Clicca qui per scaricare

La psicoterapia con il vecchio: storie cliniche
Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA 
Autori/Curatori: Alessandra Tognetti 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 37 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 179-187 Dimensione file:  87 KB
DOI:  10.3280/QPC2015-037009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’invecchiamento è un processo lungo, come tale suscettibile di cambiamenti e caratterizzato da una grande eterogeneità. La depressione è una condizione patologica frequente nelle ultime fasi della vita e spesso difficile da diagnosticare precocemente. Infatti l’umore depresso non è solitamente il primo sintomo presentato dal paziente ma è sostituito spesso da lamentele somatiche, stanchezza, insonnia, disturbi di memoria o sintomi bizzarri. L’intervento psicologico deve tenere conto dell’età e della estrema variabilità delle condizioni generali del paziente. La valutazione delle condizioni biologiche, psicologiche e socioambientali ha, in questa fase della vita, un valore non solo diagnostico ma anche prognostico. In questo articolo si presentano due casi clinici, una donna di 76 anni, con depressione e dispercezioni e un uomo di 87 anni, con ansia e depressione, entrambi trattati in ambulatorio con sedute individuali a cadenza settimanale. La scelta di situazioni differenti ha lo scopo di favorire una riflessione sulla variabilità dell’intervento psicologico con l’anziano. Se con un vecchio-vecchio è ancora possibile promuovere un distanziamento che permetta di differenziare tra realtà oggettiva e soggettiva e tra fatti e interpretazione degli stessi, con il grande vecchio si privilegia un intervento con obiettivi circoscritti, più direttivo e con lo scopo di favorire quanto più possibile il miglioramento della qualità di vita. In ultimo, ma non meno importante, il ruolo dello psicoterapeuta che deve rinforzare flessibilità, consapevolezza e creatività, per compensare la difficoltà di identificazione con un paziente che propone tematiche e problemi troppo lontani dalla propria età ed esperienza.


Keywords: Depressione, invecchiamento, psicoterapia.

  1. Alexopulos G.S., Kelly R. Jr. (2009). Research advances in Geriatric Depression. World Psychology, 8(3):140-149.
  2. Bartorelli L., Tognetti A. (2013). Psicologia. In: Senin U., Bartorelli L., Salvioli G., a cura di, I grandi vecchi: curare ancora. Roma: Carocci Faber.
  3. Bizzini L., Bizzini V. (1999). In: Veglia F., a cura di, Storie di vita. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. De Beni R., a cura di (2009). Psicologia dell’invecchiamento. Bologna: Il Mulino.
  5. Goves J., Jags S. et al. (2011). Depressive symptoms and incidence of Mild Cognitive Impairment and probable dementia in elderly women: the women’s health initiative memory study. J. Am. Geriaric. Soc., 59: 57-66.
  6. Jorm A. (2001). History of depression as a risk factor for dementia: an updated review. Aust. N. Z. J. Psychiatry, 35(6): 776-81.
  7. Moser F., Pezzati R., Luban Plozza B. (2002). Un’età da abitare. Torino: Bollati Boringhieri.
  8. Smith J., Baltes P.B. (1997). Profiles of Psychological Functioning in the Old and Oldest. Old, Psychology and Aging, 12: 3: 458-472.

Alessandra Tognetti, in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 37/2015, pp. 179-187, DOI:10.3280/QPC2015-037009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche