesare et di Pompeo, nel afrontare et far combaterei loro esserciti nella giornata di Farsaglia, Torino, appresso Girolamo Farina.
  63. Lipp Charles T. (2011), Noble Strategies in an Early Modern Small State. The Mahuet of Lorraine, Rochester, University of Rochester Press.
  64. Lomastro F. (2009), I “zornali” di Fabio Monza. Nella Vicenza di Palladio, Roma, Viella.
  65. Lusso E. (2007), Francesco Horologi e gli ingegneri al servizio di Francia nei decenni centrali del XVI secolo, in Gli ingegneri militari attivi nelle terre dei Savoia e nel Piemonte orientale, a cura di M. Viglino Davico, Firenze, Edifir, pp. 21-32.
  66. Magrini A. (1869), Reminiscenze vicentine della casa di Savoia, Vicenza, Giuseppe Staider.
  67. Manfredini I. (2012), Le relazioni culturali tra Torino e Venezia nella seconda metà del Cinquecento, in «Studi Veneziani», LXVI, 2012, pp. 149-174.
  68. Maravall J. A. (1979), Poder, honor y élites en el siglo XVII, Madrid, Siglo XXI de Espana Editores (tr. it.: Potere, onore, élites nella Spagna del secolo d’oro, Bologna, il Mulino, 1984)
  69. Merlin P. (1991), Tra guerre e tornei. La corte sabauda nell’età di Carlo Emanuele I, Torino, Società Editrice Internazionale.
  70. Merlin P., Rosso C., Symcox G., Ricuperati G. (a cura di) (1994), Il Piemonte sabaudo, Storia d’Italia, VIII/1, Torino, Utet.
  71. Merlin P. (1995), Emanuele Filiberto. Un principe tra il Piemonte e l’Europa, Torino, Sei.
  72. Merlin P. (2006), La struttura istituzionale della corte sabauda fra cinque e seicento, in L’affermarsi della corte sabauda. Dinastie, poteri, élites in Piemonte e Savoia fra tardo medioevo e prima età moderna, a cura di P. Bianchi, L. C. Gentile, Torino, Silvio Zamorani, pp. 285-304.
  73. Merlin P. (2010), Nelle stanze del re. Vita e politica nelle corti euroepee tra XV e XVIII secolo, Roma, Salerno. Merlin P. (2014), La croce e le aquile: Savoia, Impero e Spagna tra XVI e XVII secolo, in Stato sabaudo e Sacro Romano Impero, a cura di M. Bellabarba, A. Merlotti, Bologna, il Mulino, pp. 251-267.
  74. Merlotti A. (2002), Un sistema degli onori europeo per casa Savoia? I primi anni dell’ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, in «Rivista Storicao Italiana», CXIV, III, Napoli, pp. 477-514.
  75. Merlotti A. (2007), I Savoia: una dinastia europea in Italia, in I Savoia. I secoli d’oro di una dinastia europea, a cura di W. Barberis, Torino, Einaudi, pp. 87-133.
  76. Mozzarelli C. (1983), Principe e corte nella storiografia italiana del Novecento, in La corte nella cultura e nella storiografia. Immagini e posizioni tra Otto e Novecento, a cura di C. Mozzarelli, G. Olmi, Roma, Bulzoni, pp. 234-274.
  77. Palladio A. (1570), I quattro libri dell’Architettura. Ne’ quali, dopo un breve Trattato de’ cinque ordini, & di quelli avertimenti, che sono più necessarii nel fabricare; si tratta delle case private, delle Vie, de i Ponti, delle Piazze, de i Xisti, et de’ Tempii, Venetia, appresso Dominico de’ Franceschi, III.
  78. Pastore A. (2006), Le regole dei corpi. Medicina e disciplina nell’Italia moderna, Bologna, Il Mulino.
  79. Pastore A. (2007), Introduzione, in Confini e frontiere nell’età moderna: un confronto fra discipline, a cura di A. Pastore, Milano, FrancoAngeli, pp. 7-20.
  80. Pezzolo L. (2011), Professione militare e famiglia in Italia tra tardo medioevo e prima età moderna, in La justice des familles. Autour de la transmission des biens, des savoirs et des pouvoirs (Europe, Nouveau monde, XIIe-XIXe siècles), a cura di A.
