Clicca qui per scaricare

Individualizzazione, precarietà lavorativa e identità di carriera: la transizione università-lavoro dei giovani e i limiti dell’employability
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Francesca Colella 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 141 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 177-191 Dimensione file:  118 KB
DOI:  10.3280/SL2016-141011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il dibattito sull’employability e, oramai, ricco e articolato tanto nella disciplina sociologica quanto in psicologia. Si tratta, infatti, di un costrutto multidimensionale e multidisciplinare che, in letteratura, si compone di quelle che vengono considerate variabili utili al lavoratore moderno. In questo articolo si cerchera di contribuire a questo dibattito sulla base di un’indagine empirica volta a comprendere il ruolo della formazione universitaria in rapporto al mercato del lavoro italiano, con particolare riferimento al diritto allo studio universitario (DSU). Il ragionamento sara sviluppato lungo due binari: il primo binario riguardera le variabili che caratterizzano l’employability; il secondo riguardera la tecnica del focus group come strumento partecipativo, al servizio della ricerca sociale, che coinvolge gli utenti stessi dell’istituzione accademica, anche e soprattutto nell’ottica di incoraggiare una riformulazione dell’employability - che affondi le radici nel piano empirico - perche sia effettivamente uno strumento inclusivo e al servizio dei bisogni dei giovani in transizione tra formazione e lavoro


