Parte prima: il contesto socioeconomico e istituzionale di riferimento. economia e welfare: fattori costitutivi ed effetti

Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO
Autori/Curatori: Renata Livraghi
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 103 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 11-32 Dimensione file: 87 KB
DOI: 10.3280/QUA2015-103002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Originariamente, welfare significa "ben andare" ovvero essere in grado di agire bene e ciò richiede l’uso di razionalità, etica e giustizia. La costruzione di un nuovo sistema di welfare, dopo un periodo di crisi, richiede un’analisi attenta della qualità della vita, in maniera multidimensionale. Ora, si hanno le informazioni quantitative e qualitative, per analizzarla, nei diversi paesi europei. La prima rilevazione statistica è stata resa pubblica dall’EUROSTAT, nel luglio 2015. In Italia, la qualità della vita non può essere considerata "buona" e ciò influenzerà sull’occupazione e, sullo sviluppo economico e sociale. La dimensione oggettiva più grave è data dai bassi livelli d’istruzione e formazione che influisce sul funzionamento dei mercati del lavoro, seguita dagli indicatori di sicurezza e da quelli sull’ambiente. La mancanza di fiducia per i politici e per le istituzioni pubbliche rende poi difficile la progettazione sociale e la realizzazione delle azioni integrate nei diversi territori.

  1. Campanella F. (1982). Lavoro. In: Lunghini G., a cura di, Dizionario di Economia Politica. Torino: Bollati Boringhieri. Vol. I, pag. 93.
  2. Cottarelli C. (2015). La lista della spesa. La verità sulla spesa pubblica italiana e su come si può tagliare. Milano: Giangiacomo Feltrinelli Editore. Maggio.
  3. EUROSTAT (2015). Quality of life. Facts and views. Lussemburgo.
  4. Giovanola B. (2012). Oltre l’homo œconomicus. Lineamenti di etica economica. Napoli: Orthotes Editrice.
  5. Giustiniani P. (2002). Coltivare la speranza esercitando la ragione. Nessuno deve scegliere per noi. La proposta del testamento biologico. --Testo disponibile al sito: http://www.istitutobioetica.org/Forum/Direttive%20anticipate/Englaro/Giustiniani%20Testamento.htm.
  6. Grimi E. (2014). G.E.M. Anscombe. The Dragon Lady. Siena: Cantagalli.

Renata Livraghi, Parte prima: il contesto socioeconomico e istituzionale di riferimento. economia e welfare: fattori costitutivi ed effetti in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 103/2015, pp 11-32, DOI: 10.3280/QUA2015-103002