  81. Bellavitis, I. Chabot, Roma, Collection de l’École Française de Rome, pp. 341-366.
  82. Piovan F. (2013), Autonomy by imposition. The birth of the natio Scota in the law faculty of the University of Padua (1534), in «Renaissance Studies», 27/4, pp. 549-559.
  83. Povolo C. (1981), Crimine e giustizia a Vicenza. Secoli XVI-XVII. Fonti e problematiche per l’approfondimento di una ricerca sui rapporti politico-giudiziari tra Venezia e la Terraferma, in Venezia e la Terraferma attraverso le relazioni dei Rettori, a cura di A. Tagliaferri, atti di convegno (Trieste, 23-24 ottobre 1980), Milano, Giuffrè, pp. 411-432.
  84. Povolo C. (1997), L’intrigo dell’onore. Poteri e istituzioni nella Repubblica di Venezia tra Cinque e Seicento, Verona, Cierre.
  85. Povolo C. (2005), Retoriche giudiziarie, dimensioni del penale e prassi processuale nella Repubblica di Venezia: da Lorenzo Priori ai pratici settecenteschi, in L’amministrazione della giustizia penale nella Repubblica di Venezia (secoli XVIXVIII), a cura di G. Chiodi, C. Povolo, II, Verona, Cierre, pp. 10-170.
  86. Promis C. (1973), Gl’ingegneri militari che operarono o scrissero in Piemonte dall’anno MCCC all’anno MDCL, 1871 (ristampa anastatica), Bologna, Forni.
  87. Raviola B. A. (2011), Monferrato e feudi imperiali nelle rivendicazioni sabaude alla corte di Vienna (secc. XVI-XVII), in Le corti come luogo di comunicazione. L’Italia e gli Asburgo (secc. XVI-XVIII) / Höfe als Orte der Kommunikation. Die Habsburger und Italien (16. – 19. Jahrhundert) (Trento, 8-10 novembre 2007), a cura di M. Bellabarba, J. P. Niederkorn, Bologna, il Mulino, pp. 75-94.
  88. Ricci G. B. (1714), Istoria dell’ordine equestre de’ SS. Mauritio, e Lazaro, col Rolo de’ cavalieri, e comende, Torino, nella stampa di G. F. Mairesse.
  89. Ricotti E. (1861), Storia della monarchia piemontese, II, Firenze, Gaspare Barbera.
  90. Sabbadini R. (2001), La grazia e l’onore: principe, nobiltà e ordine sociale nei ducati farnesiani, Roma, Bulzoni. Savio A. (2013), Strategie nobiliari. La famiglia Godi fra Vicenza e l’Europa (1480-1588), tesi di dottorato, XXV ciclo, tutor A. Pastore, Università degli Studi di Verona.
  91. Saxer V. (1989), La Sindone di Torino e la storia, in «Rivista di Storia della Chiesa in Italia», XLIII/1, pp. 51-79.
  92. Sbriccoli M. (2002), Giustizia criminale, in Lo Stato moderno in Europa. Istituzioni e diritto, a cura di M. Fioravanti, Roma-Bari, Laterza, pp. 163-205.
  93. Schnettger M., M. Verga (a cura di) (2006), L’Impero e l’Italia nella prima età moderna / Das Reich und Italien in der Frühen Neuzeit (Annali dell’Istituto storico italogermanico in Trento, Contributi 17), Bologna-Berlin, il Mulino.
  94. Segre A. (1901), Emanuele Filiberto e la Repubblica di Venezia, in Miscellanea di storia veneta edita, Venezia, Regia deputazione veneta di storia patria, s. II, VII, pp. 65-513.
  95. Stone L. (1965), The Crisis of the Aristocracy, 1558-1641, Oxford, Oxford University Press.
  96. Storrs C. (2007), La politica internazionale e gli equilibri continentali, in I Savoia. I secoli d’oro di una dinastia europea, a cura di W. Barberis, Torino, Einaudi, pp. 1-48.
  97. Stumpo E. (1993), Voce Emanuele Filiberto, in Dizionario Biografico degli italiani, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma, 1993, 42, pp. 553-566.