Keywords: Individualizzazione, precarieta lavorativa, employability, identita

  1. Ashforth B.E., Fugate M. (2001). Role transitions and the life-span. In: Ashforth B.E., Role transitions in organizational life: An identity-based perspective. New York: LEA, pp. 225-257.
  2. Ballarino G., Checchi D. (2006). Sistema scolastico e disuguaglianza sociale. Bologna: il Mulino.
  3. Barbier J.C., Nadel H. (2002). La flessibilità del lavoro e dell’impiego. Roma: Donzelli.
  4. Bauman Z. (2003), Modernità liquida. Roma-Bari: Laterza.
  5. Beck U. (2000). La società del rischio. Verso una seconda modernità. Roma: Carocci.
  6. Beck U. (2000b). I rischi della libertà. L’individuo nell’epoca della globalizzazione. Bologna: il Mulino.
  7. Bertin G. (1994). Un modello di valutazione basato sul giudizio degli esperti. In: Bezzi C., Scettri M., a cura di, La valutazione come ricerca e come intervento. Sociologia e professione, supplemento n. 14-15: 59-83.
  8. Bezzi C. (2001). Il disegno della ricerca valutativa. Milano: FrancoAngeli.
  9. Bezzi C. (2013). Fare ricerca con i gruppi. Guida all’utilizzo di focus group,
  10. brainstorming, Delphi e altre tecniche. Milano: FrancoAngeli. Bifulco L. a cura di (2003). Il genius loci del welfare. Strutture e processi della qualità sociale. Roma: Officina.
  11. Bifulco L. (2011). Quasi-mercato e sussidiarieta come pilastri del modello lombardo di welfare. In: Carabelli G., Facchini C, a cura di, Il modello lombardo di welfare. Continuità, riorientamenti, prospettive. Milano: Franco Angeli, pp. 39-58.
  12. Bloor M., Frankland J., Thomas Mi., Robson K. (2002). I focus group nella ricerca sociale. Trento: Erickson.
  13. Bourdieu P. (1980). Le capital social. Notes provisoires. In: Actes de le Recherche en Sciences Sociales (3).
  14. Carabelli G., Facchini C., a cura di (2011). Il modello lombardo di welfare. Continuità, riassestamenti, prospettive. Milano: Franco Angeli.
  15. Caroleo F.E., Pastore F. L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea. In: Scuola democratica (2). Bologna: il Mulino.
  16. Colella F. (2009). Biografie atipiche. Strategie di costruzione dell’identità nella vita quotidiana dei giovani precari. Milano: Guerini scientifica.
  17. Colella F. (2011). Focus group. Ricerca sociale e strategie applicative. Milano: FrancoAngeli.
  18. Colella F., Grassi V., a cura di (2007), Comunicazione interculturale. Immagine e comunicazione in una società multiculturale. Milano: FrancoAngeli.
  19. Dahrendorf R. (1993). Per un nuovo liberalismo. Roma-Bari: Laterza.
  20. De Leonardis O. (2009). Conoscenza e democrazia nelle scelte di giustizia: un’introduzione. La Rivista delle politiche sociali, 3: 73-84.
  21. Dye T.R. (1972). Understanding Public Policy. New York, Prentice-Hall: Englewood Cliffs.
  22. Elias G. (2001). Perche piu qualita? Non Profit, 4. Rimini: Maggioli.
  23. Elias N. (1990a). La società degli individui. Bologna: il Mulino.
  24. Elias N. (1990b). Che cos’è la sociologia? Torino: Rosenberg & Sellier.
  25. Ferrarotti F. (1976). Studenti, scuola, sistema. Napoli: Liguori.
  26. Ferrarotti F. (1991). Trattato di sociologia. Torino: UTET.
  27. Franchi M. (2015). Il sindacato al tempo della crisi. Analisi e proposte per un cambiamento necessario. Roma: EDIESSE.
  28. Freeman R. (1976), The Overeducated American. New York: Academic Press.
  29. Fugate M., Kinicki A.J., Ashforth B.E. (2004). Employability: A psycho-social construct, its dimensions, and applications. Journal of Vocational Behavior, 65: 1438.
  30. Fullin G. (2004). Vivere l’instabilità del lavoro. Bologna: il Mulino.
  31. Gallino L. (2007). Il lavoro non è una merce. Contro la flessibilità. Roma-Bari: Laterza.
  32. Gallino L. (2001). Il costo umano della flessibilità. Roma-Bari: Laterza.
  33. Gallino L. (2009). Dizionario di Sociologia. Torino: UTET.
  34. Gianturco G. (2005). L’intervista qualitativa. Dal discorso al testo scritto. Milano: Guerini.
  35. Gianturco G. (2007). Cultura e identita. Orientamenti concettuali di base per l’intercultura. In: Colella F., Grassi V., a cura di, Comunicazione interculturale. Immagine e comunicazione in una società multiculturale.
  36. Milano: FrancoAngeli. Groot W., Maassen van den Brink H. (2000). Overeducation in the labour market: a meta-analysis. Economics of Education Review, 19(2): 149-58.
  37. Harvey D. (2014). Diciassette contraddizioni e la fine del capitalismo. Milano: Feltrinelli.
  38. Melucci A. (1991). Il gioco dell’Io. Il cambiamento di sé in una società globale. Milano: Feltrinelli.
  39. Monteleone R., Mozzana C. (2009). Basi informative e promozione delle capacita: l’inserimento lavorativo per i disabili. La Rivista delle politiche sociali, 3: 137-158.
  40. Morin E. (1999). I sette saperi necessari all’educazione del futuro. Milano: FrancoAngeli.
  41. Morin E. (2000). La testa ben fatta. Milano: Raffaello Cortina.
  42. Nussbaum M., Sen A. (1993). The Quality of Life. New York: Clarendon Press.
  43. Paci M. (2005). Nuovi lavori, nuovo welfare. Sicurezza e libertà nella società attiva. Bologna: il Mulino.
  44. Palumbo M. (2001). Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare. Milano: FrancoAngeli.
  45. Pellegrino V. (2015). Il lavoro precario universitario: nuove forme di assoggettamento e nuove strategie di resistenza. Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology. Milano: EGEA, 5: 125-141.
  46. Sciolla L., a cura di (1983). Identità. Percorsi di analisi in sociologia. Torino: Rosenberg & Sellier.
  47. Sen A. (1979). Equality of What? The Tanner Lectures on Human Values Delivered at Stanford University.
  48. Sen A. (1994). La diseguaglianza. Bologna: il Mulino.
  49. Sen A. (2005). Human rights and capabilities. Journal of Human Development and Capabilities, 6(2): 151-166.
  50. Sennett R. (2001). L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli.
  51. Solow R. (1994). Il mercato del lavoro come istituzione sociale. Bologna: il Mulino.
  52. Wright Mills C. (1973). L’immaginazione sociologica. Milano: Il Saggiatore.

Francesca Colella, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 141/2016, pp. 177-191, DOI:10.3280/SL2016-141011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche