La cooperazione sociale: rilevanza economica ed occupazionale e sua evoluzione tra il 2008 ed il 2013

Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO
Autori/Curatori: Chiara Carini, Carlo Borzaga
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 103 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 33-48 Dimensione file: 103 KB
DOI: 10.3280/QUA2015-103003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In poco più di vent’anni la cooperazione sociale italiana è diventata uno dei principali attori delle politiche sociali, sia come gestore di servizi sociali ed educativi che nell’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Di recente tuttavia sono stati in molti a mettere in dubbio la sopravvivenza di queste organizzazioni, soprattutto a seguito delle crescenti difficoltà finanziarie delle amministrazioni locali che ne sono i principali, anche se non esclusivi, finanziatori. Diventa quindi interessante verificare come si sono comportate queste imprese nel corso della crisi. Ciò è possibile utilizzando i dati di bilancio e quelli sulle posizioni lavorative. I risultati dell’analisi sono sorprendenti: tra il 2008 e il 2013, cioè nel pieno della crisi, le cooperative sociali hanno mostrato indicatori economici tutti positivi tranne che per il margine di gestione. Fatturato, occupazione, redditi da lavoro, investimenti e patrimonio sono cresciuti in modo significativo, facendo della cooperazione social italiana un soggetto rilevante non solo per il valore sociale dei servizi offerti, ma anche per la capacità di creare reddito e occupazione

  1. Carini C., Carpita M. (2013). L’evoluzione delle cooperative tra il 2008 e il 2011: gli aspetti occupazionali. In: EURICSE. La cooperazione italiana negli anni della crisi. Secondo Rapporto EURICSE. Trento: EURICSE Edizioni, pp. 25-36.
  2. Carini C., Costa E., Carpita M., Andreaus M. (2013). L’evoluzione delle cooperative tra il 2008 e il 2011: gli aspetti economici e patrimoniali. In: EURICSE. La cooperazione italiana negli anni della crisi. Secondo Rapporto EURICSE. Trento: EURICSE Edizioni, pp. 11-24.
  3. Centro Studi Legacoop (2013). La cooperazione nei primi dati del Censimento 2011. Note Brevi, 11/luglio.
  4. ISTAT (2008). Le cooperative sociali in Italia. Anno 2005. Informazioni, 4. Roma.
  5. Zandonai F., Rensi S. (2015). Per chi e per quanti opera la cooperazione sociale? In: EURICSE. Economia cooperativa. Rilevanza, evoluzione e nuove frontiere della cooperazione italiana. Terzo Rapporto EURICSE. Trento. -- Testo disponibile al sito: www.euricse.eu.

  • The sustainability and political agency of social cooperatives in Italy during the great recession Jason L. Powell and Sheying Chen, Egidio Riva, Emma Garavaglia, in International Journal of Sociology and Social Policy /2016 pp.435
    DOI: 10.1108/IJSSP-01-2016-0005
  • The New Social and Impact Economy Mara Benadusi, Giulio Citroni, Teresa Consoli, Deborah De Felice, Irene Falconieri, Francesco Mazzeo, Carlo Pennisi, pp.183 (ISBN:978-3-030-68294-1)

Chiara Carini, Carlo Borzaga, La cooperazione sociale: rilevanza economica ed occupazionale e sua evoluzione tra il 2008 ed il 2013 in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 103/2015, pp 33-48, DOI: 10.3280/QUA2015-103003