  98. Stumpo E. (1998), Spazi urbani e gruppi sociali (1536-1630), in Storia di Torino. Dalla dominazione francese alla ricomposizione dello Stato (1536-1630), a cura di G. Ricuperati, III, Torino, Einaudi, pp. 185-221.
  99. Tagliaferri A. (a cura di) (1976), Relazioni dei Rettori veneti in Terraferma. Podestaria e Capitanato di Vicenza, VII, Milano, Giuffrè.
  100. Tessari A. S. (1993), Sul soggiorno di Andrea Palladio a Torino per le questioni militari di Emanuele Filiberto, in «Studi piemontesi», 22/1, marzo 1993, pp. 9-20.
  101. Tognetti S. (2013), I Gondi di Lione. Una banca d’affari fiorentina nella Francia del primo Cinquecento, Firenze, Leo S. Olschki.
  102. Varallo F. (2009), Le feste sabaude nella storia e nella storiografia, in Feste barocche. Cerimonie e spettacoli alla corte dei Savoia tra Cinque e Settecento, a cura di C. Arnaldi di Balme, F. Varallo, Cinisello Balsamo (MI), Silvana, pp. 18-26.
  103. Varanini G. M. (1997), Gli ufficiali veneziani nella Terraferma veneta quattrocentesca, in «Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa», s. IV, Quaderni I, pp. 155-180.
  104. Varanini G. M. (2005), Nelle città della Marca Trevigiana: dalle fazioni al patriziato (secoli XIII-XV), in Guelfi e ghibellini nell’Italia del Rinascimento, a cura di M. Gentile, Roma, Viella, pp. 563-602.
  105. Ventura A. (1993), Nobiltà e popolo nella società veneta del Quattrocento e Cinquecento, Milano, Unicopli.
  106. Verga M. (2006), L’Impero in Italia. Alcune considerazioni, in L’Impero in Italia nella prima età moderna Das Reichsitalien in Fruehneuzeit, a cura di M. Schnettiger, M. Verga,Bologna, Il Mulino, pp. 11-24.
  107. Vianello F. (2006), Tra commercio internazionale e orizzonti urbani. Parentela e amicizia nel ceto mercantile vicentino, 1570-1700, in «Cheiron», 45-46, pp. 65-86.
  108. Viganò M. (2011), Ingegneri militari ‘ticinesi’ nel Piemonte sabaudo. Opere di fortificazione tra XVI e XVIII secolo, in Svizzeri a Torino nella storia, nell’arte, nella cultura, nell’economia dal Cinquecento ad oggi, a cura di G. Mollisi, in «Arte&Storia», 11/52, ottobre 2011, Lugano, Edizioni Ticino Management, pp. 88-113. Viglino Davico M. (2005), Fortezze “alla moderna” e ingegneri militari del ducato sabaudo, Torino, Celid.
  109. Viglino Davico M., Chiodi E., Franchini C., Perin A. (a cura di) (2007), Architetti e ingegneri militari in Piemonte tra ‘500 e ‘700. Un repertorio biografico, Torino, Omega.
  110. Visceglia M. A. (2001), La nobiltà romana in età moderna: profili istituzionali e pratiche sociali, Roma, Carocci.
  111. Willoweit D. (1975), Rechtsgrundlagen der Territorialgewalt. Landesobrigkeit, Herrschaftsrechte und Territorium in der Rechtswissenschaft der Neuzeit, Koln, Ed. Bohlau.
  112. Zamperetti S. (1985), Per una storia delle istituzioni rurali nella Terraferma veneta: il contado vicentino nei secoli XVI e XVII, in Stato, società e giustizia nella Repubblica veneta (sec. XV-XVIII), a cura di G. Cozzi, II, Roma, Jouvance, pp. 61-131.
  113. Zannini A. (1993), Burocrazia e burocrati a Venezia in età moderna: i cittadini originari (sec. XVI-XVIII), Venezia, Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.
  114. Zemon Davis N. (2002), Il dono. Vita familiare e relazioni pubbliche nella Francia del Cinquecento, Milano, Feltrinelli.

Andrea Savio, Noble Relationships. Men at Arms and Merchants from Vicenza in the Duchy of Savoy in "SOCIETÀ E STORIA " 149/2015, pp. 493-521, DOI:10.3280/SS2015-149003

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content