Clicca qui per scaricare

Salute mentale e oikòs nomos
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Luisa Brunori, Luigi De Donno, Chiara Bleve 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 43-51 Dimensione file:  1646 KB
DOI:  10.3280/RSF2016-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


questo lavoro si focalizza sulle complesse dinamiche tra modelli economici e aspetti psicologici, individuali e di gruppo, e sull’impatto che esse hanno nella costruzione della mente e dei rapporti sociali. Come sottolinea Paul Verhaeghe la diffusione del sistema neoliberista ha influenzato tali rapporti favorendo lo sviluppo di tratti di personalità patologici basati sulla esasperata ricerca dell’interesse personale con totale disattenzione al benessere degli altri. Questo modello pone al centro delle dinamiche economiche e sociali l’egoismo, atomizza gli individui, indebolisce e svalorizza i legami. La corposa tradizione di studi sulla relazione nell’ambito della psicologia e delle neuroscienze ha dimostrato come l’essere umano sia invece predisposto per la relazione con gli altri suoi simili; la rottura dei legami sociali e l’isolamento determinano perciò sofferenza a livello fisico, psichico e sociale. Da qui la necessità di riflettere su quali siano le dinamiche relazionali e le pratiche economiche in grado di ribaltare la logica dell’individualismo e riportare al centro dei rapporti umani quelli che in letteratura sono definiti "beni relazionali", che scaturiscono da uno scambio paritetico e gratuito caratterizzato da cooperazione e collaborazione. Riteniamo che il Microcredito e il Social Business, così come sono stati concepiti dal Premio Nobel per la Pace Muhammad Yunus, rappresentino buone prassi a livello economico e sociale, per lo sviluppo delle "capabilities" e per la promozione del benessere dell’individuo e della Comunità.


Keywords: Modello economico, salute mentale, microcredito, social business

  1. [1] Elias N. La società degli individui. Bologna: Il Mulino; 1990.
  2. [2] Polanyi K. The Great Transformation. New York: Holt, Rinehart & Winston Inc.; 1944. (Trad. it.: La Grande Trasformazione. Torino: Einaudi; 1974).
  3. [3] Polanyi K. La sussistenza dell’uomo. Il ruolo dell’economia nelle società antiche. Torino: Einaudi; 1977.
  4. [4] Rifkin J. La civiltà dell’empatia. Milano: Mondadori; 2010.
  5. [5] Winnicott WD. Gioco e Realtà. Roma: Armando Editore; 1990.
  6. [6] Verhaeghe P. Neoliberalism has brought out the worst in us. The Guardian 2014.
  7. [7] Foulkes SH. La psicoterapia gruppoanalitica. Metodi e principi. Roma: Astrolabio; 1976.
  8. [8] Foulkes SH. Therapeutic Group Analysis. London: Allen – Unwin; 1964. (Trad. it.: Analisi terapeutica di gruppo, Torino, Boringhieri, 1967).
  9. [9] Nash JF Jr. Equilibrium Points in n-Person Games. Proc. Nat. Acad. Sci.1950; 36: 48-49.
  10. [10] Brunori L. Atti del convegno “The economy of the group. Relational Goods in society, mind and brain”. Venezia, Italia; 2002.
  11. [11] Uhlaner CJ. Relational Goods and Participation: Incorporating Sociability into a Theory of Rational Action. Public Choice Journal 1989; 62 (3): 253-285.
  12. [12] Yunus M. Il banchiere dei poveri. Milano: Feltrinelli; 2007.
  13. [13] Yunus M. Un mondo senza povertà. Milano: Feltrinelli; 2008.
  14. [14] Brunori L. Laudatio per il conferimento della Laurea Honoris Causa a M. Yunus. Alma Mater Studiorum; 2004.
  15. [15] Yunus M. Redesigning Economics to Redesign the World. Yunus Centre; 2014.
  16. [16] Fukuyama F. Trust. London: Penguin Books; 1995.

Luisa Brunori, Luigi De Donno, Chiara Bleve, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2016, pp. 43-51, DOI:10.3280/RSF2016-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche